Ibride e Elettriche

Prova, Mercedes Classe A250e: ibrida plug-in da 4,1 l/100 km!

Efficienza. Grande efficienza, a dir la verità. Mercedes Classe A 250e è un’automobile che riesce a sfruttare nel modo migliore l’architettura ibrida plug-in. Il risultato è una media di consumo carburante di 4,1 l/100 km, tradotto in percorrenza: 25 km/l. Difficile scendere sotto questo valore. Più di 600 km percorsi, 400 dei quali in autostrada, territorio sfavorevole per le ibride.

Eppure, Classe A offre un’architettura vincente e ben collaudata. L’eccellente risultato si ottiene tenendo la batteria almeno all’80% di carica: se ricaricata sovente, il plug-in è una soluzione che permette un risparmio significativo sui consumi di benzina. I prezzi di Mercedes Classe A 250 e partono da 41.900 euro.

Ibrido da record

L’unica differenza estetica tra A 250 e il resto della gamma, è la presenza del logo EQ Power sui due lati anteriori. I dettagli dell’auto sono i medesimi: linee morbide ed eleganti si sviluppano su di un disegno della carrozzeria convincente. Anche gli interni non si modificano: raffinati, rifiniti con materiali di qualità; razionali, l’organizzazione dello spazio è ergonomica e i tasti fisici per il controllo della climatizzazione sono utili; tecnologica, MBUX è presente e ben integrato.

La configurazione con doppio schermo da 12″ è scenografica e accattivante, mostrando un’ampia serie di informazioni utili durante le fasi di guida. Piacevole la realtà aumentata per la navigazione. L’assistente vocale risponde a comandi semplici in modo adeguato e brillante, ma non aspettatevi un’evoluta intelligenza artificiale. Serve ancora tempo.

L’architettura ibrida sfrutta un motore benzina 1.4 litri quattro cilindri da 163 Cv che lavora in sinergia con un’unità elettrica da 102 Cv. Quest’ultima è direttamente collegata al cambio automatico doppia frizione a 8 rapporti. La potenza di sistema è di 218 Cv e 450 Nm di coppia massima: accelerazione da 0 a 100 km/h in 6,9 secondi e velocità massima di 235 km/h. Prestazioni notevoli.

Il motore elettrico è alimentato da una batteria da 15,6 kWh permette di viaggiare a zero emissioni per circa 50 km. Una percorrenza che si ottiene viaggiando sul misto. In autostrada il valore reale è di circa 30 km. La soluzione più conveniente suggerisce di mantenere la carica durante i tratti a percorrenza veloce, per poi sfruttarla in città o nei tratti urbani. In questo modo si ottiene in consumo medio da riferimento per la categoria: difficile trovare una pari auto che sappia fare meglio.

Non si rinuncia al piacere

Un risultato eccezionale che si ottiene senza rinunciare al piacere di guida. Condurre Classe A è sempre piacevole, la dinamica di guida è curata e l’aggravio di peso di 200 kg rispetto ai modelli non ibridi non si percepisce. Anzi, la spinta offerta dall’elettrico è vigorosa e brillante. Maneggevole e agile, si lascia apprezzare sul misto dove le caratteristiche del telaio si esaltano e supportano la struttura della vettura.

Lo sterzo è molto morbido e preciso e il rollio in curva è quasi del tutto assente. L’unica incertezza riguarda il pedale del freno: poco modulabile, è fin troppo morbido a inizio corsa per poi indurirsi. Notare bene, il pedale del freno, non la frenata: Classe A è efficiente ed efficace nell’arrestarsi in uno spazio ragionevole. Sicurezza e affidabilità.

Passando molto tempo in autostrada si apprezza l’ottima insonorizzazione, all’interno non filtra altro che qualche fruscio aerodinamico, e il comfort di bordo: i sedili accomodano quattro adulti egregiamente. Le poltrone sono contenitive e avvolgenti, permettendo ad automobilista e passeggeri di arrivare rilassati a destinazione.

Ad aiutare nel compito, i sistemi di assistenza alla guida: l’offerta Mercedes è molto completa e prevede cruise control adattivo, mantenimento automatico della corsia (un po’ brusco nell’intervento), frenata automatica d’emergenza e altre soluzioni da segmento superiore. Il prodotto ibrido Mercedes è completo, efficiente ed efficace.

Classe A 250 e è una vettura molto riuscita: si conduce piacevolmente, registra consumi da riferimento per il segmento, ha un’ottima dotazione tecnologica, una carrozzeria realizzata con gusto e senza virtuosismi estetici e ADAS di ultima generazione. Per apprezzare appieno le caratteristiche del plug-in è necessario sfruttare la carica della batteria, bisogna collegarsi a una presa sovente.

50 km di autonomia sono più che sufficienti per le esigenze quotidiane. Collegandosi a una colonnina pubblica da 7,5 kW (le più diffuse) servono circa 2 ore. Il progetto EQ Power di Mercedes mostra tutta la sua affidabilità su Classe A, tra le migliori ibride plug-in oggi disponibili sul mercato.