Tom's Hardware Italia
Fotografia

Recensione DJI Osmo Action


DJI Osmo Action
Registrazione
Fino in 4K a 60 FPS
Formati
MOV, MP4 (H.264)
Archiviazione
SD, massimo 256 GB
Slow Motion
8X e 4X
Recensione della DJI Osmo Action, concorrente della GoPro Hero 7 Black, in grado di registrare a 4K/60 FPS e con un ottimo sistema di stabilizzazione.

DJI Osmo Action è l’action cam di DJI, diretta concorrente della GoPro Hero 7 Black, in grado di registrare video a risoluzione 4K a 60 FPS e con un sistema di stabilizzazione in grado di offrire ottimi risultati. Se siete interessati a una Action Cam di alta qualità fino ad ora non c’erano molte alternative ai modelli GoPro, ma ora potreste trovare in Osmo Action un’alternativa probabilmente anche migliore sotto alcuni aspetti.

Come è fatta la DJI Osmo Action

Esteticamente la DJI Osmo Action non è differente rispetto a molte altre action cam, sia per ingombri che design. Grande obiettivo anteriore, schermo touchscreen posteriore da 2.25” (più grande rispetto a quello della Hero 7), sportello nel bordo sinistro che nasconde l’alloggiamento per la scheda MicroSD e la porta USB-C. La batteria s’inserisce dal bordo inferiore, dovrete prima sbloccarla agendo su due blocchi a scorrimento. Due LED, uno superiore e uno anteriore, indicano lo stato di registrazione.

Un pulsante superiore, a sinistra, serve per accedere e spegnere l’action cam. Uno a destra serve per registrare video o scattare foto, mentre nel bordo sinistro troverete un tasto di scelta rapida, riportante la scritta “QS”. Cliccandolo passerete tra le differenti modalità di scatto o ripresa, mentre tenendolo premuto potrete abilitare lo schermo anteriore.

Quest’ultimo rappresenta una novità nel settore delle action cam, e in generale è probabilmente la caratteristica differenziante tra Osmo Action e tutte le GoPro. Infatti si tratta di uno schermo a colori da 1.4” che mostra l’immagine inquadrata, perfetto se volete riprendervi in modalità selfie. Con molte altre action cam l’unico modo per avere una funzione del genere è acquistare accessori o usare lo smartphone, soluzioni molto più scomode rispetto al tenere premuto il tasto QS per meno di un secondo, o fare un tap con due dita sullo schermo posteriore.

Il peso è comparabile con quello della Hero 7, che è un po’ più alta, mentre la Osmo Action ha una forma più allungata. Ovviamente è impermeabile, anche senza custodia, fino alla profondità di 11 metri (la custodia subacquea estende la profondità a 60 metri).

Modalità video e foto

Con DJI Osmo Action potrete registrare video fino alla risoluzione 4K a 60 FPS, mentre potrete scegliere la velocità di registrazione tra 24, 25, 30, 48, 50 e 60 FPS. È disponibile anche la risoluzione 4K con formato di forma 4:3, ma solo a massimo 30 FPS (e senza stabilizzazione), 2.7K 4:3, 2.7K fino a 60 FPS, 1080p fino a 240 FPS e 720p, con opzioni a 240 o 200 FPS (non meno) e senza stabilizzazione. Insomma, un vasta scelta di risoluzioni e velocità.

Oltre alla modalità video classica, potrete registrare filmati HDR, ma in questo caso sarete limitati alla massima velocità di ripresa a 30 FPS, ma sempre 4K come risoluzione massima.

Selezionando la modalità “slow motion” verrà selezionata la risoluzione 1080 a 240 FPS, per un effetto rallentato 8X, mentre potrete selezionare la modalità 4X, che dimezza la velocità.

La modalità fotografica permette di effettuare scatti singoli, raffiche da tre scatti, scatto temporizzato e uno scatto “AEB”, cioè una modalità che permette di catturare in rapida successione uno scatto con cinque differenti esposizioni per creare una foto HDR. Non mancano delle modalità creative, come la possibilità di registrare timelapse o hyperlapse.

Interfaccia e opzioni

L’interfaccia è molto intuitiva, e non differente per modalità di navigazione da altri prodotti DJI, come ad esempio la Pocket. S’interagisce con dei movimenti lungo i bordi dello schermo. Da sinistra verso destra si apre la galleria da cui visionare gli scatti o riprodurre i video catturati. Dal basso verso l’alto si accede al menù opzioni della modalità selezionata: in modalità video, ad esempio, potrete selezionare la risoluzione e velocità di ripresa, mentre in modalità foto l’aspetto, o in timelapse i secondi di durata.

Scorrendo da sinistra verso destra si apre il menù di controllo dell’immagine, cioè la possibilità di cambiare l’esposizione o gli ISO; di default è impostata una modalità automatica. Un secondo click permette di scegliere la modalità di bilanciamento del bianco (automatica o selezionando la temperatura colore), di attivare la modalità “Dewarp”, che elimina l’effetto fisheye dell’obiettivo, il profilo colore (solo in registrazione video, normale o D-Cinelike) e il formato di registrazione (MP4 o MOV, mentre per le foto JPG o RAW+JPG).

