Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Telco

Fibra-fibra o fibra-rame? Arrivano i bollini dell’AGCOM

La maggior parte dei servizi di connettività Internet residenziali, come tutti ben sanno, non è costituita da fibra "in purezza" bensì "blend" come direbbe un appassionato di vini. Tecnologia mista rame-fibra, insomma. Quindi non dovrebbe stupire che finalmente nell'Anno Domini 2018 il Garante delle Comunicazioni abbia deciso di implementare un sistema di certificazione che consenta al consumatore finale di comprendere quale tipo di tecnologia si nasconda dietro alle offerte presenti sul mercato.Per ora varrebbe la pena solo mettere qualcosa in fresco più che stappare, perché l'AGCOM ha deciso di procedere cautamente. A breve verrà pubblicata una bozza di regolamento che andrà in consultazione. Ciò vuol dire che per 30 o 60 giorni le parti in causa potranno esprimere un'opinione al riguardo, dopodiché il Garante delibererà.

bollini
I bollini, pubblicati in anteprima da La Repubblica

Possiamo anticiparvi, grazie ad alcune conferme provenienti esperti del settore, che verranno proposti dei bollini identificativi per ogni tecnologia. Verde "FF" per la fibra a casa (FTTH), blu "F" per la fibra al palazzo (FTTB), giallo "RF" per la fibra all'armadio (FTTC), rosso (R) per la fibra alla centrale (FTTN) e viola (W) per il fixed wireless.

gazzetta ufficiale
L'estratto dalla Gazzetta Ufficiale 

Grazie a questo sistema gli operatori saranno obbligati a esplicitare sui loro siti Web, campagne pubblicitarie e altri media la tipologia di connessione offerta. In caso contrario rischieranno sanzioni per pratiche commerciali scorrette.

Leggi anche: Fibra FTTH e FTTC da qui al 2020, i piani degli operatori

Bisogna ricordare che la decisione dell'AGCOM si deve a una chiara indicazione del Governo che a dicembre, in fase di conversione in Legge del Decreto Fiscale, ha inserito un nuovo comma nel Codice delle Comunicazioni Elettroniche – il comma 1-bis all'art. 71. In questo si legge chiaramente che i provider devono fornire "informazioni chiare e trasparenti in merito alle caratteristiche    dell'infrastruttura fisica utilizzata per l'erogazione dei servizi".

fibra

L'AGCOM avrebbe dovuto definire le caratteristiche tecniche e le le corrispondenti denominazioni delle diverse tipologie di infrastruttura fisica,  "individuando  come  infrastruttura  in  fibra ottica completa l'infrastruttura che assicura il collegamento in fibra fino all'unità  immobiliare del  cliente".

Il commento

Si tratta senza dubbio di una buona notizia per i consumatori. Per altro la consultazione pubblica sulla questione dovrebbe iniziare a giorni. Bisognerà però valutare gli effetti collaterali di questa iniziativa.

Sicuramente alcuni provider saranno costretti a usare il termine "fibra" con maggiore cautela e quindi sarà chiaro chi vende che cosa. Dopodiché saranno autorizzati anche a giustificare politiche tariffarie diversificate. Oggi i prezzi degli abbonamenti FTTH sono molto più vantaggiosi rispetto alle altre tecnologie, ma domani chissà. Un provider potrebbe domandare cifre molto diverse a seconda che si tratti di FTTC, FTTB (in Italia quasi inesistente) e FTTH.

La maggioranza degli italiani non sa che gli abbonamenti che forniscono servizi ultra-broadband di fascia alta sono molto concorrenziali rispetto agli altri mercati europei. ADSL e FTTC di fascia bassa invece si collocano fra i più cari (qui le statistiche UE). Saremo pronti a trarne le conseguenze?

Gioca a favore del paese – ma solo in questo caso e forse ancora per un breve periodo – la ridotta domanda di servizi ad alta velocità. Quindi i provider non saranno così folli da rendere le loro migliori tecnologie meno allettanti sotto il profilo economico.

In sintesi. Finalmente maggiore trasparenza. Ma poi non lamentatevi se legittimamente la migliore qualità verrà fatta pagare come nel resto d'Europa.