Droni

Due droni precipitano e Swiss Post sospende la consegna dei pacchi

Come per le auto a guida autonoma, anche per i droni si fa un gran parlare, soprattutto per quanto riguarda la possibilità di utilizzarli per la consegna dei pacchi. In entrambi i casi però forse si sono fatti i conti senza l’oste, sopravvalutando l’attuale sviluppo tecnologico. In svizzera ad esempio Swiss Post ha appena sospeso il servizio di consegna pacchi tramite drone dopo che un velivolo della flotta è precipitato nei pressi di un parco giochi, fortunatamente senza conseguenze.

In realtà questo è già il secondo incidente dall’inizio dell’anno. Il primo si è verificato a gennaio, quando uno dei droni gestiti da Matternet, ha avuto problemi col GPS ed ha quindi attivato la procedura di emergenza, aprendo il paracadute e posandosi dolcemente a terra. In questo primo caso sono stati presi provvedimenti per migliorare il funzionamento del GPS e il servizio è ripreso.

Il secondo incidente ha avuto una dinamica simile, ma il sistema di apertura del paracadute non ha funzionato, convincendo i vertici delle poste svizzere a congelare il servizio. Del resto un oggetto del peso di 12 kg che cade da un’altezza di diverse decine di metri può facilmente ferire o perfino uccidere qualcuno, quindi il pericolo è reale.

Questo della sicurezza è forse il problema più grande. Ancora una volta infatti ci si è concentrati molto sugli aspetti futuri, che riguardano ad esempio la componente giurisprudenziale e l’ottenimento dei vari permessi di volo da aprte delle agenzie preposte, ma si è sottovalutato il fatto che forse tali tecnologie non sono poi così mature e necessitano di ulteriore lavoro.

Matternet ha affermato che è la prima volta che il sistema di apertura del paracadute fallisce e certamente un solo incidente su chissà quante migliaia di voli effettuati non rappresenta una statistica significativa. Tuttavia appare ovvio come la componente della sicurezza dovrà diventare preminente nel tempo se tali servizi vorranno un domani essere una realtà quotidiana consolidata. Nessuno si lamenta ormai della sicurezza di automobili o motociclette, nonostante statistiche assai più significative, ma l’opinione pubblica non reagisce bene a questo tipo di notizie. Il tema della sicurezza percepita sarà dunque cruciale per far sì che tali tecnologie divengano nel tempo familiari e si diffondano.