Hot topics:
9 minuti

WWDC 2017, tutte le novità software e i nuovi iMac e MacBook

Durante la conferenza inaugurale della WWDC 2017, Apple ha annunciato diverse novità, tra cui Watch OS 4, iOS 11, Mac OS High Sierra e i nuovi iMac e Macbook. Nel prossimo articolo parleremo anche dell'Apple HomePod, l'altoparlante che integra Siri.

WWDC 2017, tutte le novità software e i nuovi iMac e MacBook

La WWDC 2017 ha aperto ufficialmente i battenti. Tim Cook ha presenziato la conferenza di inaugurazione, tenutasi presso il McEnery Convention Center di San José, in California, alle 19:00 ora italiana. Com'era stato previsto, Apple ha annunciato diverse novità soprattutto da un punto di vista software. Non mancano però gli upgrade per alcuni dispositivi.

Watch OS 4

La prima novità annunciata da Apple è stata Watch OS 4. Si tratta della nuova versione del sistema operativo per lo smartwatch dell'azienda di Cupertino. Non siamo difronte ad una rivoluzione, bensì ad un'ulteriore step evolutivo, che certifica l'attenzione della mela verso un settore che, in ottica futura, dovrebbe vivere una crescita esponenziale.

Watch OS 4 WWDC 2017

In primo luogo, ci sono le nuove watch faces che integrano SIRI. L'assistente vocale entra dunque ancora più prepotentemente nell'esperienza utente su Apple Watch. Da sottolineare i tre quadranti dedicati a Toy Story e ai suoi personaggi principali, sulla scia del sodalizio ormai solido con Disney Pictures in tal senso.

La dock è adesso dotata di scorrimento verticale, è stato introdotto Apple News e anche nuove interfacce per l'app Allenamento e Apple Music. Quest'ultimo ora integra inoltre la sincronizzazione automatica dei brani e delle playlist, includendo anche le copertine. La solita attenzione nel migliorare i dettagli da parte dell'azienda di Cupertino.

Watch OS 4 WWDC 2017

Novità interessanti anche per la parte fitness. Apple Watch, grazie alla nuove versione del sistema operativo, è adesso in grado di interfacciarsi con gli attrezzi ginnici attraverso l'NFC. È inoltre stata pensata una maggiore integrazione con Apple Music, con la possibilità di assegnare una playlist ad uno specifico allenamento.

Ovviamente, sotto la scocca di questo aggiornamento, molte sono le novità rivolte agli sviluppatori. Questi ultimi potranno infatti sfruttare la rotazione del display, la registrazione audio in background, l'accesso alla modalità a schermo intero. Inoltre è stato annunciato anche il supporto a Core Bluetooth, che aprirà infinite possibilità per il collegamento di Apple Watch con dispositivi smart di natura medica.

Watch OS 4 WWDC 2017

Watch OS 4 è disponibile da oggi per gli sviluppatori, che avranno tempo fino all'autunno per sfruttarne le nuove funzionalità. Sarà infatti con la stagione autunnale che questa nuova versione del sistema operativo per smartwatch della mela verrà rilasciato in via definitiva anche agli utenti possessori di Apple Watch.

MacOS High Sierra

Come suggerisce la nomenclatura scelta, anche la nuova versione di MacOS rappresenta uno step evolutivo piuttosto che una rivoluzione. Si chiama infatti High Sierra, a testimonianza della volontà dell'azienda di Cupertino di proseguire con la base già presente. Nonostante questa scelta però, non mancano le novità. 

Mac OS High Sierra

Innanzitutto Apple ha annunciato il pensionamento del File System HFS (Hierarchical File System), tecnologia utilizzata da oltre 30 anni e sostituita dal nuovo File System dell'azienda di Cupertino, che introduce la crittografia nativa, la protezione dai crash, e in generale un approccio estremamente rivolto al concetto di sicurezza.

Grande attenzione al miglioramento delle prestazioni. In tal senso, Apple ha mostrato diversi benchmark che mostrerebbero un importante passo in avanti da questo punto di vista. Questo è stato possibile anche grazie ad un importante lavoro di ottimizzazione sugli applicativi preinstallati.

MacOS High Sierra

L'app Mail occuperà il 35% in meno di memoria sul disco. L'app Foto è stata ottimizzata dal punto di vista prestazionale e grafico, introducendo una serie di strumenti che ne incrementeranno le funzionalità di editing.

Le API Metal 2 consentiranno notevoli miglioramenti nella grafica, con prestazioni 100 volte superiori rispetto ad Open GL, senza dimenticare l'introduzione del supporto a GPU esterne. Piccoli ma significativi step evolutivi.

MacOS High Sierra

MacOS 10.13 High Sierra sarà rilasciato in Developer Beta nella giornata di oggi. La prima Public Beta sarà disponibile a fine giugno mentre, esattamente come per Watch OS 4, la versione definitiva sarà rilasciata in autunno.

iOS 11

Com'era stato ampiamente previsto, ecco arrivare anche iOS 11. La nuova versione del sistema operativo Apple per smartphone e tablet si arricchisce di nuove funzionalità, mirate essenzialmente ad affinare l'esperienza utente.

iOS 11

La prima novità riguarda iMessage, che finalmente potrà godere dell'integrazione in iCloud. Questo consentirà di lasciare sul dispositivo in uso i messaggi più recenti, e di archiviare il resto nella nuvola fino a 10GB. Sarà inoltre possibile inviare denaro tramite Apple Pay ai nostri contatti.

