Tom's Hardware Italia
Android

Mi Mix 3 svelato, Xiaomi stupisce ancora: 10 GB di RAM, fotocamere a scomparsa e supporto 5G

A bordo lo Snapdragon 845 di Qualcomm. Mi Mix 3 può inoltre contare su ben quattro fotocamere e su uno schermo AMOLED da 6,39 pollici. Xiaomi inizierà la commercializzazione a partire dal 1 novembre.

Xiaomi ha appena presentato il Mi Mix 3 durante un evento tenutosi a Pechino. Si tratta del nuovo smartphone Android top di gamma dell’azienda cinese, con specifiche tecniche per certi versi uniche nel suo genere: un meccanismo a scorrimento per far comparire le fotocamere anteriori (diverso da quello di Oppo Find X); una versione con supporto al 5G che arriverà in Europa nel primo trimestre del 2019; ben 10 Gigabyte di RAM, il primo a offrire un simile quantitativo assieme al Black Shark Helo, di cui vi abbiamo parlato due giorni fa.

Ma andiamo con ordine. Come funziona il meccanismo a scorrimento? Xiaomi ha utilizzato dei magneti permanenti al neodimio, che garantiranno stabilità e resistenza nel tempo. Con un semplice movimento delle dita, l’utente può far scorrere lo schermo verso il basso per rivelare le due fotocamere anteriori – sensore principale da 24 Megapixel Sony IMX576 e secondario da 2 Megapixel – e i vari sensori che consentono il riconoscimento 3D del volto per lo sblocco.

Xiaomi ha pensato anche alla possibilità di personalizzare il suono di apertura del meccanismo, una cura al dettaglio che sembra fare la differenza in questo Mi Mix 3. Il comparto fotografico si completa con altre due fotocamere posteriori, entrambe da 12 Megapixel (f/1.8 e sensore Sony IMX363, f/2.4 e zoom ottico) e con stabilizzazione ottica su quattro assi. C’è la possibilità di registrare video in slow-motion a 960 fps.

DxOMark ha già promosso il comparto fotografico del Mi Mix 3 assegnando 103 punti nel suo solito test. Si tratta di un risultato complessivo superiore a dispositivi come il P20 di Huawei (102 punti), allo stesso livello del Galaxy Note 9 e HTC U12+, inferiore solo all’iPhone XS Max (105 punti) e al P20 Pro (109 punti), con quest’ultimo che continua a guidare ormai da mesi questa particolare classifica.

Per quanto riguarda il 5G, c’è un dubbio che non è stato chiarito. La versione 4G del Mi Mix 3 è basata sul processore Snapdragon 845 di Qualcomm, che però non supporta il nuovo standard di rete. Dunque, a rigor di logica, è molto probabile che la variante dello smartphone Xiaomi che arriverà nel primo trimestre del 2019 possa essere basata su un SoC differente. Attendiamo comunque comunicazioni ufficiali da parte dell’azienda cinese.

Il quantitativo di RAM parte invece da 6 Gigabyte con 128 Gigabyte di memoria interna UFS 2.1 (lo standard più veloce sul mercato). Mi Mix 3 sarà comunque commercializzato anche nella versione con 8 Gigabyte di RAM e 128 Gigabyte di storage, fino ad arrivare alla variante top con 10/256 Gigabyte. E poi, batteria da 3.850 mAh con ricarica rapida sia wireless che cablata, supporto dual-SIM, bluetooth 5.0, wi-fi ac dual-band. Insomma, tutto ciò che è lecito attendersi da un top di gamma nella seconda parte del 2018.

Ovviamente, la parte software è affidata ad Android in versione 8.1 Oreo personalizzato con la MIUI 10. Xiaomi ha inoltre ulteriormente estremizzato il concetto di design borderless, riducendo ancora le cornici rispetto al Mi Mix 2S, con un rapporto schermo/scocca che tocca il 93,4%. Anche il display rappresenta un’importante novità rispetto alla generazione precedente, visto che diventa AMOLED e raggiunge la diagonale di 6,39 pollici con risoluzione di 1.080 x 2.340 e rapporto di forma in 19.5:9.

Insomma, sembra mancare nulla al Mi Mix 3 per giocarsela con i vari Galaxy Note 9, Mate 20 Pro e iPhone XS Max. Tra l’altro, come da tradizione per Xiaomi, i prezzi sono dalla sua parte rispetto ai diretti concorrenti: 3.299 yuan per il modello da 6/128 GB, circa 410 euro al cambio; 3.599 yuan (circa 450 euro al cambio) per quello da 8/128 GB; infine il modello top da 10 GB di RAM e 256 GB di memoria interna raggiunge i 4.999 yuan, ovvero circa 630 euro. Cifre molto lontane dai 1.000 e più euro dei competitors, con l’azienda cinese che in confezione include anche la basetta per la ricarica wireless.

Le vendite inizieranno in Cina a partire dal 1 novembre, e lo smartphone potrà essere acquistato nelle colorazioni Onyx Black, Jade Green e Sapphire Blue. Non dovrebbero esserci dubbi circa la commercializzazione in Europa, ma per i prezzi e disponibilità nel nostro mercato attendiamo notizie ufficiali da parte di Xiaomi.

Il Mi Mix 2S, predecessore del Mi Mix 3, è attualmente in offerta su Amazon con 200 euro di sconto. Lo trovate a questo link.