Tom's Hardware Italia
Storage

Gigabyte Aorus NVMe Gen4 SSD 2 TB – Recensione


Gigabyte Aorus NVMe Gen4
Capacità
2 TB
Form Factor
M.2 2280
Interfaccia / Protocollo
NVMe PCIe 4.0
Controller
Phison PS5016-E16
Tipo memoria
Toshiba BiCS4 3D TLC
Aorus NVMe Gen4 SSD è un SSD PCIe 4.0 che può essere sfruttato al massimo, per il momento, solo sulle schede madre AMD X570 abbinate a CPU Ryzen 3000.

La novità fondamentale della piattaforma X570 di AMD è senza dubbio il totale supporto al PCI Express 4.0, che coinvolge tanto le schede video quanto gli SSD NVMe, come questo Arous NVMe Gen4.

Sul fronte delle schede video al momento solo le RX 5700/5700 XT sono compatibili con la nuova versione dell’interconnessione, che raddoppia il bandwidth rispetto alla generazione precedente, ma i vantaggi in ambito grafico sono ancora assenti, non essendoci in gaming un carico tale da saturare il PCIe 3.0 x16.

Il bandwidth può invece fare una differenza non da poco per quanto riguarda l’archiviazione, almeno sulla carta. Quello che andremo a fare in questo articolo è testare il nuovo Aorus NVMe Gen4 SSD di Gigabyte, per vedere effettivamente quali sono i benefici del PCIe 4.0.

Prima di farlo però parliamo delle caratteristiche di questo SSD, che si basa su un controller Phison 5016-E16 PCIe x4 e memoria Toshiba BiCS 4.0 (3D TLC, triple level cell, 3 bit per cella).

L’Aorus NVMe Gen4 è disponibile in tre tagli di memoria: 500 GB, 1 TB e 2 TB. Noi abbiamo testato quest’ultima versione.

Gigabyte indica per l’Aorus NVMe Gen4 una velocità in lettura sequenziale fino a 5000 MB/s, mentre le prestazioni in scrittura sequenziale raggiungono 4400 MB/s. Per quanto concerne le prestazioni casuali invece si arriva in lettura a un massimo di 750K IOPS, mentre in scrittura si raggiungono 700K IOPS.

L’azienda indica la presenza di 2 GB di cache DDR4, supporto alle tecnologie di wear leveling, over-provision, TRIM e S.M.A.R.T. Come potete vedere, l’SSD si presenta con un vistoso heatspreader in rame che ne ricopre l’intera superficie, più due pad termici posti sopra e sotto l’unità.

Le dimensioni dell’Aorus NVMe Gen4 sono di 80,5 x 11,4 x 23,5 mm, per un peso di ben 94 grammi con dissipatore incluso. Per darvi un’idea, un classico SSD M.2 NVMe pesa intorno ai 7/8 grammi.

Lato consumi, l’azienda parla di 21,1 milliwatt in idle e circa 6,5/6,6 watt quando l’unità è attiva. L’Aorus NVMe Gen4 può funzionare tra 0 e 70 °C e archiviare dati in un range di temperatura tra -40 °C e 85°C. Per quanto riguarda la resistenza, si parla di un tempo medio tra i guasti di 1,77 milioni di ore, 5 anni di garanzia limitata o 3600 TBW (terabyte written).

Interfaccia PCIe 4.0 x4, NVMe 1.3
Form factor M.2-2280
Capacità utente / grezza 2000 / 2048 GB
Memoria Toshiba BiCS 4 TLC 96L
Controller Phison PS5016-E16
DRAM cache 2 GB DDR4
Lettura sequenziale Fino a 5000 MB/s
Scrittura sequenziale Fino a 4400 MB/s
Lettura casuale (IOPS) 750.000 IOPS
Scrittura casuale (IOPS) 700.000 IOPS
Resistenza 3600 TBW
Garanzia 5 anni

Prestazioni

Per valutare le prestazioni dell’Aorus NMVe Gen4 abbiamo eseguito alcuni test, misurando sia le capacità nominali con CrystalDiskMark che quelle reali con carichi come l’esecuzione di programmi e la lettura o copia di file.

