Auto

Nuova Ford Focus, altre immagini dai test

Il prossimo restyling della Ford Focus (qui la prova della versione ST) continua a girovagare cammuffato per le strade europee, mentre si avvicina la data ufficiale delle sue presentazioni. Come annunciavano le notizie di inizio anno, non si tratta di una rivoluzione ma di un semplice aggiornamento perlopiù estetico al modello attuale. Lo dimostra un semplice dettaglio: i cammuffamenti aggiunti alla carrozzeria coprono solo alcune parti specifiche. Tra queste, il cofano che potrebbe risultare molto diverso dal modello corrente così come vari dettagli al posteriore.

Nelle imamgini pubblicate in origine da Carscoops si inutisce anche l’arrivo di nuovi gruppi ottici e un frontale lievemente rivisto. Niente che vada a cambiare forme e proporzioni della vettura, come emerge dando una rapida occhiata alle “foto spia”. Benché manchino immagini degli interni, le novità (come sempre avviene nei restyling) dovrebbero riguardare soprattutto il lato tecnologico. Sono attese nuove funzioni sul lato infotainment se non l’arrivo di un pacchetto completamente inedito (cioé: nuovo display, nuovo software e forse nuovo design dei comandi).

Sul lato dei motori, sembra accertato che sarà disponibile anche una versione ibrida per avvicinare la Ford Focus e Ford ai prossimi regolamenti in materia di circolazione. Dato che la Focus non è più un’auto “globale” (ne è stata interrotta la vendita negli Stati Uniti) gli obiettivi della casa madre restano fissati sull’Europa. E sappiamo che nei prossimi anni tutti i produttori si sposteranno progressivamente verso il settore EV, Ford inclusa.

Da ricordare che gli aggiornamenti alla Focus sono previsti anche per il modello station wagon di cui erano circolate foto simili nei mesi scorsi. Anche in quel caso, le novità riguardavano solo alcune parti della carrozzeria (oltre all’atteso upgrade tecnologico). Per maggiori dettagli e alre informazioni si dovranno attendere gli annunci ufficiali firmati Ford, in una data ancora da definire. Ma non troppo lontana nel tempo, perché l’auto è attesa nei concessionari entro i primi mesi del 2022.