Cinema e Serie TV

Netflix: le migliori serie d’animazione per adulti

Netflix è un contenitore di numerosi contenuti che viene costantemente aggiornato mese per mese cercando di accontentare i gusti di milioni di abbonati in tutto il mondo. Non manca certamente l’imbarazzo della scelta tra film, documentari e serie televisive sia originali che inserite grazie ad accordi commerciali intrapresi con le varie case di produzione. Con questo articoli, però, vogliamo mettere un po’ di ordine per quanto riguarda le serie d’animazione.

Netflix

Spesso e volentieri i cosiddetti “cartoni animati” vengono considerati prodotti destinati ad un pubblico adolescente o infantile. Vi è ancora radicato l’idea che un contenuto cartoonesco e colorato sia accostabile alla fantasia e alla leggerezza della mente giovanile, ma Netflix (e non solo) ha, in questi anni, cercato di cancellare questo preconcetto con dei contenuti d’animazione destinati ad un pubblico adulto davvero particolari.

Ricordiamo che l’elenco che vedrete a breve non si basa su un ordine di gradimento o di qualità realizzativa, bensì è puramente casuale. Detto questo, immergiamoci nel mondo delle migliori serie d’animazione per adulti presenti su Netflix.

Le migliori serie d’animazione per adulti di Netflix

Rick e Morty

Rick e Morty è ormai considerata da molti come una serie cult e imperdibile. Uscita per la prima volta nel 2013, su Netflix sono disponibili le prime quattro stagioni che non dovete assolutamente perdervi se siete amanti del divertimento, dell’umorismo irriverente e dei viaggi interdimensionali. Ebbene sì, i protagonisti di questa bizzarra serie sono lo scienziato pazzo Rick Sanchez e il suo impacciato nipote Morty.

Un giorno il nonno decide di portare suo nipote in giro per uno strambo viaggio tra mondi paralleli e stravaganti universi alieni e da quel momento le avventure non sono mai finite. Tra complicate relazioni familiari e stravaganti tizi dalle origini ambigue, il creatore Dan Harmon è riuscito a combinare un umorismo piccante con una profondità emozionale spesso spiazzante.

Final Space

Final Space è un’altra serie di fantascienza, ma che non ha nulla a che vedere con Rick e Morty. La storia si incentra su un prigioniero umano di nome Gary che un giorno incontra un alieno in grado di distruggere i pianeti. Il viaggio spaziale lo porterà a conoscere altri stravaganti astronauti con cui compirà le più importanti e dolorose missioni. Lo scopo principale è di salvare la Terra, ma nel loro viaggio scopriranno il verso significato di “fine dell’universo”.

Lo faranno anche al costo delle loro vite con dei momenti talmente drammatici da far commuovere anche i cuori più duri. Un altro aspetto fondamentale della riuscita di questa serie è la stupenda colonna sonora che riesce a trasmettere allo spettatore un caleidoscopio di emozioni con un arrangiamento di poche note elettroniche ben piazzate e diversificate. Il merito va indubbiamente al folto team sonoro composto da Jake Sidwell, Shelby Merry, Larry Z. Ho, Alan Hoyna, Cam Leeburg, Nathan Palm e Sarah Putros.

Bojack Horseman

Impossibile non inserirla in questo elenco, Bojack Horseman è la più famosa serie d’animazione Netflix e una delle più famose al mondo negli ultimi anni. Qualora non l’aveste vista, oltre a consigliarvi di recuperarla, sicuramente avrete osservate alcune immagini o citazioni sui social (a meno che non viviate su Marte). Il protagonista, Bojack, è un cavallo antropomorfo famoso per essere stato un ex attore.

Noi lo osserviamo quando, però, è ormai caduto in disgrazia e con gravi problemi di dipendenza da alcol. Per tutta la serie mostra la sua totale incapacità di mantenere delle relazioni affettive nonostante le persone intorno a lui provino in tutti i modi a cambiare il suo carattere. La serie è molto più di questo perché mette in mostra anche alcune problematiche della società moderna come la dipendenza di qualsiasi natura, il lato oscuro dello showbiz e la forza dei sentimenti. Una serie agrodolce che fa ridere, ma anche riflettere.

F is for Family

La serie è ambientata negli anni Settanta e mostra la vita problematica della famiglia Murphy. Detta così potrebbe essere la classica trama di altre decine di serie storiche come I Simpson e I Griffin, ma F is for Family è molto più di così. Frank, il capofamiglia, è insoddisfatto della sua vita e vede ogni novità con rabbia e stress soprattutto quando si trova a relazionarsi con una moglie e dei figli che non lo amano.

Ciò che distingue questa serie d’animazione con le sopracitate serie è la mancanza di assurdità a favore di un realismo molto più forte e acceso. A volte non si ride nemmeno, proprio perché le complesse dinamiche familiari risultano verosimili. Altre volte le risate sono agrodolci perché aleggia sempre l’alone che ciò che si vede su schermo, in qualche parte del mondo, potrebbe realmente accadere. Insomma, tra irriverenza e politicamente scorretto, si tratta di una serie dove la priorità è l’evoluzione personale e non il contesto bizzarro.