Per le nostre prove abbiamo installato l’Aorus NVMe Gen4 su una piattaforma di prova con processore AMD Ryzen 3700X, scheda madre con chipset AMD X570 e SSD principale anch’esso PCIe 4.0 (qui sotto vi lasciamo la configurazione completa). In questo modo ci siamo assicurati che nelle prove come quelle di lettura e copia dei file le velocità fossero limitate solamente dalla capacità dell’SSD in test.

Scheda madre Asus X570 Crosshair VIII Hero (acquistabile qui)
CPU AMD Ryzen 7 3700X (acquistabile qui)
Dissipatore AMD Wraith Prism (acquistabile qui)
RAM Corsair Dominator Platinum 16 GB (2×8 GB) (acquistabile qui)
Archiviazione SSD NVMe PCIe 4.0 Corsair MP600 (acquistabile qui)
Alimentatore  Cooler Master V750 W (acquistabile qui)

CrystalDiskMark

CrystalDiskMark è un software semplice da usare che dà un’idea di quelle che sono le prestazioni nominali dell’unità d’archiviazione. Nei grafici abbiamo registrato i valori casuali solamente a QD1, la profondità più interessante per quanto riguarda l’utente finale.

Benchmark SSD - CrystalDiskMark, random
Benchmark SSD - CrystalDiskMark, sequenziale

Le prestazioni sequenziali dell’Aorus NVMe Gen4 toccano i 5012 MB/s in lettura e i 4456 MB/s in scrittura, superando i valori nominali dichiarati da Gigabyte. Per capire le velocità effettive di questo SSD PCIe 4.0 dobbiamo però affidarci ad altri test, dove in gioco ci sono carichi reali.

DiskBench

DiskBench è un programma che permette di testare le velocità di copia e lettura dell’unità di archiviazione usando dati scelti dall’utente, in modo da avere un quadro delle prestazioni più realistico.

Benchmark SSD - DiskBench, scrittura

Nel test di copia usiamo una cartella di 30 GB contenente file di diverso tipo e dimensioni come immagini, video e documenti vari. La velocità di scrittura media si assesta sui 1453 MB/s: un risultato notevole, di circa 550 MB/s superiore a quello fatto registrare dal Teamgroup MP34 (SSD PCIe 3.0) e di soli 10 MB/s inferiore a quello del Corsair MP600, altro SSD PCIe 4.0.

Nel test di lettura usiamo invece un singolo file video da 6 GB. Qui l’Aorus NVMe Gen4 raggiunge i 2745 MB/s e si posiziona primo in classifica, staccando di quasi 1 GB/s il Teamgroup MP34 e di circa 130 MB/s il Corsair MP600.

Benchmark SSD - DiskBench, lettura

Final Fantasy XIV Stormblood

Final Fantasy XIV Stormblood è un test gratuito molto semplice da utilizzare, che misura in maniera precisa i tempi di caricamento di scenari di gioco reali.

Benchmark SSD - FF XIV Stormblood

Il tempo di caricamento medio fatto registrare dall’Aorus NVMe Gen4 è di 10,52 secondi, leggermente superiore rispetto a quello del Teamgroup MP34 e del Corsair MP600 ma comunque molto vicino (la differenza è meno di mezzo secondo).

A differenza di quanto visto negli altri test, stando al benchmark di Stormblood i nuovi SSD PCIe 4.0 non offrirebbero quindi un vantaggio significativo per quanto riguarda i tempi di caricamento nei giochi, quantomeno se confrontati con i “vecchi” PCIe 3.0.

Temperature

Le temperature sono state misurate tramite HWMonitor. In idle abbiamo lasciato il sistema a riposo per 10 minuti, mentre abbiamo registrato i valori massimi durante il test di copia effettuato con DiskBench,

Benchmark SSD - Temperatura

Come detto Gigabyte fornisce con l’Aorus NVMe Gen4 un dissipatore completamente in rame, che si installa facilmente e va a coprire tutta l’unità. Sotto carico la temperatura non va mai oltre i 48 gradi, segno che il raffreddamento fa un ottimo lavoro. In idle abbiamo registrato invece 42 gradi, un valore superiore a quello degli SSD PCIe 3.0 ma che ritroviamo anche sul Corsair MP600.

