Auto

Dacia Spring, la citycar elettrica in arrivo nel 2021

A quanto pare, anche la casa automobilistica romena della Dacia è pronta a tornare in scena con un modello di auto 100% elettrico. La nuova vettura doveva essere presentata nel corso del Salone di Ginevra che, come ormai tutti sapranno, è stata annullata a causa della nuova epidemia del coronavirus Covid-19. Durante i giorni scorsi non sono mancate alcune informazioni inerenti alla nuova, attesissima, citycar del marchio Dacia, tuttavia la casa automobilistica – dopo l’annullamento dell’evento – non si è persa d’animo e ha provveduto a presentare la Dacia Spring “via web”.

La nuova citycar è stata realizzata dall’azienda con un intento ben preciso, ossia quello di rendere la vettura accessibile a più persone possibili. Il concept ha mostrato al mondo intero che le linee della nuova Spring sono molto simili alla Renault City K-ZE, inoltre potrà ospitare – oltre al conducente – anche altri tre passeggeri, per un totale di 4 posti. La Dacia Spring sarà una citycar a cinque porte, 100% elettrica e dalle dimensioni ridotte, tuttavia l’azienda non ha rinunciato a realizzare un’auto pratica e comoda. Proprio per questi motivi, si nota immediatamente che l’altezza da terra è di gran lunga superiore alla media. I concept art mostrano in oltre che le luci frontali sono caratterizzate dalla presenza di una striscia LED e tre elementi inseriti nel paraurti. Invece, la parte posteriore, presenta quattro luci LED che “disegnano” una doppia Y.

A differenza dell’aspetto estetico, i dettagli tecnici non sono ancora del tutto chiari. Tuttavia, la casa automobilistica romena pare abbia affermato che la nuova Dacia Spring potrebbe avere un’autonomia di 200 Km, quindi niente male per una vettura adatta alla mobilità urbana. Mentre, per quanto riguarda il powertrain, molto probabilmente, sarà il medesimo del crossover della casa francese Renault. Dunque, per assistere al debutto della nuova citycar, che si contraddistingue anche per il suo colore a dir poco originale, sarà necessario attendere sino al 2021.