Android

Xiaomi Mi 9 arriva in Europa: si parte da 449,90 euro, la nostra anteprima

Xiaomi Mi 9 è finalmente pronto a debuttare nel mercato europeo. L’annuncio è arrivato direttamente dall’azienda cinese all’interno di un evento organizzato a Barcellona, a margine del Mobile World Congress 2019. Lo smartphone è stato presentato ufficialmente giovedì 20 febbraio in Cina, come vi abbiamo raccontato nel nostro articolo. Lo abbiamo tra le mani da qualche ora, e siamo pronti a raccontarvi le nostre primissime impressioni.

Innanzitutto, quella che vedete in video è la confezione di vendita italiana. Al suo interno, oltre al Mi 9, Xiaomi ha inserito il solito cavo dati (USB-C/USB-A) e il caricabatterie per la ricarica rapida. Gradita sorpresa – anche se l’azienda cinese ci ha già abituati a questo aspetto – la presenza di una cover in silicone: lo smartphone infatti è un po’ scivoloso anche perché realizzato in vetro. Insomma, vi ritroverete ad utilizzarla.

Da un punto di vista estetico non siamo difronte a un design particolarmente originale. La parte frontale è occupata quasi interamente dallo schermo caratterizzato da un notch a goccia, soluzione già vista ormai in tanti altri smartphone. Sul retro la back cover presenta una doppia curvatura e il vetro sembra trattenere molto le impronte. La sporgenza della tripla fotocamera posteriore non crea problemi quando lo si tiene tra le mani, ma lo rende instabile se poggiato su di un piano (criticità che scompare con la cover in dotazione).

Dopo qualche ora, la sensazione è quella di trovarsi difronte a uno smartphone particolarmente fluido. È basato sullo Snapdragon 855 di Qualcomm, che in questo caso può toccare i 2,84 GHz di frequenza massima. C’è grande curiosità attorno a questo processore, il primo del gigante di San Diego a essere stato realizzato con processo produttivo a 7nm. Nel Mi 9 è accoppiato a 6 Gigabyte di RAM e, considerando l’ottimizzazione a cui Xiaomi ci ha abituati, è lecito attendersi prestazioni di primissimo livello. Avremo modo di approfondire questo aspetto in sede di recensione.

Il pannello Super AMOLED da 6,39 pollici sembra di buon livello, anche per quanto riguarda la visibilità all’aperto (che è stato un po’ il punto debole del display del predecessore Mi 8). Ha risoluzione di 2.340 x 1.080 ed è protetto da un vetro Gorilla Glass 6, che dovrebbe garantire una particolare resistenza a urti, graffi e cadute accidentali. Ciò che però ci ha stupito rispetto al passato è senza dubbio il comparto fotografico.

La configurazione a tre fotocamere posteriori proposta nel Mi 9 è la medesima che si è diffusa nel settore smartphone a partire dal Mate 20 Pro: c’è un sensore principale da 48 Megapixel con obiettivo f/1.8 (di diretta derivazione rispetto a quelli visti sui Redmi 7), un secondo sensore da 12 Megapixel f/2.2 teleobiettivo (che abilita uno zoom ottico 2X) e un terzo sensore da 16 Megapixel grandangolare f/2.2.

I primi scatti che abbiamo realizzato, peraltro in notturna e con luce artificiale, ci hanno impressionato in senso positivo. Xiaomi è sempre stata storicamente un passo indietro rispetto alla concorrenza in ambito fotografico, ma questa volta sembra che il gap si sia ridotto. Ovviamente è troppo presto per poter dare un giudizio definitivo, ma la sensazione è che l’azienda cinese abbia davvero lavorato bene in quest’ambito.

Sembra esserci un ottimo livello di dettaglio anche con poca luce, l’effetto bokeh convince e il sensore da 48 Megapixel offre potenzialmente una grande versatilità di utilizzo. Discorso analogo per la fotocamera frontale da 20 Megapixel con obiettivo f/2.0. I video possono essere registrati fino alla risoluzione 4K a 30 fps (mi sarei aspettato il supporto ai 60 fps), senza dimenticare la possibilità del super slow-motion a 960 fps, e in questo caso Mi 9 è in grado di reggere anche il Full-HD.

Infine, capitolo prezzi, e anche qui Xiaomi è riuscita a stupire in positivo. Il Mi 9 infatti arriva in Italia a 449,90 euro nella versione da 6 Gigabyte di RAM e 64 Gigabyte di memoria interna (è già disponibile in prenotazione su Amazon, lo trovate a questo link), che diventano 529,90 euro per la variante da 128 Gigabyte di storage. Cifre aggressive, che potrebbero davvero consentire a questo smartphone di trasformarsi in un best seller. La parola adesso passa al mercato, con la commercializzazione che inizierà a partire dal 28 febbraio.

Xiaomi Mi 9, nella versione da 6 GB di RAM e 64 GB di storage, è disponibile alla prenotazione attraverso Amazon a 449,90 euro. Lo trovate a questo link.