Conclusioni

Avevamo seguito la presentazione di questo Aorus NVMe Gen4 al Computex di Taipei e già in quell’occasione eravamo rimasti colpiti dalle sue caratteristiche tecniche. Sulla carta si parlava di velocità fino a 5000 MB/s in lettura e 4500 MB/s in scrittura, ben superiori a quelle di qualsiasi SSD PCIe 3.0 in commercio.

Una volta arrivato sul nostro banco di prova l’Aorus NVMe Gen4 non ha deluso le aspettative: come avete visto in questa recensione le prestazioni sono eccellenti, in alcune occasioni oltre il 50% superiori a quelle di un’unità NVMe PCIe 3.0.

Che si parli di lettura o scrittura di carichi reali, l’Aorus NVMe Gen4 (ma in generale i nuovi SSD PCIe 4.0) offre un incremento di performance considerevole, che farà felici tutti coloro che per esigenze lavorative hanno bisogno di unità d’archiviazione estremamente veloci.

Al contrario, se siete videogiocatori questi nuovi SSD non vi cambieranno la vita: certo potrete installare i giochi più rapidamente, ma come abbiamo visto dal test di Final Fantasy XIV Stormblood i tempi di caricamento non migliorano rispetto a quelli di una unità PCIe 3.0.

Parlando di prezzi, l’Aorus NVMe Gen4 da 2 TB è acquistabile oggi a 449 euro, che diventano circa 180 per la versione da 500 GB e poco meno di 280 euro per quella da 1 TB.

Sicuramente 450 euro non sono pochi, ma il prezzo è assolutamente competitivo: basti pensare che gli attuali SSD top di gamma PCIe 3.0 come il Samsung 970 EVO Plus e il WD Black SN750 costano rispettivamente 446 euro e 497 euro.

Il costo della piattaforma è invece un aspetto da non sottovalutare: il PCI-Express 4.0 può infatti essere sfruttato solamente con il nuovo chipset X570 di AMD abbinato a una CPU Ryzen 3000. Come ben saprete le schede madri con questo PCH al momento costano più delle X470 o delle Intel Z390 e il dover cambiare anche il processore fa salire la cifra ulteriormente.

Questo Aorus NVMe Gen4 è quindi un SSD dedicato ai professionisti che hanno bisogno di avere un’unità di archiviazione che sia il più veloce possibile. Per sfruttarlo al massimo sarà però necessario cambiare quantomeno scheda madre e processore, quindi è importante tenere a mente che in fase d’acquisto la cifra che si andrà a spendere sarà ben superiore ai 449 euro necessari per acquistare solo l’SSD e si aggirerà, più realisticamente, intorno ai 1000 euro.

Gigabyte Aorus NVMe Gen4

L’Aorus NVMe Gen4 SSD è uno dei primi SSD PCIe 4.0 a raggiungere il mercato. Offre prestazioni fino a 5000 MB/s in lettura e fino a 4500 MB/s in scrittura, ma per essere sfruttato al massimo ha bisogno di essere abbinato a una scheda madre con chipset AMD X570 e a CPU Ryzen 3000.


Verdetto

L'Aorus NVMe Gen4 è un SSD ad alte prestazioni che, grazie al PCI-Express 4.0, riesce a garantire prestazioni fino al 50% superiori rispetto a un'unità NVMe PCIe 3.0. Il prezzo competitivo rispetto agli attuali top di gamma PCIe 3.0 e le performance faranno felici tutti coloro che necessitano di SSD estremamente veloci per necessità lavorative, ma c'è da tenere conto che per sfruttarlo appieno è necessario utilizzare una scheda madre con chipset X570 e un processore AMD Ryzen 3000. Al contrario dei professionisti i videogiocatori non beneficerebbero di prestazioni migliori, in quanto i tempi di caricamento dei giochi rimangono invariati.

Pro

- Prestazioni con carichi reali fino al 50% superiori rispetto a un SSD NVMe PCIe 3.0
- Prezzo competitivo
- Tecnologia PCIe 4.0.

Contro

- Per sfruttarlo al massimo bisogna avere un scheda madre X570 e una CPU Ryzen 3000
- Tempo di caricamento nei giochi invariato rispetto agli SSD PCIe 3.0.