PlayStation

Borderlands 3 Armi, Amore e Tentacoli | Recensione, un DLC esemplare


Borderlands 3: Armi, Amore e Tentacoli – PC
Genere
FPS
Piattaforma
PC - PS4 - Xbox One
Sviluppatore
Gearbox Software
Editore
2K
Data di Uscita
26/03/2020

Borderlands è una saga che ha sempre riposto una grande cura nei DLC, regalandoci spesso e volentieri anche delle vere e proprie perle come l’indimenticabile contenuto aggiuntivo del secondo capitolo Tiny Tina’s Assault on Dragon Keep. La filosofia scanzonata alla base dei titoli di Gearbox Software permette del resto di dare libero sfogo alla libertà creativa, predisponendosi per natura ad un numero pressoché infinito di varianti e nuove tematiche. Proprio considerando queste promettenti premesse, e un discretamente riuscito primo DLC, ci siamo quindi avvicinati con molto interesse a Borderlands 3 Armi, Amore e Tentacoli, espansione che ci catapulta direttamente nel gelido e oscuro pianeta Xylourgos.

Un interesse che, vi anticipiamo, è stato decisamente ripagato su tutti i fronti. Armi, Amore e Tentacoli è infatti un DLC esemplare, capace di regalarci ambientazioni e personaggi memorabili, oltre che ore e ore di divertimento. Un’esperienza assolutamente imperdibile per i fan della saga, quindi, che troveranno in questa espansione uno dei migliori contenuti aggiunti dell’intera serie. E scusateci se è poco.

Un matrimonio complicato

Motivo del nostro viaggio nel non esattamente accogliente pianeta ghiacciato è nientepopodimeno che la celebrazione del matrimonio di Wainwright e Hammerlock, due vecchie conoscenze della saga che hanno giustamente pensato di organizzare il tutto all’insegna del pericolo e dell’avventura. Per rendere la cerimonia nuziale ancor più indimenticabile i due sono poi ricorsi anche ad una wedding planner, che altro non è che Gaige, la mechromancer del secondo episodio. Nonostante i numerosi preparativi e le varie precauzioni prese la situazione come facilmente prevedibile precipita ben presto, lasciando il passo ad un’articolata avventura dalle tinte Lovercraftiane. Tra influenze demoniache, città maledette e amenità varie il nostro compito sarà quindi quello di riportare tutto all’ordine e far trionfare finalmente l’amore.

Borderlands 3 Armi Amore e Tentacoli

Durante la nostra avventura ci troveremo ad addentrarci in numerose e differenti location, che passano da cittadine gotiche ad impervie montagne, oltre che ovviamente zone infestate dall’occulta presenza che attanaglia Xylourgos. In questo ricco calderone di situazioni e paesaggi fuori di testa, nel corso di Borderlands 3 Armi, Amore e Tentacoli si aggiungono poi anche numerosi altri personaggi a tutto tondo, come ad esempio il misterioso e intrigante Mostruomo, il proprietario della Loggia, ossia una locanda che fa da hub centrale alle vicende del DLC.

Nonostante la classica ed irresistibile ironia di fondo della saga di Gearbox, che è ovviamente ben presente anche in questo contenuto aggiuntivo, le vicende narrate da Borderlands 3 Armi, Amore e Tentacoli non sono per nulla malvagie, e riescono anzi anche ad intrigare grazie ad una sinossi accattivante e ad una coltre di mistero che dà un quid non indifferente al tutto. Investigare su Xylourgos e sull’occulta setta tentacolare che imperversa nel pianeta è infatti decisamente appagante e soddisfacente. L’inedita sfumatura dark data dalle tematiche trattate, paragonabile a quanto visto nel primo Borderlands in The Zombie Island of Dr. Ned, riesce infine a rendere il tutto ancor più interessante e misterioso.

