HANDS-ON

Dreams, il sogno di Media Molecule | Anteprima

Pagina 1: Dreams, il sogno di Media Molecule | Anteprima

Dreams è un gioco impossibile, un prodotto talmente peculiare da diventare quasi alienante per i giocatori di oggi. Media Molecule, autore tra le altre cose di Little Big Planet, ha deciso di lanciarsi in questo progetto follemente creativo nel tentativo di trasformare la nostra PlayStation 4 in uno strumento di creazione talmente potente da diventare, paradossalmente, un mezzo inclusivo di proporzioni inedite. Si tratta, nello specifico, di un tool di creazione sconfinato che permette di creare vere esperienze 3D dettagliate, uniche, visionarie.

Nel corso dei mesi vi abbiamo raccontato diverse volte lo “stato lavori” del gioco, che abbiamo avuto il piacere d’incontrare diverse volte nel corso del tempo, soprattutto grazie alla versione early access disponibile, di fatto, da un anno. Avvicinandoci però alla release, Sony ha pensato di organizzare un evento milanese nel quale coinvolgere stampa, influencer e team di sviluppo, con l’obbiettivo di raccontare nel miglior modo possibile la produzione e permetterci anche di provare l’inedita modalità “Il Sogno di Art”, un’avventura single player che permette di capire diverse sfaccettature dell’opera per prendere confidenza con il mood ma, in particolare, con la vena artistica di Dreams.

Eccoci quindi pronti per scendere nei dettagli, raccontarvi le nostre impressioni e riportarvi anche un’interessante intervista con Kareem Ettourney, Art Director e fondatore di Media Molecule.

Nel cuore del sogno

Come detto in apertura, il Sogno di Art è una modalità single player che permette, in circa 2-3 ore, di capire cosa Dreams abbia da offrire; ma non solo, l’idea è quella di sfruttare questa sorta di tutorial per mostrare ai giocatori tutti gli strumenti e le possibilità a loro disposizione, alternando stili artistici, meccaniche, telecamere di gioco e generi diversi. Potrebbe quasi essere considerata come una folle montagna russa fatta di curve e giri delle morte sempre differenti, arrivando addirittura a rappresentare un nuovo, fantastico modo di raccontare storie che, sinceramente, non avevamo mai visto prima.

L’input narrativo riguarda un musicista, Art appunto, che lascia la sua band per affrontarne poi la conseguenza. Passeremo attraverso livelli differenti, ostacoli sempre diversi e intriganti, in un vortice d’azione e sorprese che, in poche parole, ci ha lasciato a bocca aperta. All’interno dell’avventura sarà inoltre possibile raccogliere una serie di collezionabili che sbloccheranno alcuni tool specifici, che ci permetteranno, volendo, di creare letteralmente un sequel del Sogno di Art con le nostre mani.

Dreams Beta

Non è possibile purtroppo accedere alla modalità editor dei vari livelli dell’avventura, questo perché Media Molecule non voleva “confondere” troppo i giocatori, preferendo invece una scoperta graduale, unita al giusto tempo di sperimentazione.

Una volta conclusa l’esperienza, ecco che le porte dell’opera di Media Molecule si aprono, rendendoci partecipi del sogno visionario dei suoi creatori. Per chi non conoscesse il prodotto, è bene rimarcarne le caratteristiche. In Dreams avrete a disposizione, sostanzialmente, un software di creazione completamente malleabile, utilizzabile sia tramite Dualshock 4 che tramite PlayStation Move. Potrete accedere a una serie di assets predefiniti o creati della community, per realizzare ciò che preferiti. Un foglio bianco digitale in tre dimensioni, con il quale creare letteralmente tutto quello che volete. Un platform, un action, un’esperienza introspettiva; qualunque cosa. In ogni momento sarà possibile passare dall’editor al gameplay, esplorando fisicamente ciò che avete realizzato, scovandone i dettagli, i difetti, guardando da vicino il frutto dei vostri sogni.

Un gioco impossibile, dicevamo, che permette anche al mercato di scovare potenzialmente nuovi talenti, come confermato da Media Molecule stessa, che utilizza il gioco come metodo di recruitment per nuovo figure all’interno dello studio.

Dreams arriverà sul mercato con la versione completa il prossimo 14 febbraio, mentre coloro i quali stanno già utilizzando l’accesso anticipato potranno usufruire della versione completa a partire da oggi, 11 febbraio. Il prodotto di Media Molecule è follia pura, ambisce a trasformare la console in un potentissimo strumento di creazione personale, senza scendere a compromessi su possibilità – presenti e future. Lo studio e il publisher hanno infatti in programma un supporto a lungo termine che potrebbe trasformare Dreams nello strumento più inclusivo e creativo che il mercato abbia mai visto.