Tom's Hardware Italia
Giochi PC

Monster Hunter World Iceborne: Guida al Brachydios

Guida alla caccia del Brachydios, il mostro dalla melma esplosiva introdotto nella nuova espansione Monster Hunter World Iceborne.

Per chi non conoscesse il Brachydios, parliamo di uno dei mostri più iconici degli ultimi Monster Hunter ed è temuto per via della melma esplosiva che riesce a creare. La sua prima apparizione risale a Monster Hunter 3 ed è stato perfino un soggetto di un crossover con Evangelion in Monster Hunter Explore. Una minaccia di tutto rispetto che si ripresenta in Monster Hunter World come nuovo occupante della Landa Cristallina.

Natura del Brachydios

Il Brachydios è un Wyvern Brutale che presenta una dura corazza violacea/cerulea che ricopre di una melma prodotta dalla sua saliva. Questa melma è in realtà un materiale biologico altamente esplosivo che può attaccarsi su qualsiasi superfice, cacciatore e mostro, rendendola una vera e propria minaccia.

Il Brachydios non possiede delle vere e proprie zampe anteriori, piuttosto ha due estremità cilindriche che usa come pugni, ricoprendoli all’occorrenza di melma esplosiva. Lo stesso vale per il grande corno presente sulla testa, il quale è forse la sua fonte d’innesco più grande e pericolosa. La sua coda a forma di mazza è uno dei punti più duri della corazza, rendendola tanto difficili da tagliare quanto un necessario bersaglio da attaccare per evitare di subire grossi danni. Il Brachydios però non la userà molto spesso, favorendo l’approccio frontale e diretto.

La melma che rilascia a terra non esplode subito, piuttosto ha un countdown di qualche secondo che è evidenziato dal cambiamento di colore da verde a rosso. Questo effetto è da considerare attivo anche quando la sostanza viene gettata sul giocatore, il quale dovrà schivare più e più volte per riuscire a togliersi il debuff esplosivo prima che la miccia scatti. Nello stato di furia però, il Brachydios accelera il procedimento esplosivo ed è in grado di rendere estremamente volatili le sue secrezioni, permettendogli perfino di generare violente esplosioni nei metri di fronte a lui. Questa condizione è segnalata dalla melma sul suo corpo che diventa rossiccia, oltre che da un esponenziale aumento della sua velocità e forza.

Quando è nella lava, le esplosioni generano anche delle forti reazioni magmatiche.

Strategia

Una protezione al fuoco, come il Mantello Ignifugo, è quasi scontata nella preparazione per affrontare il Brachydios, oltre che a un’arma di tipo Ghiaccio per approfittare della sua debolezza e stemperarne le capacità offensive grazie alla solubilità della melma con l’Acqua. Altrimenti si potrebbe optare per un combattimento strettamente legato agli stati speciali, addormentato e paralizzando il mostro in modo da riuscire a colpire i suoi punti deboli senza permettergli di lasciare troppa melma in giro.

A prescindere dal vostro metodo, quando affronterete il Brachydios dovrete necessariamente fare attenzione sia al terreno che ai suoi attacchi diretti, puntando allo stesso tempo a distruggere i suoi pugni melmosi. Ogni volta che noterete un’apertura tra le animazioni d’attacco, cercate di posizionarvi davanti a lui e mirate alla testa e agli arti in modo da indebolirlo sensibilmente.

Per quanto adori l’azione frontale, il Brachydios predilige muoversi di lato facendo perno sulle zampe anteriori per poi attaccare subito dopo, magari con una carica o una spazzata con la coda. Chiaramente la minaccia di questi colpi non è nel loro danno fisico (comunque importante) ma nello status alterato Scoppio che essi vi provocano. Quando vedrete una sorta di esplosione nella barra degli effetti attivi – sopra quella della vita – schivate il più possibile fino a farla sparire, avendo ovviamente accortezza di non farvi colpire dal mostro. Se siete vicini a mostri piccoli, fate attenzione anche a loro: se ricoperti di melma diventano delle vere e proprie bombe vaganti in grado di esplodere da un momento all’altro.

Essendo la melma un fluido generato dalla bocca del mostro, il Brachydios dovrà ricaricarla ogni tanto e perciò starà fermo a leccarsi i pugni fino a quando non saranno tornati in forma. Questa è la chance migliore in cui agire, utilizzando la pausa per rilasciare le combo più lunghe in sicurezza. Quando si arrabbia, stategli sempre a una distanza di sicurezza abbastanza considerevole. I suoi attacchi saranno tremendamente veloci ed istantaneamente esplosivi, perciò non rischiate troppo e osservate il terreno per capire la direzione degli scoppi più distruttivi. In genere, cercherà sempre di mandarvi addosso delle colonne verticali di esplosioni sequenziali in una linea retta di fronte a lui, intuibili quando scaraventa il corno nel terreno.

Pericoli e Ricompense

La pericolosità principale di questo mostro deriva dall’accoppiata status alterato e attacchi veloci, soprattutto se si considera che le esplosioni sono in grado di sbalzarci per aria. Se, per qualche ragione, non riusciste a liberarvi dello status prima di essere colpiti gravemente, le possibilità di finire K.O. sono veramente alte, senza contare poi un eventuale danno da bruciatura. Prendere le precauzioni necessarie per potenziare la propria salute e Difesa Elementale è quasi un obbligo per questo incontro, specialmente se si vuole evitare di perdere ricompense.

Utilizzate pure i Baccelli Lampo per tirarvi fuori dagli attacchi durante la furia del Brachydios, in modo da garantirvi anche un po’ di respiro per curarvi o affilare la lama. Se riuscirete a sconfiggere questo mostro, vi attendono alcune delle armi esplosive più buone di questa espansione, insieme a un set di armatura non ottimale ma esteticamente molto appagante, che vede al suo centro Istigatore e Ruba Resistenza.

Se non hai ancora partecipato alla caccia, Monster Hunter World e Iceborne sono disponibili su Amazon!