Schede Grafiche

NVIDIA, il completamento dell’acquisizione di ARM rischia di slittare?

Il 21 e 22 giugno ci sarà l’Amazon Prime Day, due giorni ricchi di offerte e sconti a tempo limitato! Per non perderne nemmeno una, date uno sguardo alla nostra pagina dedicata

Secondo Reuters, le probabilità che NVIDIA porti a compimento l’acquisizione di ARM entro il marzo del 2022, dato che gli enti regolatori del Regno Unito potrebbero anche non prendere in considerazione il caso fino all’autunno, stanno diminuendo.

Nvidia ARM deal

Reuters ha affermato che NVIDIA “non ha ancora presentato una domanda per cancellare l’accordo con la Commissione europea” perché “i funzionari hanno chiarito alla società di aver bisogno di tempo fino a settembre per raccogliere informazioni sufficienti per accettare la richiesta formale di approvazione di NVIDIA, secondo tre persone che hanno familiarità con la questione“.

NVIDIA ha dovuto affrontare ritardi normativi simili in altri mercati. La società non ha chiesto formalmente l’approvazione degli enti regolatori cinesi fino a poche settimane fa e, secondo il Financial Times, è improbabile che si raggiunga una decisione prima della scadenza di marzo 2022, la quale è stata fissata quando è stata annunciata l’acquisizione di ARM.

Nvidia ARM deal

I termini dell’accordo consentono un’estensione a settembre 2022; se non si riuscirà a chiudere la questione entro tale mese, NVIDIA e SoftBank hanno entrambe la possibilità di annullare l’operazione. Tuttavia, la mancanza di documenti non significa necessariamente che NVIDIA mancherà le due scadenze. Come ha spiegato la società in una dichiarazione a Reuters:

Molte giurisdizioni hanno un periodo di pre-notifica, in cui le parti hanno un dialogo dettagliato e continuo con le autorità di regolamentazione. Le nostre discussioni con gli enti regolatori sono state approfondite e costruttive. Continueremo a lavorare per tutta l’estate, come abbiamo sempre anticipato, e prevediamo di chiudere all’inizio del 2022.

Alcuni analisti hanno espresso il loro disaccordo sulla faccenda dando all’accordo una probabilità del 10% di essere approvato ad aprile e il calo dell’1,3% del prezzo delle azioni della società dopo la pubblicazione del rapporto di Reuters suggerisce che anche gli investitori sono piuttosto scettici (e preoccupati del fatto che NVIDIA dovrà pagare una commissione di 1,25 miliardi per la rottura dell’accordo).

Per ora, non ci rimane altro che attendere ancora qualche mese per vedere se questa tanto chiacchierata acquisizione avrà luogo o meno.

Se state cercando una buona scheda madre per la vostra nuova configurazione basta su processori AMD Ryzen, su Amazon trovate la Gigabyte X570 AORUS ELITE ad un prezzo interessante.