Auto

2020 incredibile per la mobilità Green: Tesla in pole position

Il 2020 è stato un anno decisamente difficile ed è ora il momento di tirare le somme anche sul mercato dell’auto.
La pandemia ha colpito in maniera decisa anche questo settore che ha visto, in Europa, una contrazione totale del 26,1% del totale di auto vendute rispetto al 2019; nei singoli stati troviamo la situazione peggiore in Spagna con un -35,3%, seguita da UK con -30,7% e successivamente Italia con -29%.

Nonostante la situazione, il mercato dell’auto elettrica ha registrato numeri da record segnando un 300% in più in Italia e vedendo ingenti investimenti nel settore green da parte di molti costruttori; sono state introdotte nuove leggi che, oltre a tutelare l’ambiente andando a mirare per la riduzione complessiva del 60% delle emissioni entro il 2030, saranno anche affiancate da incentivi per l’acquisto di auto elettriche per poter rendere questa transizione meno gravosa del previsto per i consumatori.

Il leader del mercato, almeno come fama, è sicuramente stata Tesla che ha registrato numeri impressionanti in questo turbolento 2020; nonostante le difficoltà incontrate dovute alla pandemia, è riuscito a rispettare il target che si era prefissata di 500.000 veicoli consegnati nel 2020 (499.550 per la precisione al 31/12) e questa è solo la ciliegina sulla torta di quello che è stato un anno incredibile sul mercato azionario, registrando un +696 % al momento della scrittura dell’articolo, arrivando alla capitalizzazione record di 691 miliardi di dollari statunitensi e prendendosi di diritto la corona di sovrano incontrastato del mercato e guadagnandosi l’inclusione del prestigioso indice S&P 500.

Per comparazione, il secondo costruttore di auto al mondo è Toyota con 215 miliardi di dollari, seguita da Volkswagen con 100 miliardi; la valutazione di Tesla è, agli occhi di molti, esagerata eppure la sua crescita non accenna a fermarsi, inaugurando il 2021 con una sessione di mercato decisamente positiva.

Trader Gregory Rowe, center, and others work on the floor of the New York Stock Exchange Monday, March 16, 2020. (AP Photo/Craig Ruttle)

Un altro marchio di spicco è sicuramente NIO che si è resa nota dalla sua partecipazione in Formula E con un omonimo team e ha realizzato la hypercar EP9 che è stata in grado di registrare al Nürburgring un tempo di soli 6:45:9. Il titolo è quotato in borsa ed ha segnato un incremento percentuale ancora maggiore di quello registrato da Tesla toccando il 1170 % al momento della scrittura di questo articolo.

Il decennio della transizione all’elettrico è appena iniziato e non vediamo l’ora di vedere dove ci porterà.