Cinema e Serie TV

Zombie in Zombieland : quando la non-morte è divertente

Zombieland e il suo recente sequel Zombieland – Doppio Colpo hanno rivisitato in chiave action e risate un genere che negli ultimi anni è stato spolpato fino all’osso in ogni sua forma:ovviamente parliamo del genere zombie, un filone che, come i suoi protagonisti, è composto da orde di titoli e che non è facile da uccidere.

Tutti conosciamo gli zombie; cadaveri che si rianimano senza una coscienza, ma con l’unico istinto di nutrirsi dei cervelli degli umani ancora in vita. Lenti e inesorabili, ma in alcuni casi anche dotati di estrema forza e agilità, l’unico modo per liberarsi di loro è sparargli in testa e distruggere quella massa gelatinosa che hanno nella scatola cranica.
Gli zombie nel corso degli anni si sono evoluti in diverse apparizioni arrivando ovunque: iniziando nei romanzi gotici e arrivando nella letteratura horror e al cinema, passando poi serie tv ai giochi di ruolo, senza sdegnare videogiochi e giochi da tavolo.
Ad esempio la serie TV The Walking Dead, tratta dall’omonimo fumetto, ha conquistato migliaia di appassionati approfondendo molto il modo in cui la razza umana avrebbe reagito ad una devastante apocalisse zombie, mostrandoci la differenza fra chi avrebbe puntato sul tentativo di ricreare una società civilizzata e chi invece avrebbe sguazzato nel caos totale con l’utilizzo della forza. E il successo, sebbene non sempre ad altissimi livelli con l’avanzare delle stagioni, ha generato ben due spin off e decine di prodotti ludici come giochi da tavolo, app per cellulari e giochi per pc e console.

Zombie e mondo del gioco

Anche i videogiochi sono pieni di zombie famelici. Sicuramente la saga più famosa è quella di Resident Evil che ci terrorizza dal 1996 con la sua prima memorabile uscita su Play Station. Ma impossibile non citare anche il più recente The Last of Us, titolo che ha raggiunto i 18 milioni di copie vendute nel 2018.

The Last of Us


Ormai è palese, gli zombi piacciono al pubblico e le industrie continuano a sfornare prodotti che li hanno come protagonisti, tanto che anche un colosso come la Marvel dedicò diverse serie in cui i tutti i supereroi della casa delle idee erano stati colpiti dagli effetti di un letale Virus Zombie. Immaginare Hulk non morto che vuole mangiare il vostro cervello è di per sè già abbastanza inquietante, pensate allora vederlo masticare Galactus il Divoratore di Mondi insiema a Spider Man, Luke Cage, Wolverine, Giant Man e Iron Man.

Marvel Zombie

Ma è nel cinema che gli zombie hanno trovato abbondanza di cervelli da divorare e prosperare.
Certo che quando parliamo di questi non morti putrescenti, che arrancano con difficoltà trascinando pesantemente i resti dei loro corpi, la nostra memoria va immediatamente a capolavori classici come le opere di George A. Romero. Titoli come La notte dei morti viventi e gli altri film dedicati agli zombie del regista sono dei capisaldi del genere che hanno generato sequel, remake e omaggi vari da parte di altri registi, e che hanno scritto un vero e proprio manifesto di questo mostro cinematografico. Mostro che inizialmente era legato alla tradizione della magia Vudù, ma che invece il maestro Romero riscrisse in chiave di una vera e propria apocalisse nata da un virus che rianimava i morti rendendoli assetati di carne umana. Citando lo slogan del film: “Quando non ci sarà più posto all’inferno… i morti cammineranno sulla terra

Zombie di George A. Romero

Ma quando si parla di un genere così inflazionato, non tutte le ciambelle riescono col buco, e fra produzioni nostrane, versioni porno, teen movie, remake e versioni demenziali c’è ne sono di cose da raccontare. Ne abbiamo raccolti, unico filo conduttore è quello di raccontare l’invasione zombie in maniera diversa dal solito; alcuni veri e propri must da vedere, altri meno riusciti ma che potrebbero decisamente “ri-animare” una serata con gli amici a base di birra e snack per una vera serata di serie Z.
Z come Zombie, ovviamente.

