Xiaomi Mi Drone, le riprese aeree 4K diventano "low cost"

Xiaomi ha annunciato il Mi Drone, il primo tentativo dell'azienda cinese di sfondare nel mondo dei droni e impensierire i colossi del settore, come i modelli Phantom di DJI.

Mi drone

Questo quadricottero può contare su una batteria rimovibile da 5100 mAh, che sulla carta dovrebbe garantire un'autonomia di 27 minuti.

Il controller, adatto ai principianti, ha un pulsante dedicato all'atterraggio e al decollo, con una levetta aggiuntiva per far ritornare il drone "a casa". Un'operazione che il quadricottero eseguirà comunque automaticamente in caso di batteria quasi scarica o di perdita di contatto con il controller.

Mi drone 5

Il fiore all'occhiello è il sensore Sony a 12.4 megapixel, capace di riprese 4K (3.840 x 2.160 pixel) a 360 gradi, grazie a un supporto rotante. Il sensore è anche in grado di scattare foto in formato RAW, ma ciò che distingue veramente il Mi Drone è il prezzo, che è davvero aggressivo, come da tradizione per Xiaomi.

Il Mi Drone costerà infatti 2999 yuan, vale a dire circa 410 euro. Un prezzo che darà un bello scossone al mercato, considerando che il diretto concorrente di DJI, il Phantom 3 (anch'esso capace di riprese 4K), ha un prezzo consigliato di 999 euro (anche se online si trova a prezzi inferiori).

Chi vuole spendere meno potrà optare per un modello con sensore 1080p, dal prezzo di circa 340 euro. Questa versione del Mi Drone "sarà finanziata tramite una campagna crowdfunding sull'app Mi Home a partire dal 26 maggio", mentre il modello 4K sarà "disponibile per i test tramite un programma open beta previsto alla fine di luglio". Che ve ne pare?

Pubblicità

AREE TEMATICHE