Ibride e Elettriche

McLaren Artura commentata dall’ex capo designer McLaren

Il marchio inglese McLaren ha recentemente introdotto la sua nuova vettura ibrida, la McLaren Artura; il gioiello di Woking è il primo che si basa sull’architettura McLaren Carbon Lightweight Architecture (MCLA), sviluppata proprio per poter accomodare il powertrain ibrido della nuova arrivata.

McLaren Artura è stata introdotta a fine 2020 e porta con sé novità importanti per la casa inglese; la vettura infatti affianca un motore termico da 585 cv e 584 Nm di coppia ad un motore elettrico da 95 cv generando 680 cv e ben 720 Nm di coppia totali. L’accoppiata motore elettrico e batteria ha un peso totale di 130 kg che viene compensato in parte dal telaio più leggero di ben 46 kg rispetto alla sorella 570s.

McLaren Artura è l’unica macchina attualmente prodotta da Woking capace di poter viaggiare in modalità Full Electric – come la leggendaria P1 – anche se per soli 30 km; le prestazioni sono da urlo, lanciando questo piccolo missile da 0 a 100 km/h in soli 3.0 secondi e toccando i 200 km/h in soli 8.3 secondi, arrivando fino ai 330 km/h.

Il peso è inoltre contenuto grazie all’utilizzo di alluminio e carbonio toccando i 1498 kg in ordine di marcia, un valore decisamente basso tenendo conto della presenza di batterie e motore elettrico; il design è inoltre interessante ed è stato anche commentato dal precedente Head of Design della casa Frank Stephenson.

Quest’ultimo è stato il responsabile di progetti importantissimi come la 12C, P1, 675LT, 570s e 720s avendo lavorato a Woking dal 2008 al 2017; il commento è piuttosto chiaro, Stephenson è impressionato dal design innovativo, coeso a 360 gradi e capace di emozionare lo spettatore, enfatizzando come il profilo laterale della Artura sia la parte che preferisce in assoluto.

Non sono stati tutti commenti positivi, come molti appassionati del marchio infatti è rimasto sorpreso negativamente dal nome dato a questo nuovo modello che è totalmente diverso da quelli del resto della gamma e molto meno accattivante; inoltre Stephenson non ha particolarmente gradito il contorno nero delle luci anteriori e le piccole prese d’aria sui passaruota anteriori che, a suo giudizio, potrebbero essere migliorate.

McLaren Artura si presenta come un prodotto eccezionale, non vediamo l’ora di ammirarla su strada!