Spazio

Il nuovo Rover cinese Zhurong si fa un selfie su Marte

Il rover Zhurong, il cui nome si traduce in “dio del fuoco”, ha utilizzato una telecamera wireless rimovibile per catturare un’immagine di se stesso e della sua piattaforma di atterraggio sulla superficie di Marte. È piccolo rispetto ai rover Curiosity e Perseverance della NASA, ma lo Zhurong è molto importante per la Cina, poiché è la prima missione del paese per esplorare il Pianeta Rosso. La China National Space Administration ha svelato oggi una serie di immagini per celebrare la missione, come riporta l’agenzia statale Xinhua.

Spazio

Il rover che pesa 240 chilogrammi è atterrato il 14 maggio e si è allontanato dalla piattaforma di atterraggio il 22 maggio. Zhurong sta esplorando Utopia Planitia, una pianura visitata per l’ultima volta dal Viking Lander 2 della NASA nel 1976. Per creare il selfie, il rover ha posizionato una telecamera wireless sulla superficie polverosa, è indietreggiato di circa 10 metri e si è messo in posa, come riporta Nature. L’immagine mostra Zhurong con la sua testa d’albero orgogliosamente estesa, insieme alla piattaforma a propulsione che ha portato il rover in superficie. Le bandiere cinesi possono essere viste su entrambi i veicoli. Altre immagini includono una vista panoramica a 360 gradi del sito di atterraggio, uno scatto della piattaforma di atterraggio isolata (insieme alle tracce delle ruote alla base della rampa estesa) e un’immagine senza ostacoli che mostra l’ambiente attuale di Zhurong.

Spazio

La missione di Zhurong dovrebbe durare 90 sol, o giorni marziani, durante i quali seguirà il tempo metereologico, studierà la geologia e svolgerà altri compiti come una sorta di scienziato robotico. Il rover ha uno strumento laser per l’analisi delle rocce e un radar per analizzare il ghiaccio nel sottosuolo. Le caratteristiche interessanti di Utopia Planitia includono strutture simili a dune di sabbia, potenziale gelo e i resti di un vecchio vulcano di lava o fango. Staremo a vedere cosa ci rivelerà la nuova sonda marziana.