Auto

Addio alla Honda NSX, ma prima c’è la versione Type S

A cinque anni dall’esordio, si può dire che il restyling della NSX sia stato un mezzo passo falso per Honda considerate le vendite non esaltanti e la scarsa popolarità. Lo dimostra il fatto che in pochi, ancora oggi, sanno che questo modello esiste e ne conoscono l’aspetto. L’opposto di quanto avviene per lo storico predecessore anni ’90, tuttora molto amato nonostante i trent’anni che porta sulle spalle. E anche ricercato dai collezionisti, come abbiamo detto qualche giorno fa in occasione del modello NSX-R.

Malgrado la tiepida accoglienza, confermando l’ostinazione tipica dei giapponesi, Honda ha proseguito sulla sua strada ed ha presentato in queste ore quella che sarà l’ultima versione ufficiale. Distribuita (come sempre) sotto il marchio Acura negli Stati Uniti, la Honda NSX Type S verrà prodotta in una serie limitata di soli 350 esemplari con tanto di targa recante ogni numero identificativo. Vera serie limitata o necessità di mercato? Forse la seconda, considerando che l’anno scorso sono state vendute solo 128 NSX in tutti gli Stati Uniti.

Ad ogni modo, la versione Type S promette di far evolvere ancora questa vettura sia nelle specifiche sia nel comportamento durante la guida. Pur mancando i dettagli riguardo le modifiche apportate, è facile prevedere che andrà sopra il tetto dei 600 cavalli spingendo al massimo il motore termico biturbo V6 affiancato a ben tre motori elettrici. Inoltre, varie indiscrezioni danno per certa la revisione dell’assetto e dei freni, ovviamente maggiorati, oltre a lievi restyling per la carrozzeria.

Quest’ultima è forse la parte più riuscita della (non più) nuova NSX, con le sue linee affilate e futuristiche ancora molto attuali dopo cinque anni. Non sarebbe male che Honda mantenesse lo stesso design nelle prossime versioni, in pratica già confermate. La casa nipponica, a corredo di questi annunci, ha sottolineato che continuerà a produrre auto sportive, spostandosi però in campo elettrico. Chissà se vuole scommettere ancora sul marchio NSX, una scelta che si è rivelata controproducente per quest’auto attirando molte critiche da parte degli appassionati.

In attesa di scoprire cosa stanno progettando in quel di Tokyo, chi dispone del budget necessario (parliamo di una spesa sui 200.000 Euro) potrà ordinare la versione Type S già settimana prossima. Almeno negli Stati Uniti, dove l’auto continuerà ad essere prodotta fino all’ultimo esemplare.

Il libro che raccoglie tutta la storia della NSX originale iniziando dalle presentazioni del 1989, su Amazon.