Borderlands 3 Armi, Amore e Tentacoli: un fascino irresistibile

La prima cosa che salta all’occhio in Borderlands 3 Armi, Amore e Tentacoli è soprattutto la vastità delle cose da fare e delle nuove zone di gioco. Oltre alla piccola ma caratteristica Loggia di cui abbiamo precedentemente parlato sono infatti ben 6 le differenti macro-zone presenti all’interno di questo DLC. A rendere il tutto ancor più degno di nota è inoltre il fatto che tutte queste ambientazioni sono tra loro decisamente differenti e propongono biomi anche diametralmente opposti. Tra accampamenti indigeni, navi abbandonate e immense biblioteche la quantità di situazioni che ci mette di fronte questo contenuto aggiuntivo è veramente spiazzante, in senso assolutamente buono.

Tra queste a brillare particolarmente, ma non per demeriti delle altre zone che sono anzi tutte ampiamente sufficienti, è sicuramente Cursehaven, con la cittadina dalle fattezze gotiche e dall’architettura bizzarra che riesce ad ammaliare e rapire il giocatore, grazie a degli scorci veramente degni di nota. La popolazione locale, essendo stata maledetta dall’oscura minaccia che ci troveremo a combattere in Armi, Amore e Tentacoli, rende poi ancor più caratteristico e intrigante il luogo con i suoi bizzarri comportamenti. Tra gente che vomita appena parla, levita senza poter atterrare o, ancora, è costretta a ballare in perpetuo ci troveremo infatti davanti veramente di tutto, segno che l’incredibile vena ironica di Gearbox è lungi dall’essere esaurita ed è anzi in questo secondo DLC in splendida forma. Per farvi meglio capire l’ammaliante fascino di Cursehaven vi lasciamo un’immagine decisamente esplicativa comodamente qui sotto.

Borderlands 3 Armi Amore e Tentacoli

Tale bontà delle location di gioco è attivamente ed efficacemente supportata da delle missioni decisamente riuscite, sempre diverse tra di loro e in grado di intrattenere il giocatore per diverse ore senza mai annoiarlo. Così come le quest che vanno a comporre la trama principale alla base di Borderlands 3 Armi, Amore e Tentacoli sono di livello, così anche le secondarie non sfigurano minimamente e, anzi, riescono a regalarci dei momenti veramente memorabili e anche qualcosa di più che una semplice risata. Numerose, mai banali e decisamente divertenti: anche su tale aspetto Gearbox non ha fatto assolutamente un buco nell’acqua, riuscendo a imbastire per l’occasione un più che discreto numero di missioni secondarie con cui deliziare i cacciatori della cripta.

A tali quest si vanno poi ad aggiungere tutta una serie di attività e di oggetti nascosti, che contribuiscono ad aumentare non di poco la longevità dell’opera, che arriva a toccare una decina scarsa di ore di durata completando quasi tutto. Tra statue possedute da distruggere, regali di nozze dispersi per la mappa da ritrovare e, soprattutto, cacce leggendarie da portare a termine di carne sul fuoco questa volta ce n’è veramente tanta. Tante cose da fare e tutte di qualità: rimanere delusi da quanto proposto questa volta dalla celebre software house è veramente difficile.

Borderlands 3 Armi Amore e Tentacoli

A dimostrazione del fatto che Gearbox ha pensato questa volta veramente a tutto è inoltre il fatto che Borderlands 3 Armi, Amore e Tentacoli è affrontabile sia con un cacciatore della cripta preesistente che abbia già sbloccato la Sanctuary, sia con un personaggio creato ex-novo per l’occasione. Nel caso in cui si decidesse di salpare per Xylourgos con un nuovo eroe ci troveremo infatti subito al livello 13 e sulla Sanctuary, con tutta la prima parte della storia saltata a piè pari. In tal caso le missioni che ci saremo evitati ci verranno riassunte da un breve ma curato filmato, che purtroppo non è stato tradotto in italiano. Una piccola pecca, che siamo decisamente sicuri si tratti di una semplice dimenticanza, soprattutto considerando come tutto il resto del contenuto aggiuntivo sia nella nostra lingua e come il doppiaggio sia di altissima qualità. Quella di poter gettarsi subito nella nuova avventura di Borderlands 3 Armi, Amore e Tentacoli è un’opportunità che per molti potrebbe magari sembrare quasi inutile, ma che permette invece di addentrarci fin da subito nel DLC anche con una classe differente da quella utilizzata precedentemente.