Infine un movimento dal bordo superiore verso il basso apre il menù opzioni principale: tra le altre, segnaliamo la possibilità di attivare i comandi vocali (in inglese) e l’abilitazione del filtro anti vento, l’anti-flicker (auto, 50 e 60 Hz).

Stabilizzazione

Si chiama “RockSteady”, ed è il nome che DJI ha dato al suo sistema di stabilizzazione elettronico (EIS). Funziona molto bene, anche meglio della soluzione GoPro, ma dobbiamo ammettere che la differenza è quasi impercettibile.

Nel filmato vedete a confronto le due Action in diverse situazioni: nella parte finale del filmato, quella più movimentata, potete vedere le performance leggermente migliori della Osmo Action. Ribadiamo che la differenza non è forse tale da sbilanciare totalmente la decisione d’acquisto, ma è una conferma dell’ottimo sistema di stabilizzazione DJI.

Autonomia

La batteria è da 1300 mAh, e secondo DJI vi permette di registrare circa un’ora di filmati alla massima risoluzione, cioè 4K a 60 FPS, autonomia che si raddoppia a risoluzione Full HD a 30 FPS.

Per rimuovere la batteria è necessario agire su due ganci, soluzione che offre grande solidità e sicurezza, ma che rallenta leggermente l’operazione di sostituzione batteria. Dobbiamo però che notare che l’inserimento della batteria sulla DJI Osmo Action, differentemente da altri modelli che hanno il classico sportellino, è più immediato, poiché basta inserirla nell’alloggiamento e spingerla fino in fondo, senza alcun sportello da richiudere. A conti fatti, anche se può risultare effettivamente inusuale le prime volte, la riteniamo una soluzione valida.

Qualità video e audio

Per raffrontare la qualità video vi proponiamo il filmato che vedete qui sotto.

La DJI Osmo Action tende a registrare immagini un po’ più chiare e meno contrastate, situazione che però può cambiare con le differenti condizioni di luminosità e le impostazioni automatiche, il cui risultato diventa molto simile. La qualità risultante è comunque ottima, e c’è sicuramente una componente personale nel risultato finale. Se volessimo fare i pignoli, come per la stabilizzazione notiamo un pizzico di qualità in più sulla Osmo, per la qualità generale dell’immagine GoPro è di pochissimo preferibile.

Vi mostriamo anche due filmati con i due profili colore disponibili, uno normale e poi D-Cinelike, che rende l’immagine meno satura.

Abbiamo notato un flickering eccessivo in ambienti interni con luce al neon; è presenta la funzione per evitare questo difetto, impostabile in automatico, 50 e 60 Hz, ma la sua efficacia non è immediata. Se dovete scattare una foto è possibile rimanere immobili per un secondo e il difetto sparirà, per ricomparire quando vi muoverete. Non crediamo che una Action Cam venga utilizzata soprattutto in un ambiente interno del genere, ma è lecito segnalare il comportamento.

Sempre nel video precedente abbiamo registrato due clip per mostrarvi la differenza con e senza HDR.

La qualità audio non è tra i punti di pregio della DJI Osmo Action, come non lo è per nessun’altra Action Cam, quindi non è un punto che possiamo considerare ai fini della valutazione.

Verdetto

DJI Osmo Action è un’ottima action cam e una validissima concorrente di GoPro, il riferimento del settore, almeno fino ad ora. La stabilizzazione ottica è di alto livello, la qualità dell’immagine è molto buona, il software ben fatto e facilmente controllabile tramite il touchscreen posteriore. Ma forse la differenza principale e la freccia migliore all’arco di DJI è il secondo schermo anteriore che non mostra solo le impostazioni della action cam come su GoPro, ma bensì l’immagine inquadrata.

Osmo Action Award

Se volete un’action cam per inquadrarvi in modalità selfie, dovreste preferire Osmo Action a qualsiasi altro modello. Se invece volete inquadrare unicamente una scena davanti a voi, la differenza è nei dettagli, e vi consigliamo di scegliere in base a qualche caratteristica specifica o alla resa dell’immagine.

Considerando le caratteristiche e qualità generale della Osmo Action, nonché la presenza dello schermo frontale che amplifica le possibilità di ripresa senza necessità di accessori aggiuntivi, e il prezzo non superiore rispetto ai diretti concorrenti, conferiamo a Osmo Action il nostro award.

DJI Osmo Action

Osmo Action è la action cam di DJI, diretta concorrente della GePro Hero 7 Black, in grado di registrare video a risoluzione 4K a 60 FPS e con un sistema di stabilizzazione in grado di offrire ottimi risultati.


Verdetto

Osmo Action è un’ottima action cam in grado di registrare immagini stabilizzate alla massima risoluzione 4K e 60 FPS. L’ottima stabilizzazione insieme alla buona qualità dell’immagine vi porta a ottenere filmati molto piacevoli in qualsiasi condizione. Lo schermo anteriore che mostra l’immagine inquadrata abilita una modalità selfie unica aumentando le situazioni in cui vorrete usare Osmo Action.

Pro

- Ottima stabilizzazione video.
- Buona qualità dell’immagine.
- Software semplice da usare.
- Schermo anteriore per modalità selfie, video HDR.

Contro

- Leggermente più pesante rispetto alla Hero 7
- No GPS
- Qualità audio solo sufficiente