Cinema e Serie TV

Doctor Who: Il nome del Dottore

Doctor Who è una serie britannica di genere fantascientifico che va in onda dal 1963. In quasi sessant’anni di storia televisiva, il Dottore rimane ancora un personaggio misterioso, sappiamo ben poco della sua giovinezza e, spesso, i suoi sentimenti e la sua mente sono indecifrabili. Altra questione che ha sempre destato mistero è quella legata al nome del Doctor Who.

Qual è, quindi, il vero nome del Doctor Who? Nel corso degli anni il Dottore ha dato diversi nomi, sia ai suoi compagni sia ai suoi nemici, e altrettanti nomi gli sono stati attribuiti, da Basil a Theta Sigma, passando per δ³Σx². Basil, ad esempio è il nome che nel 2017 il Dottore dà nella puntata The Zygon Inversion e sappiamo bene che lui non mente mai, tranne quando mente, cioè abbastanza spesso. A queste supposizioni si affiancano anche i nomi dati dai suoi acerrimi nemici, come Il Distruttore dei Mondi, attributo datogli da Davros nel finale della quarta stagione, La Bestia, Il Predatore di Dalek, Il Grande Sterminatore. 

Cosa sappiamo sul nome del Dottore

Quello che di certo sappiamo è che il Dottore non vuole che il suo nome si conosca. Nella puntata Le Ombre Assassine che segna il primo incontro, sulla linea temporale del Dottore, con River Song, il Decimo Dottore non si fida affatto della donna che sostiene di conoscerlo. River, quindi gli sussurra il suo vero nome all’orecchio lasciando il Dottore sconcertato e inorridito da questa rivelazione. Questo probabilmente perché, con la rivelazione del nome da parte di River Song, il Dottore capisce che lei sarà la sua futura moglie. La complicata cerimonia di nozze dei Signori del Tempo, infatti, prevede la rivelazione del nome reale. 

Altri personaggi faranno delle congetture sul nome del Dottore. Ad esempio Lilith, l’aliena carionite che il Dottore incontra in uno dei suoi viaggi, afferma che il vero nome del protagonista della serie sia nascosto nella disperazione. A conclusioni simili giunge la giovane sibilla romana che Donna e il Decimo Dottore incontrano nella quarta stagione nell’episodio Le Fiamme di Pompei. Anche lei dirà che il nome è nascosto persino alle sue doti di veggente. Nel corso delle stagioni e, soprattutto, con l’avvento di Moffat come showrunner, il titolo della serie diviene un vero e proprio indovinello, Doctor Who?. Aggiungendo il punto interrogativo ci troviamo davanti a un quesito a cui non è lecito fornire una risposta. Perché? La risposta è abbastanza semplice, la rivelazione del nome del Dottore potrebbe dar vita a delle conseguenze inaspettate. Per esempio, La Grande Intelligenza brama di avere l’informazione riguardante il nome del Dottore, dall’altro lato, invece, Il Silenzio, che è una sorta di culto fondato proprio sul nome del Dottore, lotta affinché questa informazione rimanga segreta.

Quando l’Undicesimo Dottore inizia la sua rigenerazione, veniamo a conoscenza che il suo nome è addirittura un richiamo spazio-temporale per i Signori del Tempo per dare il via a una guerra senza fine, finché Clara non interviene. La stessa ragazza impossibile (Clara, appunto) conosce il nome del Dottore, lo legge in un libro dal titolo La Storia della Guerra del Tempo, ma se ne dimenticherà a causa della perdita di memoria, asserendo che il vero nome del Dottore è Il Dottore, e tutto il resto non conta nulla.

Il Dottore, l’uomo dai mille volti e nomi

Clara, nella questione che ruota attorno al vero nome del Dottore, è un personaggio centrale. Lei sostiene che il nome reale sia, effettivamente, il Dottore, ma lo dice con cognizione di causa. Infatti, è proprio il Dottore a rivelare alla ragazza impossibile che il nome Il Dottore è una sorta di promessa che ha fatto con se stesso, il monito di non essere mai crudele con nessuno e di infondere pietà a tutti, anche ai suoi nemici più temibili. Lo vediamo, infatti, nella grande umana pietà che dimostra nei confronti di Davros quando scopre che è sopravvissuto alla Guerra del Tempo e vuole salvarlo da crogiuolo Dalek in fiamme. Durante la Guerra del Tempo il Dottore, vergognandosi delle sue azioni poco caritatevoli decise di non essere più degno di portare quel nome, lo mise quindi da parte.

