Tom's Hardware Italia
Cinema e Serie TV

Blade Runner – Black Lotus, la saga sci-fi diverrà una serie animata

L'universo di Blade Runner darà presto vita a una serie animata in 13 episodi. Nel progetto ci sarà Shin'ichirō Watanabe come creative producer e Shinji Aramaki come regista.

La saga di Blade Runner sta per diventare una serie animata grazie a Adult Swim, Crunchyroll e Alcon Television Group. La serie, denominata Blade Runner – Black Lotus sarà articolata in 13 episodi e sarà ambientata nel 2032, quindi 13 anni dopo le vicende narrate nel primo film del 1982 e 17 prima di quelle che animano Blade Runner 2049.

Del progetto al momento non si conoscono molti altri dettagli se non che nelle vicende torneranno personaggi già apparsi nella saga cinematografica. Quel poco che emerso però è molto incoraggiante: a bordo infatti dovrebbero esserci due assi come Shin’ichirō Watanabe, nelle vesti di creative producer, e Shinji Aramaki in quelle di regista.

Sei nomi non vi dicono nulla allora sappiate che il primo è stato regista delle serie animate di Cowboy Bebop e Samurai Champloo, oltre ad aver diretto due episodi di I Cieli di Escaflowne, nonché degli OAV Mobile Suit Gundam 0083: Stardust Memory, Macross Plus e dell’episodio Animatrix: Kids Story/Detective Story, mentre il secondo ha diretto diversi Appleseed e il film di animazione del 2013 su Capitan Harlock. I due inoltre hanno già collaborato recentemente proprio per uno dei cortometraggi che avevano anticipato l’arrivo di Blade Runner 2049 nei cinema, precisamente l’episodio Black Out 2022.

Non conosciamo ancora la finestra temporale in cui la serie sarà resa disponibile, ma i diritti per la distribuzione mondiale della versione doppiata in inglese saranno gestiti da Adult Swim e negli USA la serie sarà trasmessa nel contenitore Toonami, lo stesso presente anche in Italia su Cartoon Network. Vedremo se sarà così anche per questo nuovo progetto.

Tom’s Consiglia

Forse il modo migliore per accostarsi a Blade Runner è ancora quello di leggersi il libro di Philip K. Dick da cui è tratto, Ma Gli Androidi Sognano Pecore Elettriche?