Ibride e Elettriche

Auto elettriche, Biden annuncia un piano da 174 miliardi di dollari

La nuova amministrazione americana sembra ormai puntare alla riduzione delle emissioni di CO2 causate dai veicoli. Non a caso, il nuovo Presidente Joe Biden ha ufficializzato un importantissimo piano di investimenti pubblici da circa 2.25 trilioni di dollari con l’obiettivo di rilanciare l’economia statunitense, di cui 174 miliardi destinati alle nuove auto elettriche e alle infrastrutture di ricarica.

Sono dunque chiari i nuovi progetti della Casa Bianca che si dichiara pronta a sostenere l’incentivazione di veicoli a propulsione elettrica congiuntamente ad un programma di sviluppo infrastrutturale. Le auto elettriche saranno pertanto protagoniste di una vera e propria transizione che riguarderà il parco auto, al fine di ridurre le emissioni di CO2 e contrastare i cambiamenti climatici mediante tecnologie inevitabilmente più avanzate.

Il presidente ritiene che la situazione debba cambiare propone e investimenti per 174 miliardi di dollari, si legge nella nota di Washington. Il piano consentirà alla case automobilistiche di stimolare le catene di approvvigionamento nazionali, dalle materie prime alle componenti, di riorganizzare le fabbriche per competere a livello globale e di supportare i lavoratori americani nella produzione di batterie e veicoli elettrici.

La stessa amministrazione ha tuttavia pensato di introdurre misure a sostegno dei consumatori con appositi sconti presso i punti vendita e incentivi fiscali per l’acquisto di veicoli elettrici di fabbricazione americana. Il primo passo importante sarà dunque quello di garantire gli incentivi, affinché l’acquisto veicoli elettrici possa anche essere più vantaggioso per i futuri acquirenti. Si parla di circa 7.500 dollari massimi per veicolo, che potrebbero però aumentare grazie ad interventi diretti messi a disposizione dagli stessi produttori.

È necessario garantire ai consumatori incentivi per acquistare auto elettriche prodotte in America, contestualmente assicurandosi che questi veicoli siano abbordabili per tutte le famiglie, siano vantaggiosi per i produttori e spingano alla creazione di nuovi posti di lavoro.

Come accennato, non mancheranno tuttavia investimenti dedicati all’ulteriore sviluppo delle infrastrutture di ricarica, fondamentali per accelerare il processo di transizione. Il piano prevede difatti appositi programmi di sovvenzioni e incentivi per i governi statali e locali, cosi come per il settore privato per costruire una rete nazionale di 500.000 punti di ricarica entro il 2030. 

Se volete saperne di più sulle nuove tecnologie, il libro “Le batterie al litio nella trazione elettrica e ibrida” è disponibile su Amazon.