Telco

Vodafone, rincari a pioggia sulle offerte residenziali: da 0,89 a 3,99 euro al mese

Vodafone ha annunciato rincari a pioggia per “alcune offerte di rete fissa” a partire dalla prima fattura emessa dopo l’1 agosto 2019, ma ha ritenuto inappropriato entrare troppo nei dettagli. Sì, il rispetto delle norme sulla trasparenza imposte dall’AGCOM si è tradotto ieri in una comunicazione ufficiale a dir poco bizzarra.

Si legge infatti nella sezione “Vodafone informa” che “il costo di alcune offerte di rete fissa avrà un aumento mensile di 0,89/0,99/1,00/1,09/1,24/1,49/1,50/1,99/2,09/2,39/2,48/2,49/2,50/2,59/2,60/2,89/2,98/2,99/3,09/3,48/3,49/3,59 o 3,99 euro”.

Quali saranno quindi i clienti residenziali colpiti dalla novità? Tutti quelli che “riceveranno una comunicazione in fattura con l’aumento specifico che li riguarda”. Una sorta di terno al lotto, che forse sarà svelato progressivamente nelle prossime ore o giorni dai canali non ufficiali, tipo ad esempio forum, gruppi su Facebook o Telegram. Un po’ come è avvenuto qualche settimana fa con altri rincari annunciati, sempre per il residenziale.

La giustificazione di questo rincaro diffuso, secondo l’operatore, si deve all’esigenza di continuare a investire sulla rete per offrire ai clienti la massima qualità dei servizi.

“Quelli che non accetteranno tale modifica, ai sensi dell’art. 70, comma 4 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche, potranno recedere dal contratto o passare ad altro operatore mantenendo il loro numero senza penali né costi di disattivazione fino all’ultimo giorno di validità delle precedenti condizioni, indicato nella stessa comunicazione, specificando come causale del recesso ‘modifica delle condizioni contrattuali'”, ricorda la nota.

“Potranno esercitare il diritto di recesso, senza costi aggiuntivi diversi da quelli eventualmente legati al metodo scelto, su variazioni.vodafone.it, nei negozi Vodafone, inviando una raccomandata A/R a Servizio Clienti Vodafone, casella postale 190 – 10015 Ivrea (TO), scrivendo via PEC a disdette@vodafone.pec.it o chiamando il 190, specificando la causale sopraindicata”.

Al solito in presenza di offerte con smartphone, tablet, Mobile Wi-Fi, Vodafone TV o un costo di attivazione a rate, si potrà scegliere se pagare le eventuali rate residue in un’unica soluzione o con la stessa cadenza e con lo stesso metodo di pagamento precedentemente indicati, comunicandolo nella richiesta di recesso.