Tom's Hardware Italia
CPU

Gen12, la grafica integrata Intel attesa a un cambiamento epocale

La grafica integrata Gen12 dovrebbe rappresentare il più grande cambiamento dell'ISA delle GPU Intel da 15 anni a questa parte.

Intel presenterà nel corso del 2020 la sua prima GPU dedicata dopo moltissimi anni di assenza dal settore. Il lavoro sull’architettura, nota come Xe, avrà però interessanti ripercussioni anche per le GPU integrate nei microprocessori.

A tal proposito l’azienda presenterà l’anno prossimo i processori mobile Tiger Lake a 10 nanometri, che accanto a un’architettura x86 Willow Cove, avrà proprio una GPU Xe, anche nota come Gen12 in tale incarnazione.

Ricordiamo infatti che Gen11 è il nome della nuova parte grafica presente nei processori Ice Lake che iniziano a fare capolino in portatili e 2 in 1 in arrivo in queste settimane.

La grafica Gen12 (Xe) non sarà un semplice potenziamento dell’attuale architettura, bensì godrà di una revisione totale dell’Execution Unit (EU), il motore delle CPU Intel.

La nuova Execution Unit dovrebbe incarnare il più grande passo avanti mai visto negli 15 anni. A dirlo è la stessa Intel, in una nuova patch per Linux su Gitlab. Nel post si parla anche di un nuovo motore DBS (Display State Buffer) in grado di ridurre “il tempo di caricamento e l’attività della CPU, rendendo così più rapido il cambio del contenuto”.

Intel scrive senza mezzi termini che Gen12 “includerà uno dei rinnovamenti più profondi dell’ISA dell’Execution Unit dall’originale i965“. Francisco Jerez, membro del team grafico open source di Intel, ha spiegato che “la codifica di quasi tutti i campi di istruzione, il codice operativo hardware e il tipo di registro devono essere aggiornati in questa richiesta di merge”.

“Probabilmente la modifica più invasiva è la rimozione del register scoreboard logic, il che significa che l’EU non garantirà più la coerenza dei dati tra il registro delle letture e scritture, e richiederà al compilatore di sincronizzare le istruzioni dipendenti ogni volta che c’è un potenziale rischio per i dati”.

Stai cercando un portatile di buona fattura e in grado di svolgere al meglio i compiti quotidiani tradizionali? Il Huawei Matebook D con CPU Core i5-8250U costa 650 euro in questo momento.