L’alba dei morti dementi

L'Alba dei morti dementi

Shaun è un trentenne che lavora svogliatamente in un negozio di elettrodomestici e passa le sue giornata al pub con il suo miglior amico Ed, che vive a sbafo a casa sua senza pagare nulla. Cosa che fa infuriare il suo coinquilino. Quando Shaun dopo essere stato lasciato dalla sua ragazza passa tutta la notte a bere con Ed e si risveglia stordito la mattina dopo senza rendersi conto che il posto dove vive è totalmente invaso dagli zombie: dovrà sopravvivere insieme al suo amico sovrappeso e sfaticato, quale scelta migliore potrebbe esserci se non quella di rifugiarsi nel loro pub preferito?
Primo capitolo di quella che è conosciuta come la trilogia del Cornetto, gli altri due film che la compongono sono Hot Fuzz e La fine del Mondo, L’alba dei morti dementi è una commedia tinta di horror in stile british carica di surrealismo.
Qui si parla di un film da vedere assolutamente, tanto che anche George Romero dopo averlo visto ha dichiarato “Penso che L’alba dei morti dementi sia una vera bomba. Mi è piaciuto moltissimo.” e anche Stephen King, Quentin Tarantino e Peter Jackson ne sono grandi appassionati.

La Trilogia del Cornetto in Blu-Ray

Warm Bodies

Warm Bodies

Non bastavano i vampiri glitterati, i produttori della saga di Twilight hanno deciso di devastare anche il mito dello zombie togliendogli proprio quello che lo rende un mostro affamato di cervelli senza raziocinio, ovvero la mancanza di umanità. Warm Bodies racconta di un mondo invaso dagli zombie in cui gli umani sopravvissuti vivono rinchiusi in posti fortificati. Gli zombie comunicano fra di loro con grugniti e parole semplici, ma se mangiano il cervello di un umano, per un po’ di tempo riescono ad ottenere i ricordi e i sentimenti della vittima, e così R. lo zombie protagonista s’innamora della giovane umana Julie dopo aver mangiato il cervello del suo ragazzo, e piano piano il suo cuore e il suo corpo tornano a vivere; da quel momento gli zombie iniziano a capire che tramite i sentimenti possono guarire e dopo le ennesime incomprensioni con gli umani, la battaglia contro il nemico comune che è composto da Zombie-Alpha chiamati gli Ossuti ovvero degli zombi in stato di non morte da così tanti anni che i loro corpi sono ridotti a una massa scheletrica che hanno il potere nella gerarchia “zombesca” e l’assurda storia d’amore fra R. e Julie, tutti quanti torneranno a convivere in pace e armonia.
Warm Bodies rimane il peggior zombie-movie mai prodotto, riuscendo a far risultare insopportabile anche il bravissimo Nicholas Hoult. Un film così noioso e fastidioso che vi farà venire voglia di comprarne una copia solo per distruggerla.
Un consiglio, se vi piace Nicholas Hoult, riguardatevi Mad Max Fury Road, e dimenticate questo scempio

World War Z

World War Z

Brad Pitt contro un’infinita massa di zombie che corrono, saltano, si arrampicano e quando non arrivano in qualche posto si ammassano e si calpestano l’uno sull’altro che nemmeno la redazione di Tom’s Hardware durante il black Friday sul sito della Lego. Il nostro Brad gira il mondo alla ricerca del paziente zero per trovare una cura all’epidemia mondiale che sta trasformando tutto il mondo in una famelica orda di zombie. World War Z diventa in poco tempo un film culto anche se la componente action è molto  più presente rispetto a quella horror, ma nonostante tutto ottiene il primato di essere il film di zombie con il più alto incasso di sempre forse proprio perchè è un tipo di storia che riesce a coinvolgere anche chi non è proprio a suo agio con cervelli mangiati e carne putrescente. Se vie è piaciuto vi consiglio di leggere il libro omonimo dal quale è tratto, che racconta la guerra mondiale agli zombie come se stesse leggendo dei resoconti dai vari paesi mondiali.

>>> Libro – World War Z – La Guerra Mondiale degli Zombie
>>> Blu-Ray – World War Z
>>> Videogioco per Ps4 e XboxOne – World War Z

PPZ – Pride + Prejudice + Zombie

PPZ - Pride + Prejudice + Zombie

É sempre la solita storia: voi volete vedere un film pieno di zombie e mostri vari, il vostro/a compagno/a invece sogna storie romantiche ambientate nella brughiera inglese. Fermi li, abbiamo la soluzione per voi: prendi un classico come Orgoglio e Pregiudizio, aggiungi una vagonata di zombie, mischia tutto e avrai PPZ – Pride + Prejudice + Zombie.
Si lo so che cosa stai pensando: Jane Austin si starà rigirando nella tomba, e credo che questa sia stata proprio l’idea alla base della creazione di questo film, o meglio del libro da cui è tratto. Non aggiungo niente, se non il claim del film “fra tutte le armi del mondo l’amore è la più pericolosa.” si vede che non hanno mai giocato col C-4

