Software

Windows 10 su oltre 900 milioni di dispositivi. Il miliardo non è più un miraggio

Un miliardo di dispositivi Windows 10 entro la prima metà del 2020. Microsoft ci crede, dopo aver annunciato in queste ore di aver tagliato il traguardo degli oltre 900 milioni di prodotti Windows 10 in funzione. Si tratta di un passo avanti importante rispetto agli 800 milioni raggiunti sei mesi fa.

Microsoft ha registrato un numero maggiore di nuovi dispositivi Windows 10 negli ultimi 12 mesi rispetto a qualsiasi anno precedente a partire dal debutto del sistema operativo, nel 2015.

Windows 10 ha raggiunto i 700 milioni di dispositivi a settembre 2018, gli 800 milioni a marzo e ora i 900 milioni. I dati includono non solo i PC desktop ma anche i portatili, i tablet, Xbox One e dispositivi come HoloLens.

La casa di Redmond ovviamente non vede l’ora che questo numero subisca un’impennata: il supporto a Windows 7 terminerà ufficialmente il 14 gennaio 2020, non pubblicando più alcuna patch di sicurezza per l’ormai obsoleto sistema operativo. Chi vorrà potrà comunque ancora sottoscrivere il supporto esteso a pagamento, fino al 2023, continuando così a ricevere gli aggiornamenti di sicurezza, indispensabili per restare operativi.

Diverse aziende stanno già passando a Windows 10 e molte lo faranno nei prossimi mesi. Di conseguenza è lecito pensare che se il passaggio da 800 a 900 milioni ha richiesto circa sei mesi, l’arrivo al fatidico miliardo potrebbe arrivare anche prima, nei primi “attimi” del 2020.

Microsoft in precedenza si aspettava di raggiungere il miliardo di dispositivi entro 3 anni dal debutto, ma la grande popolarità di Windows 7, malgrado un anno di tempo per il passaggio gratuito al nuovo sistema, ha fatto slittare ampiamente l’obiettivo. A pesare sulle stime anche l’insuccesso di Windows 10 Mobile, il sistema operativo pensato per gli smartphone.

Un buon portatile per la quotidianità ma non eccessivamente costoso? Dai un’occhiata a questo Asus Vivobook.