Un’oscura ma fascinosa setta demoniaca

A non deludere sono inoltre i nuovi nemici introdotti nel gioco per l’occasione, con i componenti della tentacolosa e occulta setta che, oltre a metterci più volte con le spalle al muro, riescono a stupire anche grazie ad un design decisamente riuscito e perfettamente in linea con i loro personaggi. Non da meno sono inoltre anche le varie bestie che infestano Xylourgos, con amenità di ogni tipo che renderanno il nostro soggiorno nel freddo pianeta il meno accogliente possibile. Volendo trovare il classico pelo nell’uovo, ma si tratta veramente di un dettaglio di pochissimo conto considerando la bontà degli altri avversari, alcuni nemici altro non sono che delle semplici re-skin dei classici predoni del gioco principale, con le medesime movenze e gli stessi attacchi. Nulla da recriminare, invece, per quanto riguarda i boss, che sono anzi tutti decisamente riusciti e in grado di regalarci anche delle battaglie niente male. Particolarmente memorabile, sia come costruzione che come qualità dello scontro stesso, è soprattutto la battaglia finale.

Non mancano poi ovviamente tutta una serie di nuovi oggetti, come armi, skin e teste per il cacciatore della cripta, ciondoli, decorazioni per la propria stanza e molto altro ancora. Nel corso della nostra avventura abbiamo infatti ad esempio trovato delle armi da fuoco niente male, in grado di darci una mano anche coi pericoli del titolo principale. Nulla di trascendentale quindi, ma sicuramente delle aggiunte pregevoli e preziose, fruibili anche nel resto delle nostre avventure in Borderlands 3. Una nota di merito va inoltre fatta alla colonna sonora, che si rivela essere incalzante e, soprattutto, decisamente in tema con le vicende narrate in Armi, Amore e Tentacoli.

Trattandosi di un DLC puramente contenutistico, che non va quindi pesantemente a toccare i delicati meccanismi di gioco dell’opera di Gearbox Software, Armi, Amore e Tentacoli non va infine a risolvere tutti quei difetti che hanno afflitto fin dal lancio Borderlands 3. Anche in questa espansione, quindi, ci troveremo di fronte ad alleati spaesati, incapaci di proseguire sulla propria strada se ci mettiamo per un secondo in mezzo al loro cammino, e nemici dall’IA non certo sensazionale. Bastonare eccessivamente Borderlands 3 Armi, Amore e Tentacoli per queste problematiche sarebbe però veramente sbagliato, oltre che decisamente ingiusto per un contenuto che ci ha regalato veramente tante soddisfazioni. Chiedere di più a questo DLC era veramente difficile.

Borderlands 3: Armi, Amore e Tentacoli – PC

Borderlands 3: Armi, Amore e Tentacoli è la seconda riuscitissima espansione del titolo di Gearbox Software che ci catapulta sul gelido pianeta Xylourgos.

8.6
8.6

Verdetto

Borderlands 3: Armi, Amore e Tentacoli è un DLC encomiabile, che trasuda stile e amore da ogni poro. Tante nuove zone, tanti nuovi nemici e la solita qualità di sempre: trovare qualcosa di cui lamentarsi in questo contenuto aggiuntivo è veramente difficile e Gearbox Software ha dimostrato ancora una volta di saperci decisamente fare con questo genere di operazioni. Cosa ci fate ancora qua? Wainwright e Hammerlock hanno bisogno di voi per celebrare il loro matrimonio!

Pro

- Tantissime nuove zone e tutte valide
- Trama e nemici non deludono
- Cursehaven è bellissima

Contro

- Alcuni nemici sono semplici re-skin
- Non risolve i difetti storici del titolo base