Cinema e Serie TV

Star Wars: George Lucas spiega le stranezze dei dialoghi della trilogia prequel

I dialoghi della trilogia prequel di Star Wars sono effettivamente un po’ strani e quando i film vennero proiettati al cinema, i fan e la critica hanno avuto reazioni contrastanti, anche se ciò è in gran parte dovuto alle aspettative accumulate negli anni e al seguito appassionato della trilogia originale. George Lucas ha così voluto spiegare il perchè di quella scelta.

George Lucas Trilogia Prequel Star Wars

Nella mente del suo creatore, entrambe le trilogie dovevano onorare il tono giocoso dei serial d’avventura degli anni ’30, ma il pubblico non è riuscito a cogliere il melodramma intenzionale che era stato incorporato nei prequel, nonostante la coerenza di tono con i film originali:

“Ogni dialogo è presentato in modo molto onesto, non è affatto ironico, ed è recitato fino alla fine. Sono perfettamente coerenti non solo con il resto del film, ma con lo stile generale di Star Wars. La maggior parte delle persone non lo capisce. Non comprende che ci sia un motivo di fondo che è molto simile a un serial degli anni ’30 o al matinée del sabato. Siamo nel periodo più romantico della realizzazione di film e film d’avventura. E L’attacco dei cloni è ancora più melodrammatico degli altri.”

Oltre ad affrontare il discorso sui dialoghi della trilogia prequel, Lucas ha anche parlato del suo processo di preparazione per le riprese di Star Wars: La Vendetta Dei Sith:

“C’era una messa in scena molto più complessa, prendevo il lavoro della settimana e il sabato precedente, passavo tutto il giorno a provare con gli attori e il cameraman e la facevamo recitare, provandola un paio di volte prima. Così, per il resto della settimana, avremmo avuto una visione molto chiara di quello che stavamo facendo e non avremmo dovuto passare del tempo sul set cercando di capire le cose.”

Se volete recuperarvi tutta la trilogia prequel di Star Wars, potete acquistare questo cofanetto in blu-ray semplicemente cliccando su questo link.