Apple

MacBook Pro da 13,3 pollici ed iMac da 24″ potrebbero essere i primi PC Apple con chip ARM

Mancano poche ore alla classica conferenza per gli sviluppatori realizzata da Apple che si svolgerà come ogni anno per presentare le novità soprattutto dal punto di vista software dell’ecosistema della casa di Cupertino, Quest’anno avverrà esclusivamente in versione online a causa del Coronavirus ed un nuovo rapporto di Bloomberg avrebbe anticipato alcune importanti novità per il comparto Mac. Il noto analista Ming-Chi Kuo avrebbe infatti annunciato i nuovi scenari riguardanti l’implementazione dei processori ARM sulle prossime soluzioni della mela morsicata.

Il palco della WWDC potrebbe infatti diventare il luogo prescelto per l’annuncio del primo processore ARM che dovrebbe essere utilizzato inizialmente sui MacBook Pro da 13,3 pollici di nuova generazione e su un nuovo iMac. Per vedere ufficialmente all’opera le nuove soluzioni ARM ci sarà da attendere o il Q4 del 2020 o il Q1 del 2021, quando Apple dovrebbe appunto annunciare i nuovi dispositivi ed in contemporanea potremmo assistere anche al lancio di un nuovo iMac aggiornato non solo dal punto di vista hardware ma anche del design, con l’implementazione di un display da ben 24 pollici.

Kuo prevede che i prossimi modelli Mac saranno in grado di offrire importanti miglioramenti alle prestazioni del 50-100% rispetto ai loro predecessori dotati di chip Intel e ciò potrebbe dare un decisivo impulso alle vendite dei PC dell’azienda di Cupertino dopo alcuni anni di stagnazione.

Permangono dunque i dubbi sull’effettiva disponibilità sul mercato dei modelli aggiornati, infatti, in un recente podcast realizzato da Mark Gurman e denominato Happy Hour, ha affermato che non saranno disponibili prima della fine della primavera e l’inizio dell’estate e risulta molto improbabile che nel corso della WWDC di questa sera venga annunciato qualcosa a livello hardware, salvo sorprese. Devono infatti ancora essere svelati i nuovi iMac con a bordo le ultime soluzioni Intel e non è da escludere che Apple possa sorprendere tutti e comunicarne maggiori dettagli proprio in queste ore, anticipando anche il cambiamento di design previsto in precedenza a partire dal prossimo anno.

Invece, il MacBook da 12 pollici potrebbe prendere forma a metà del prossimo anno e disporre anch’esso delle nuove configurazioni ARM. Kuo si è detto molto ottimista sulle prospettive di crescita della domanda per i futuri MacBook. Il passaggio ai nuovi chip offrirà un vantaggio competitivo in termini di prestazioni e durata della batteria, così come l’implementazione dei display mini-LED potrebbe far lievitare ancora di più le richieste. Ancora poche ore e scopriremo quelle che saranno le prossime mosse del colosso tecnologico.

In attesa delle novità Apple, potete acquistare l’ultimo MacBook Pro da 16 pollici con uno sconto di oltre 400 euro, sullo store di Amazon, cliccando qui.