Android

Essential chiude i battenti, addio alla società di Andy Rubin

Essential chiude i battenti. La società fondata dal papà di Android, Andy Rubin, cesserà ogni tipo di attività. Lo scorso ottobre sono stati mostrati i primi passi di Project GEM, uno smartphone caratterizzato da un nuovo fattore di forma. Nel post pubblicato sul blog ufficiale si legge “una nuova esperienza mobile che i nostri team hardware, software e cloud hanno sviluppato e testato negli ultimi anni. La nostra visione era quella di inventare un paradigma di mobile computing che si integri più perfettamente con le esigenze dello stile di vita delle persone”.

La decisione di chiudere Essential deriva dalla mancanza di un percorso chiaro che porti GEM sul mercato. La chiusura della società sancisce anche la fine degli aggiornamenti software per Essential Phone Ph-1, unico smartphone del marchio mai presentato che ha fatto da apripista alla soluzione del notch per la fotocamera anteriore.

L’ultimo aggiornamento resterà quello del 3 febbraio, mentre utenti di Newton Mail avranno accesso al servizio fino al 30 aprile 2020. Ad ogni modo, PH-1 continuerà a “vivere” poiché Essential renderà disponibile il kernel su Github dando agli utenti la possibilità di modificare il software a seconda delle proprie esigenze.

Nel post su blog, la società ha condiviso infine alcuni video che mostrano in azione Project GEM. Lo smartphone si presentava con una forma particolarmente stretta e allungata e avrebbe avuto un’interfaccia ridisegnata in grado di adattarsi al nuovo fattore di forma. Purtroppo, non lo vedremo mai arrivare sul mercato.

Xiaomi Mi Note 10 con fotocamera da 108 MP è disponibile all’acquisto su Amazon con uno sconto del 30%. Lo trovate a questo link.