Miglioramenti anche per SIRI. Per l'assistente è stata pensata una nuova voce in grado di restituire quella che è stata definita "un'inflessione più naturale". Tutto è rivolto a migliorare la percezione dell'esperienza utente con iOS 11.

iOS 11

Da sottolineare la nuova funzionalità SIRI chiamata "Traduzione Istantanea". Questa consentirà di poter chiedere all'assistente la traduzione di una determinata frase in tempo reale. Disponibile inizialmente in tedesco, francese, cinese e proprio l'italiano.

iOS 11 introduce inoltre il supporto alla codifica HEVC, che consente una migliore compressione video senza perdere in qualità. Discorso analogo per le foto, che potranno contare sulla codifica HEIF al posto di JPEG, che di fatto dimezzerà lo spazio occupato senza differenza qualitative.

iOS 11

L'App Store è stato riorganizzato e migliorato graficamente. La logica è stata quella di facilitare la ricerca delle applicazioni migliorandone l'integrazione da un punto di vista della condivisione dell'esperienza con gli altri utenti.

Novità grafiche anche per il Control Center. I vari toogle sono adesso sistemati per aree, ed è stato aggiunto anche il tanto atteso collegamento rapido per attivare/disattivare la connessione dati. Piccoli ma significativi miglioramenti, appunto.

iOS 11

iOS 11 potrà essere installato già oggi da tutti coloro che partecipano all'iOS Developer Program. Sarà rilasciato in via definitiva in autunno, presumibilmente con la presentazione dei nuovi iPhone. iOS 11 sarà disponibile come aggiornamento software gratuito per iPhone 5s e successivi, per tutti i modelli di iPad Air e iPad Pro, per iPad di quinta generazione, per iPad mini 2 e successivi e per iPod touch di sesta generazione.

Aggiornamento gamma MacBook

Anche in questo caso, un upgrade annunciato. Apple aggiorna la propria gamma di MacBook, attraverso un boost prestazionale legato soprattutto ai processori e alle memorie di archiviazione. Anche in questo caso, piccoli ma significativi miglioramenti.

WWDC 2017

Il nuovo MacBook da 12 pollici  integra adesso processori sino all'Intel Core i7 Kaby Lake da 1.3 GHz (che arrivano a 3.6 GHz in modalità Turbo Boost), oltre a supportare sino al doppio della memoria. Si parte da 1.549 euro.

Il modello aggiornato di MacBook Pro da 13 pollici include adesso processori Kaby Lake Core i7 fino a 3,5GHz, con velocità Turbo Boost fino a 4,0GHz. Il nuovo MacBook Pro da 15 pollici ha invece processori Core i7 fino a 3,1GHz, con velocità Turbo Boost fino a 4,1GHz.

WWDC 2017

Inoltre, il nuovo MacBook Pro da 15 pollici ha ora di serie una grafica più potente e ancora più memoria video e prezzi a partire da 2.899 euro, mentre la nuova versione del MacBook Pro da 13 pollici ha una nuova configurazione da 1.549 euro

Infine, Apple ha deciso di aggiornare anche il MacBook Air. In questo caso, il processore raggiunge un clock di 1.8 GHz. Non è stato specificato però se si faccia riferimento ai Kaby Lake o ad un refresh dell'architettura Skylake.

WWDC 2017

In ogni caso, la disponibilità dell'intera nuova gamma MacBook è prevista già da oggi attraverso in negozio online. Per gli Apple Store fisici si partirà dal 7 giugno.

Aggiornamento gamma iMac

La grande novità per questa gamma si chiama iMac Pro. Si è trattato di una veloce anteprima, considerando come il debutto sia previsto nel corso dell'anno, esattamente a dicembre. Il prezzo di listino partirà da 4.999 dollari, per una scheda tecnica di primissimo livello.

iMac Pro

Sotto la scocca iMac Pro offre il supporto alle CPU Intel Xeon sino a 18 core e 36 thread, sino a 128 GB di memoria RAM ECC, sino a 4 TB di spazio di archiviazione SSD (3GB/s). Presente il display da 27 pollici con risoluzione 5K e supporto ad addirittura 1 miliardi di colori.

Grande attenzione anche per il comparto grafico, grazie alla presenza delle nuove GPU Radeon Pro Vega con 16 GB di memoria video e potenza complessiva di 11 Teraflops in single precision. Presenti inoltre 4 porte USB Type-A, 4 Thunderbolt 3, lettore SD e porta Ethernet 10Gb.

iMac Pro

Il design è stato migliorato grazie all'adozione di una colorazione più scura, che in parte richiama il grigio siderale dei MacBook Pro. Inoltre, questa nuova costruzione ha permesso di integrare un nuovo sistema di raffreddamento, necessario considerata la componentistica.

Novità importanti anche per gli attuali iMac, rinnovati da un punto di vista hardware. I modelli aggiornati offrono processori Kaby Lake più veloci, fino a 4,2GHz, con velocità Turbo Boost fino a 4,5GHz, e supportano fino al doppio della memoria rispetto alla generazione precedente.

iMac Pro

Fusion Drive è ora di serie su tutte le configurazioni da 27" e sul modello di punta da 21,5". Le opzioni di archiviazione SSD sono ora fino al 50% e la grafica è nettamente più potente grazie alla nuova scheda Radeon Pro serie 500 con fino a 8GB di vRAM. 
 
Anche in questo caso, disponibilità immediata attraverso il negozio online e dal 7 giugno negli Apple Store fisici. Per i prezzi (ancora da ufficializzare in euro) si parte da 1.099 dollari per il modello base da 21,5 pollici, e da 1.799 dollari per quello da 27 pollici.


Tom's Consiglia

iPhone SE è lo smartphone Apple pensato per chi vuole un dispositivo compatto senza rinunciare alle prestazioni.

AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Apple?
Iscriviti alla newsletter!