Dead Snow

Dead Snow

Zombie Nazisti. sarei tentato di fermarmi qui, ma Dead Snow qualche parola in più la merita.
Slasher-movie ambientato in Norvegia, che ricorda un po’ La Casa di Sam Raimi: gruppo di adolescenti che partono per un weekend in montagna per bere e amoreggiare in libertà in autentico stile scandinavo. Ma nella vicinanze della ridente baita dispersa nella neve del nord si racconta una leggenda riguardo un contingente di soldati nazisti che durante la Seconda Guerra Mondiale depredarono la zona di ogni bene seminando morte e distruzione, e che ancora oggi si aggirino assalendo gli sfortunati visitatori. E quale occasione più ghiotta di un branco di giovani sessualmente maturi e ubriachi per sgranchire un po’ le vecchie ossa sepolte dalla neve. I ragazzi si troveranno quindi a combattere gli zombie dei nazisti nelle distese innevate. Se tutto questo non vi sembra già fantastico di suo, sappiate che nel sequel del film Dead Snow 2: Red vs Dead per combattere i nazisti verranno rianimati i soldati dell’Armata Rossa.

Zombie Strippers

Zombie Strippers

Dopo gli zombie vittoriani, quelli nazisti e quelli che con l’amore tornano a vivere, cosa poteva mancare in questo elenco di assurdità putrescenti? Esatto, le zombie spogliarelliste. Si avete letto bene è inutile che ricontrollate. Per avere nuovi soldati da mandare in guerra, gli Stati Uniti creano un siero per rianimare i soldati morti sotto forma di zombie, ma qualcosa non va come sperato e il composto funziona correttamente solo sulle donne e se casualmente il virus infettasse una spogliarellista con la bellezza mozzafiato della porno star Jenna Jameson? Dai non scherziamo, possiamo metterci tutte le siliconate del mondo, ma Zombie Strippers è un film terribile, un B-Movie pessimo già di suo e massacrato ulteriormente dal doppiaggio italiano. Per salvare il film non bastano ne le spogliarelliste ne tanto meno la presenza di Robert Englund, lo storico Freddie Kruger, nel ruolo del proprietario dello strip club in cui parte l’epidemia. Imbarazzante.
Se lo cercate insieme ai vostri figli, fate attenzione, perchè ovviamente ne esiste una versione porno che chiama Strippers vs Zombies

Splatter – Gli strizzacervelli

Splatters - Gli Strizzacervelli

Se oggi vi dico Peter Jackson non ho dubbi del fatto che sappiate perfettamente di chi stiamo parlando, ma nel 1992 il regista della Trilogia del Signore degli Anelli era praticamente sconosciuto ma già carico di geniali idee. Una di queste vide la luce con Splatters – Gli Schizzacervelli, un film in cui o ridi o vomiti. Mischiando Horror, molto splatter e commedia comica il giovanissimo Peter Jackson  è riuscito a confezionare un vero e proprio film cult, veramente troppo lontano dalle produzioni future del regista sia per budget che per contenuti. Tutto ha inizio in sull’Isola del Teschio (si, King Kong è sempre stata una bella fissazione per Peter Jackson) dove un esploratore trova la leggendaria Scimmia-Ratto di Sumatra e decide di portarla in Nuova Zelanda scatenando le ire degli indigeni locali.
Dopo diversi problemi la scimmia viene portata nello Zoo di Wellington, dove morde Vera, dispotica madre del giovane ed educato Lionel, la quale piano piano inizia a trasformarsi in un mostro zombie tenuto a bada solo dai tranquillanti somministrati dal figlio. Ma inevitabilmente la malattia della madre diventa un’epidemia contaggiando tutti i cittadini della cittadina e sarà il povero Lionel con la ragazza che ama, Pachita, a dover affrontare una massa di zombie assurdi. Splatter – Gli strizzacervelli ci regala delle scene epiche, come il prete esperto di arti marziali, il Ninja di Dio che combatte gli zombie a colpi di “Palleggio Mistico” o “Tacco Angelico” (non ringraziatemi, potete rivedere la scena >>>QUI<<<). Non potete definirvi nerd se non lo avete mai visto. Condite il tutto con centinaia di litri di sangue finto, cadaveri fatti a pezzi e avrete il film sugli zombie per eccellenza

Vuoi provare l’ebbrezza di trovarti davanti un’orda infinita di Zombie famelici? Allora Zombicide è quello che fa per te: potrai scegliere fra la versione classica, quella Fantasy e quella Spaziale. E grazie alle tantissime espansioni disponibili avrai ore di gioco con gli amici e miniature fantastiche.
Puoi trovare tutte le scatole >>>CLICCANDO QUI<<<