Tom's Hardware Italia
CPU

Una CPU ARM server a 7 nanometri da Huawei, ecco Kunpeng 920

Huawei ha annunciato un processore ARM per server prodotto a 7 nanometri. L’azienda ha anche annunciato una nuova gamma di server basati su questa CPU. Il Kunpeng 920 integra 64 core ARM v8 personalizzati in grado di lavorare a 2,6 GHz, supporta otto canali di memoria DDR4 fino a 2933 MT/s, due porte Ethernet 100G […]

Huawei ha annunciato un processore ARM per server prodotto a 7 nanometri. L’azienda ha anche annunciato una nuova gamma di server basati su questa CPU. Il Kunpeng 920 integra 64 core ARM v8 personalizzati in grado di lavorare a 2,6 GHz, supporta otto canali di memoria DDR4 fino a 2933 MT/s, due porte Ethernet 100G e connettività PCI Express 4.0 e CCIX.

Secondo l’azienda cinese il nuovo processore raggiunge un punteggio di 930 nel benchmark SpecInt, il che lo rende il 25% più veloce e il 30% più efficiente di altri prodotti ARM come il ThunderX2 di Marvell e l’eMAG di Ampere, quest’ultimo adottato da Lenovo. Differente invece il confronto con i chip x86: l’Intel Xeon Gold supera i 1000 punti in SpecInt con solo 18 core.

Crediti: Arjun Kharpal | CNBC

Questi dati però fanno emergere prestazioni per core non al livello della concorrenza, come sottolineato da Linley Gwennap, analista di The Linley Group, su EETimes. “Se Huawei offre prestazioni 1,25x volte migliori con 2 volte i core, le sue prestazioni per core devono essere inferiori a quelle di Ampere e Thunder X2”. Va fatto notare però che probabilmente Marvell e Ampere rinnoveranno l’offerta nel 2020, quindi nei prossimi mesi il Kunpeng 920 di Huawei potrebbe trovare il suo spazio.

Spazio però molto risicato. Il mercato dei server è nelle mani salde di Intel e il margine a disposizione della concorrenza probabilmente finirà ad AMD, che a novembre ha annunciato la seconda generazione di CPU EPYC. “Da quando AMD ha presentato EPYC, la maggior parte del ‘sentimento anti-Intel’ si è spostata su quel prodotto, che offre piena compatibilità software con gli Xeon e prestazioni simili”, ha affermato Gwennap.

Il processore a 7 nanometri di Huawei punterà su applicazioni ARM native e compiti in grado di beneficiare dei molti core, come la gestione dei big data e l’archiviazione distribuita. L’azienda ha annunciato tre versioni di server (chiamate TaiShan) che useranno il chip e altrettanti servizi cloud, incluso uno chiamato Phone Cloud.

Il Kunpeng 920 si aggiunge a un business dei server in crescita per Huawei: nel 2012 l’azienda vendeva 77.000 sistemi, mentre l’anno passato ha chiuso con 918.000 unità.