eSports

Fortnite: i criticati mech Brute non sono sbilanciati, è il responso dell’ultimo torneo

Fin dall’inizio della Stagione 10 di Fortnite, i mech Brute hanno diviso l’utenza. Epic ha fin da subito affermato che lo scopo del nuovo mezzo armato era di rendere la vita più semplice a quei giocatori che di rado riescono a vincere, o addirittura a effettuare delle kill. I fan più hardcore, specialmente i pro-player, hanno invece affermato che la loro potenza rovinava completamente il gioco competitivo. A queste critiche, Epic ha risposto con una patch che ha diminuito il rateo di spawn, ma molti volevano che il mezzo venisse completamente rimosso.

Dove sta la verità e la ragione? Basandoci su un’analisi di Polygon, possiamo affermare che i mech di Fortnite sono praticamente innocui all’interno del ramo competitivo. Questa conclusione arriva in seguito il torneo Trio dello scorso weekend durante il quale molti pro-player si sono affrontati.

Fortnite 10.0

Come è stato possibile vedere tramite le loro partite, la presenza dei mech all’interno degli scontri è stata rara. Inoltre, i giocatori professionisti sanno già come fare in modo di impedire l’avanzata del Brute. Tfue e la sua squadra, ad esempio, hanno tentato di sfruttarli, ma sono stati velocemente bloccati. Ovviamente, essendo molto potenti, capita che i giocatori riescano a ottenere qualche kill, ma si tratta di occasioni rare.

Possiamo quindi affermare che si tratta di una buona aggiunta? Non proprio. Se il loro scopo è di aiutare i giocatori più casual e se l’impatto sui tornei è limitato, poiché i giocatori esperti sanno come distruggere il mezzo in poco, allora non vi è motivo per avere tali mech all’interno delle competizioni pro. Secondo quanto è emerso, si tratta solo di un’aggiunta senza scopo: non tolgono e non danno nulla agli scontri.

Diteci, voi cosa ne pensate? Credete che i mech Brute siano utili a Fortnite e al suo lato competitivo?