Cinema e Serie TV

Il live-action Cowboy Bebop punta a catturare lo spirito dell’anime

Il live-action di Cowboy Bebop uscirà su Netflix il 19 novembre di quest’anno. Molti si chiedono se questo sarà un semplice remake dell’anime, oppure introdurrà qualcosa di innovativo. La preoccupazione è che se ne discosti o che i fan dell’acclamata serie animata di Shinichiro Watanabe possano, inevitabilmente, fare un confronto con l’adattamento, con relativi giudizi, almeno secondo quanto dichiarato dallo stesso John Cho, l’attore che interpreta il protagonista Spike Spiegel.

André Nemec, lo showrunner della serie, ha svelato nel dettagliato qual è stato il suo approccio al live-action di Cowboy Bebop, rivelando che il suo obiettivo è quello di fare di più che proporre semplicemente un prodotto somigliante all’anime.

Cowboy Bebop

Cosa dobbiamo aspettarci dal live-action di Cowboy Bebop secondo André Nemec

Cowboy Bebop, anime realizzato dalla casa di produzione Sunrise e diretto da Shinichiro Watanab, segue le avventure nello spazio di un gruppo di cacciatori di taglie dal passato tormentato in grado di inseguirli anche tra le stelle.

Cowboy Bebop è stato riconosciuto da più parti come una delle opere più innovative degli ultimi decenni, da una regia dal taglio “filmico” degna di una vera e propria serie TV a una colonna sonora tanto curata da non trovare eguali, diventando un riferimento per tanti altri.

Lo showrunner dell’adattamento live-action, André Nemec, in una nuova intervista con Polygon, ha rivelato di volere riproporre le stesse sensazioni della serie originale, e non solo creare qualcosa che le assomigli superficialmente. Per Nemec il live-action di Cowboy Bebop deve fare rivivere lo spirito dell’anime.

Inoltre Nemec ha chiarito che sta prendendo molto seriamente il materiale di partenza e che nel live-action saranno presenti molti richiami e riferimenti che non sfuggiranno ai fan che ha sfidato a sapergli riconoscere tutti.

Cowboy Bebop

Quali sono gli elementi che ritorneranno? Di certo l’ambientazione futuristica dell’anime:

“Penso che chiunque sia un fan di Cowboy Bebop sappia che Cowboy Bebop presenta una visione multiculturale del futuro… E quindi vedrete elementi di tutte le culture. Non è un mondo distopico presentato nell’anime. È un’immaginazione molto bella di un futuro. Le persone sono più legate. È una serie di cowboy – quindi sono un po’ violenti, e la gente si uccide a vicenda, e la vita è un po’ scadente – ma il multiculturalismo dell’anime è quello che abbiamo tradotto anche sullo schermo.”

Ritorna anche la compositrice, Yoko Kanno, ampiamente considerata una delle migliori compositrici dell’industria degli anime. Tra le cose che hanno reso l’anime di Cowboy Bebop così perfetto è il lavoro di Yoko Kanno e Nemec ha dichiarato che sarà così anche per il live-action:

“Chiunque ami la musica di Cowboy Bebop amerà anche ciò che Yoko ha fatto per noi in questo show. È davvero sensazionale. Quando sentirò la musica sorriderò.”

I fan potranno giudicare da soli se il live-action saprà rispettare le dichiarazioni di Nemec. Vi ricordiamo che live-action di Cowboy Bebop vede John Cho nel ruolo di Spike Spiegel, Mustafa Shakir come Jet Black e Daniella Pineda è Faye Valentine.

Nell’attesa della serie live-action, vi consigliamo di recuperare Cowboy Bebop the Movie: Knockin’ on Heaven’s Door disponibile su Amazon!