Guida

My Hero Academia: The Strongest Hero | Personaggi migliori (Tier list)

My Hero Academia: The Strongest Hero è un videogioco per Android e iOS che permette ai giocatori di controllare molti dei personaggi di My Hero Academia, anime di grande successo basato sull’omonimo manga di Kōhei Horikoshi. Il titolo, sviluppato dalla software house cinese Xin Yuan Studio, è un action RPG dove al giocatore viene data la possibilità di controllare in prima persona uno tra molti dei personaggi presenti nella serie animata; per questo motivo è molto importante avere una lista dei personaggi migliori da consultare nel momento del bisogno.

Ogni personaggio è caratterizzato da capacità e poteri unici, elemento che rende ogni eroe diverso dall’altro; in My Hero Academia: The Strongest Hero ogni personaggio ha statistiche e talenti che vanno valutati con quando si vuole formare una squadra in grado di abbattere ogni tipo di minaccia.
Nel titolo esistono due tipologie di battaglie molto differenti tra loro: quelle contro i nemici controllati dal computer (il PVE) e quelle contro i nemici controllati da un altro giocatore (il cosiddetto PVP).

Poiché i due stili di gioco sono profondamente differenti tra loro, per poter determinare gli eroi più forti, è necessario fare ragionamenti diversi.

Tier list PVE: i personaggi più forti per infliggere un danno massimo

  • S: All Might, Endeavor, Stain
  • A+: Shota Aizawa, Tenya Iida, Hawks
  • A: Fumikage Tokoyami, Katsuki Bakugo, Ochaco Uraraka, Tomura Shigaraki, Momo Yaoyorozu
  • B: Izuku Midoriya, Shoto Todoroki, Minoru Mineta, Tsuyu Asui,
  • C: Eijiro Kirishima, Denki Kaminari
  • D: Mashirao Ojiro

Parlando di PVE è importante concentrarsi sul DPS massimo ottenibile con un qualche personaggio, senza dover troppo preoccupare di stare sulla difensiva. Questo perché, a differenza di un giocatore umano, l’intelligenza artificiale del gioco non è molto sviluppata e con un po’ di esperienza è possibile evitare anche tutti gli attacchi che si subiscono durante una battaglia con un boss. L’obbiettivo finale è molto semplice: fare quanto più danno possibile a più avversari possibili in meno mosse possibili, andando così a completare le sfide in questione.

A differenza del mondo PVP il PVE lascia molto più spazio alla sperimentazione del giocatore, non richiedendo obbligando il giocatore a utilizzare soltanto personaggi capaci di stunlock o stuncombos. Alcuni degli eroi forti in PVE in PVP non rendono molto (vedasi Tenya Iida) proprio per la mancanza di mosse in grado di dominare il gioco dell’avversario, rendendo le partite meno interattive e quindi più semplici da giocare.

Tier list PVP: i migliori personaggi in grado di evadere dalle mosse elusive

  • S+: Shota Aizawa
  • S: Momo Yaoyorozu, Endeavor, Stain, Tomura Shigaraki, Hawks
  • A: Fumikage Tokoyami, Eijiro Kirishima, Ocacho Uraraka, All Might
  • B: Izuku Midoriya, Shoto Todoroki, Minoru Mineta
  • C: Tenya Iida, Katsuki Bakugo
  • D: Mashirao Ojiro, Denki Kaminari, Tsuyu Asui

Gli eroi più forti di questa categoria sono quelli capaci di superare le mosse elusive di un avversario attraverso un uso saggio e attento delle proprie abilità. Personaggi come Aizawa, ad esempio, hanno la capacità di attirare l’avversario a sé mentre personaggi come All Might è un personaggio molto aggressivo capace di fare da gap closer in maniera molto semplice. Tra i personaggi forti troviamo anche Tokoyami, capace di attaccare dalla media distanza e quindi in grado di adattarsi al giocatore avversario attraverso il posizionamento.

In questa specifica categoria contano moltissimo le abilità in grado di stordire il proprio avversario, impedendogli di interagire con noi e lasciandoci spazio per effettuare combo di abilità. Il motivo per cui Aizawa è così in alto nella tierlist è proprio questo: grazie alle sue abilità un giocatore può stunlocckare fin da subito un avversario con Aizawa, eliminando velocemente almeno due avversari nel giro di qualche combo posizionata nel momento giusto.

Elemento molto importante da ricordare: in PVP livello e rank del personaggio non contano. Valgono molto di più gli attributi principali dei vari eroi: P (di Power), S (di Speed) e T (di Tech). Gli eroi P sono avvantaggiati sugli eroi S, gli eroi S sono avvantaggiati sugli eroi T mentre gli eroi T sono avvantaggiati sugli eroi P.
Riassumendo, quindi, abbiamo: P > S | S > T | T > P

Tier list battaglie co-op & Warzone: i migliori personaggi per giocare come Tank, Primary, Front e Back

  • S: All Might, Shota Aizawa, Endeavor, Stain
  • A: Denki Kaminari, Fumikage Tokoyami, Tsuyu Asui
  • B: Katsuki Bakugo, Momo Yaotorozu, Ocacho Uraraka, Shoto Todoroki, Tomura Shigaraki
  • C: Eijiro Kirishima, Minoru Mineta, Tenya Iida,
  • D: Mashirao Ojiro, Izuku Midoriya

Le battaglie cooperative richiedono al giocatore di inserire in squadra eroi in due diverse posizioni: Front e Back.
Questi eroi saranno poi divisi in primary (ovvero quelli che entrano in battaglia per primi) ed in backup (che entrano in battaglia alla disfatta dell’eroi primario)

I personaggi che vanno giocati in posizione front sono quelli ascrivibili alla categoria del tank.
In questo caso personaggi come Kirishima funzionano in maniera egregia, avendo accesso ad abilità come Red Counter o Red Gauntlet.

Per buona norma è importante inserire nella posizione Back un personaggio capace di attaccare dalla distanza o dotati di abilità di gap closing: in questo caso due ottimi esempi come Kaminari o Midoriya.

Che eroi inserire invece nello slot Primary?
In questo slot va inserito l’eroe che giocheremo per primo e con cui crediamo di giocare meglio (se vogliamo essere davvero aggressivi e chiudere la partita al primo colpo).
In questo slot è intelligente inserire un personaggio magari non fortissimo che però sappiamo usare molto bene, in modo da aumentare al massimo la nostra efficienza in battaglia.

Nello slot backup invece dovremo inserire un eroe in grado di salvare la situazione in condizioni disperate: in questo caso è importante scegliere un eroe che si sa giocare bene e che, magari, è capace di infliggere un sacco di danni in pochi colpi minimizzando il numero di azioni da fare (per minimizzare anche la percentuale di errore