Big Mouth

Si tratta di un prodotto originale Netflix realizzato da Nick KrollAndrew GoldbergMark Levin e Jennifer Flackett ed è una serie dedicata agli orrori e alle insicurezze del periodo della pubertà. I protagonisti sono Nick, Andrew, Jessi e Missy, un gruppo di dodicenni in pieno sviluppo ormonale che improvvisamente si trovano a scoprire le prime pulsioni sessuali, guidati da un personaggio tanto assurdo quanto azzeccato, il Mostro degli ormoni.

La serie è geniale, mettendo in mostra una bella dose di irriverenza e un pizzico di black humor mai offensivo. L’aspetto puramente sessuale è stato talmente ben raccontato da essere stato apprezzato anche dagli esperti. Dopotutto ognuno di noi ha vissuto, deve vivere o sta vivendo quei momenti, non c’è nulla di cui vergognarsi.

Love, Death & Robots

Love, Death & Robots è nato come un esperimento antologico di Netflix, ma è ben presto divenuta una delle migliori miniserie della piattaforma. Composta da 18 brevi episodi, tra i produttori vi è anche il celebre David Fincher famoso per The Social Network e Fight Club. Ogni episodio è caratterizzato da uno stile narrativo e una tecnica d’animazione diverse e queste la rendono la visione estremamente variopinta e mai noiosa.

Ogni episodio è però collegato da un filo comune che è la fantascienza in ogni sua sfaccettatura. A volte le tematiche trattate sono oscure, paurose e controverse, altre volte estremamente divertenti e insolite come ad esempio l’idea che il mondo possa essere governato da uno yogurt. Insomma, se non l’aveste vista, dovete assolutamente recuperarla.

Archer

Si tratta di una serie prodotta da FX che viene considerata una tra le più apprezzate e premiate nel panorama dell’animazione. I protagonisti sono un gruppo di agenti segreti, ma i principali sono la coppia interpretata da H. Jon Benjamin e Aisha Tyler. Le stagioni, attualmente undici, mostrano un arco narrativo fine a se stesso con tanto di stile artistico molto diverso.

Ha un umorismo intelligente, classico delle commedie con dialoghi sagaci e irriverenti, ma i disegni sono molto vintage e statici che ricordano gli anni gloriosi di Mad Men. Insomma, se siete fan delle serie umoristiche, ma non demenziali, non potete perdervi Archer considerata da molto una delle più divertenti degli ultimi anni.

Disincanto

Matt Groening, il creatore de I Simpson e Futurama, è l’autore di questa nuova serie animata per adulti. Ogni episodio ha una durata molto breve, circa venti minuti, ma è pieno di citazioni, battute e momenti esilaranti. La serie è ambientata a Dreamland, una sorta di mondo medievale fantastico dove la protagonista, Bean, figlia del re del regno di Dreamland, non riesce a stare a causa del suo anticonformismo.

La principessa è un’alcolizzata ed è interpretata da Abbi Jacobson. Insieme a lei vi sono un elfo e un demone che la porteranno tra la buona e la cattiva strada in mille peripezie. Dietro le sue scorribande c’è però la voglia di scoprire se stessa e di affermarsi come donna, più che come principessa. C’è il bisogno di scoprire il suo passato e la sua famiglia con tutta la leggerezza classica di Groening.

Tuca & Bertie

Serie d’animazione realizzata dalla produttrice di Bojack Horseman, Lisa Hanawalt, mostra sempre degli animali antropomorfi, ma le tematiche trattate non hanno nulla a che vedere con il celebre cavallo colorato. Le protagoniste sono Tuca, un tucano estroverso e spericolato, e Bertie, un tordo dolce e sensibile. Le due sono amiche inseparabili e nella loro quotidianità sono circondate da una serie di personaggi stravaganti memorabili come ad esempio le piante antropomorfe.

Il mondo è molto colorato e decisamente più leggero di quello di Bojack Horseman, ma le tematiche restano serie perché si parla dell’importanza e della delicatezza di essere donna nella società odierna con tanto di parentesi sulle molestie sul posto di lavoro. La risata è sempre presente, ma a volte con un pizzico di malinconia quando ciò che potrebbe sembrare frutto di fantasia, in realtà si riferisce a reali momenti di vita quotidiana.

Adventure Time

Concludiamo con una delle serie di animazioni più famose di sempre considerata anche una tra le più originali degli ultimi anni. Si fece conoscere al grande pubblico su Cartoon Network nell’ormai lontano 2010 e da quel momento è andata avanti per dieci stagioni correlate anche di spin-off e trasposizioni cinematografiche, videoludiche e fumettistiche.

Gli episodi sono molto brevi, appena dieci minuti, e raccontano le vicissitudini di un bambino (Finn) e di un cane magico (Jake) che vivono in un mondo post-apocalittico abitato da creature stravaganti e molto particolari. Ogni episodio mostra una storia differente, ma ci sono anche trame orizzontali e personaggi che compaiono regolarmente. Lo stile artistico potrebbe trarre in inganno: si tratta di una serie sia per bambini che per adulti che potranno confrontarsi con diversi piani di lettura e comprensione.

Vorreste vedere Netflix nella vostra televisione, ma non avete a disposizione una Smart Tv? Ecco a voi il Fire Tv Stick di Amazon che vi permetterà di avere tutte le piattaforme di streaming e non solo a portata di app!