Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Streaming e Web Service

Minorenni inglesi senza porno online, arriva l’AgeID

A partire da aprile i minorenni inglesi avranno qualche difficoltà nell'accedere ai siti porno più famosi nel mondo, come ad esempio PornHub, RedTube e YouPorn. La società proprietaria, MidGeek – che poi in verità detiene con il suo portfolio l'80% della pornografia online, ha confermato che attiverà fra qualche settimana nel Regno Unito la tecnologia AgeID.

Si tratta di un sistema di verifica dell'età che risponde all'entrata in vigore del Digital Economy Act 2017. Il Governo infatti ha deciso di porre una stretta alla fruizione indiscriminata della pornografia online, cercando di proteggere soprattutto i minori. Le aziende infatti che non verificheranno l'età dei fruitori rischieranno una sanzione di 250mila sterline (al cambio circa 278mila euro).

pornhub

AgeID è basato su standard open e sarà gratuitamente disponibile per tutti i produttori di pornografia presenti nel Regno Unito. Per quelli di altri paesi invece sarà previsto un abbonamento flat relazionato al volume di traffico generato.

Il sistema è semplice e richiede che la verifica avvenga una sola volta, una volta loggati. Sarà in grado di rilevare passaporto, patente, carte di credito e ogni altro documento identificativo tramite diverse tecnologie di terze parti. Sebbene gli attivisti a garanzia della privacy abbiano espresso perplessità, MindGeek ha assicurato che verranno archiviati solo i dati chiave e non informazioni sensibili.

Resta il problema che una società privata si ritrovi sui suoi server profili la cui diffusione potrebbe creare non pochi problemi di immagine – come avvenne con l'hacking dei database di Ashley Madison nel 2015, e rischi di impiego per la profilazione di campagne pubblicitarie. In ogni caso attualmente la piattaforma è sotto il vaglio degli enti governativi.

"Abbiamo creato uno strumento che è rispettoso dell'incombente legislazione del Regno Unito, che protegge i bambini dai contenuti per adulti e consente a quelli con l'età legale di accedere a siti per maggiorenni in sicurezza e privatamente attraverso un processo one-time di verifica dell'età", ha sottolineato il portavoce di Age ID James Clark.