Stando a quanto rivelerà all’Undicesimo Dottore La Grande Intelligenza, altro nome con cui sarà chiamato sarà Valeyard. Sappiamo che quest’ultimo è stato un personaggio centrale nelle storie riguardanti il Sesto Dottore, comparendo come pubblico ministero nel processo che vede il Dottore imputato di condotta disdicevole per un Signore del Tempo e di aver trasgredito la prima legge del tempo. Il Valeyard è una sorta di compendio di tutto ciò che il Dottore non è ma che potrebbe essere, così come lo definisce Il Maestro, essendo esso, effettivamente, una parte del Dottore futuro.

L’alias più comune che il Dottore utilizza quando è sulla terra è John Smith. Il Terzo Dottore, interpretato da Jon Pertwee, utilizzerà questo pseudonimo per tutto il tempo in cui sarà confinato sulla Terra per scontare la sua condanna. Sarà anche utilizzato molto spesso dal Decimo Dottore, sia quando si spaccerà per il supplente di fisica nella puntata Una Vecchia Amica (che segna la reunion con Sarah Jane Smith nella nuova serie) sia quando, assumendo identità umana sarà relegato sulla Terra all’inizio del Secolo Breve. 

Altra interessante teoria è quella che ci porta a quando il Dottore era un giovane studente dell’Accademia dei Signori del Tempo su Gallifrey. Durante la sua Quarta incarnazione, il Dottore incontra un suo collega dell’Accademia, un certo Drax, il quale rivela che il soprannome del Dottore durante gli anni di studio fosse Theta Sigma (ΘΣ). Questa teoria, però, non ha avuto molto seguito finché non è stata pressoché canonizzata nella prima guida ufficiale dedicata alla serie Doctor Who e pubblicata nel 1972, dal titolo The Making of Doctor Who. Qui l’editore e sceneggiatore Terrance Dicks e lo sceneggiatore regolare Malcolm Hulke affermano che il vero nome del Dottore sia δ³Σx², quindi Theta Sigma avrebbe, come soprannome, una rilevante attinenza con il suo vero nome. 

Doctor Who

Secondo alcuni il nome del Dottore sarebbe proprio Doctor Who. A sostenere questa teoria ci sarebbero diversi indizi, come ad esempio nella storia The War Machines del 1966 quando il Computer Wotan dice “È necessario che il Doctor Who venga portato qui”. Se questo poteva essere definito come un episodio slegato, un errore non voluto, l’anno seguente, durante l’era del Secondo Dottore, in un episodio in cui egli interpretava un tedesco, usò il nome di Doctor Von Wer firmandosi con la sigla Dr. W. 

Non dimentichiamo, inoltre, che Dorium Maldovar, un faccendiere decapitato dai Monaci, che troviamo nell’era dell’Undicesimo Dottore, rivela che la domanda relativa alla vera identità del Dottore sia “La prima domanda. La domanda a cui non si deve mai rispondere, nascosta in bella vista. La domanda che hai rincorso da tutta la vita. Dottore Chi (Who)?”. E cosa c’è di più nascosto in bella vista che lo stesso titolo dello show. A conferma o smentita di tutto ciò, dipende da come vogliamo leggere gli indizi, arrivano le parole dell’ultima incarnazione del Maestro nei panni di Missy che ci rivela : È il suo vero nome. Sono cresciuto con lui e il suo vero nome è Doctor Who. Lo ha scelto lui stesso, sai, cercando di sembrare misterioso. E poi ha lasciato cadere il Chi”.

In ultima analisi, Doctor Who sembrerebbe essere il vero nome del Dottore, e lo lasciano intuire anche le numerose sceneggiature della serie classica, come ad esempio quella relativa a Marco Polo, quando il viaggiatore italiano dice “Doctor who (go) to the West“, chiamandolo, appunto, Doctor Who. Ovviamente queste sono solamente delle congetture, in quanto non abbiamo nessuna conferma di quale sia il vero nome del Dottore e, con ogni probabilità, questo mistero non sarà mai svelato, se non alla fine del tempo. In ogni caso, una serie tv così longeva come Doctor Who deve portare a una riflessione anche da parte dei fan e il mistero attorno al nome del Dottore è una delle parti più belle del viaggio che anno dopo anno compiamo insieme a lui, purtroppo solo come spettatori e non come protagonisti.