Software

Windows 10 20H2, questo servizio causa riavvii forzati del sistema

Continuano ad arrivare segnalazioni di problemi che interessano l’ultima versione del sistema operativo di casa Microsoft, Windows 10 20H2. Stando a quanto scoperto dalla compagnia di Redmond, infatti, sembra che possano verificarsi riavvii forzati del sistema causati dall’arresto anomalo del processo Local Security Authority Subsystem Service (LSASS).

Come riportato anche dai colleghi di Bleeping Computer, LSASS è il processo di sistema responsabile dell’applicazione dei criteri di sicurezza sui sistemi Windows e viene utilizzato dal sistema operativo per aggiungere voci al registro di sicurezza e per gestire gli accessi degli utenti, le modifiche della password e la creazione del token di accesso. Ogni volta che LSASS si blocca, gli utenti perdono immediatamente l’accesso agli account disponibili sulla macchina, viene visualizzato automaticamente un errore ed il dispositivo sarà costretto a riavviarsi. Il problema interessa sia le piattaforme client che server.

Windows 10 copertina

Microsoft ha commentato la situazione in questo modo:

Dopo l’aggiornamento a Windows 10 versione 20H2, potresti ricevere l’errore in LSASS.exe con il testo “Il tuo PC si riavvierà automaticamente in un minuto” quando interagisci con qualsiasi finestra di dialogo che elenca gli utenti, ad esempio accedendo alle opzioni di accesso della schermata delle impostazioni dell’applicazione o la cartella degli utenti nello snap-in MMC (Microsoft Management Console) degli utenti e gruppi locali.

Stando al gigante di Redmond, il problema noto riguarda solo quei dispositivi in ​​cui gli account locali di amministratore o ospite sono stati rinominati.

Gli utenti potrebbero anche visualizzare errori con l’ID evento 1015 aggiunti al Windows Application Event  log che riportano la dicitura “LSASS.EXE si è bloccato con codice di stato C0000374”.

Microsoft ha applicato un nuovo blocco per impedire che ai dispositivi interessati venga offerto l’aggiornamento a Windows 10 2004 o Windows 10 20H2. L’azienda ha affermato che fornirà bundle aggiornati e supporti di installazione aggiornati nelle prossime settimane, non appena sarà disponibile una risoluzione per il problema noto di LSASS.

Fino a quando non verrà offerta una soluzione per il problema, Redmond consiglia agli utenti di «non tentare di aggiornare manualmente utilizzando il pulsante Aggiorna ora o Windows Media Creation Tool finché il problema non sarà stato risolto».

Avete bisogno di una licenza di Windows 10 Pro per il vostro nuovissimo PC da gaming? Su Amazon è disponibile a pochi euro, non perdetevela.