Tom's Hardware Italia
Android

Fuchsia OS, ecco come funziona l’erede di Android

Fuchsia OS è da poco disponibile per il Pixelbook, ovviamente in una versione ancora acerba. È possibile però già intravedere le potenzialità di questo sistema operativo che, nei piani di Google, potrebbe soppiantare Android.

Fuchsia OS è un progetto su cui si specula ormai da anni. Non è un mistero che Google stia lavorando ad un nuovo sistema operativo, ed oggi possiamo finalmente vederlo in azione. Sì perchè è disponibile da pochi giorni per il Pixelbook, ed i colleghi di Ars Technica hanno deciso di metterlo alla prova.

Occorre innanzitutto sottolineare come la prova di Fuchsia OS su Pixelbook non sia alla portata di tutti. È necessario infatti compilarlo, senza dimenticare come molte funzionalità non siano ancora disponibili. Insomma, si tratta di una versione beta, poco utilizzabile nella quotidianità, ma che offre indicazioni certamente interessanti sulla strada intrapresa da Google.

google fuchsia

Ciò che balza immediatamente agli occhi è la capacità di Fuchsia OS di adattare l'interfaccia a seconda del dispositivo, tutto in maniera estremamente semplice. Basta infatti premere un pulsante affinchè la UI possa essere utilizzata sullo schermo di uno smartphone, di un tablet o di un laptop. 

Leggi anche: Fuchsia OS, Google lavora a un sistema operativo unificato?

Big G sembra dunque intenzionata a realizzare quella tanto agognata unificazione tra esperienza utente desktop e mobile. Una strada peraltro intrapresa anche da Microsoft attraverso la compatibilità di Windows 10 con i SoC ARM. La sensazione è che il futuro dei dispositivi mobili passi proprio attraverso questa unificazione.

google fuchsia 4
google fuchsia 8
google fuchsia

Da un punto di vista grafico, Fuchsia OS sembra riprendere a piene mani il material design di Android. Da sottolineare anche la continuità tra le app, il cui utilizzo magari intrapreso sullo smartphone può essere ripreso in tempo reale sul tablet o sul laptop. Appunto, l'unione tra esperienza desktop ed esperienza mobile.

Leggi anche: Google Fuchsia OS, rivelata l'interfaccia

Fuchsia OS è comunque ancora acerbo, e sicuramente lo sviluppo durerà ancora a lungo. Difficile dunque prevedere quando effettivamente Google abbia intenzione di integrarlo su un dispositivo commerciale, senza dimenticare come non sia escluso che possa rappresentare una nuova versione di Android stesso.

google fuchsia

Appare comunque evidente come l'azienda di Mountain View stia lavorando sotto traccia per farsi trovare pronta a quella che sembra essere un'esigenza del mercato sempre più pressante. I dispositivi mobili, da un punto di vista funzionale, necessitano di un salto in avanti che potrebbe essere portato proprio dall'unione tra esperienza  utente desktop e mobile.


Tom's Consiglia

Il Galaxy Note 8, attuale phablet top di gamma Samsung, è acquistabile attraverso Amazon con uno sconto di quasi 200 euro rispetto al prezzo di listino.