Tom's Hardware Italia
Apple

Apple Care, continua la class action per la sostituzione con dispositivi ricondizionati

Prosegue la class action contro Apple, accusata di utilizzare prodotti ricondizionati “inferiori” nell’ambito del programma Apple Care e Apple Care+.

Un giudice della corte distrettuale di San José (California) ha dato il consenso a proseguire la class action contro Apple, accusata di utilizzare prodotti ricondizionati “inferiori” nell’ambito del programma Apple Care e Apple Care+. Secondo l’accusa, la società di Cupertino non rispetterebbe i termini del contratto che promettono agli utenti la sostituzione “con un dispositivo a marchio Apple equivalente a uno nuovo in termini di prestazioni e affidabilità”.

La causa legale è stata presentata per la prima volta nel luglio 2016 da alcuni clienti californiani insoddisfatti della sostituzione dei propri iPhone e iPad con dispositivi ricondizionati. Tutto si gioca su tre aggettivi presenti all’interno del contratto: nuovo, ricondizionato ed equivalente. L’accusa sostiene che “i dispositivi ricondizionati non possono mai essere equivalenti ai nuovi in ​​termini di prestazioni e affidabilità. Ricondizionato è sinonimo del termine “rinnovato”, ovvero un’unità di seconda mano che è stata modificata per sembrare nuova”.

Il contratto recita “laddove la riparazione presenti difficoltà pratiche o non sia fattibile da un punto di vista economico, [Apple provvederà a sostituire] l’Apparecchiatura Coperta con un nuovo dispositivo a marchio Apple, oppure con un dispositivo a marchio Apple equivalente a uno nuovo in termini di prestazioni e affidabilità, e del medesimo tipo del dispositivo originale”.

L’accusa sottolinea che “nuovo” indica un dispositivo che non è mai stato utilizzato e costituito da tutte parti nuove. Ciò non può essere equivalente di un prodotto “ricondizionato”. Inoltre, si contesta il fatto che la parola “ricondizionato” appare solo una volta e in relazione alla riparazione (e non alla sostituzione del dispositivo) “utilizzando parti nuove o ricondizionate equivalenti a quelle nuove in termini di prestazioni e affidabilità”.

Insomma, i termini del contratto Apple probabilmente si prestano a interpretazioni poco chiare o quanto meno non univoche. Effettivamente, la società di Cupertino non fa mai riferimento a prodotti ricondizionati quando parla di sostituzione nell’ambito del programma Apple Care e Apple Care+ ma si limita a specificare “un dispositivo a marchio Apple equivalente a uno nuovo”.

Lo studio legale dietro la causa afferma che i clienti Apple che hanno pagato per AppleCare avrebbero dovuto ricevere nuovi dispositivi Apple così come promesso da Apple. Per questo motivo, è richiesto un risarcimento per i possessori di iPhone, iPad e iPod che hanno acquistato la garanzia Apple Care e Apple Care+ e hanno ricevuto un prodotto ricondizionato in sostituzione del proprio. Seguiremo l’evoluzione di questa vicenda. 

iPhone 11 è disponibile al preordine su Amazon a 839 euro tramite questo link.