Libri e Fumetti

La recensione di Le Storie di Guerra di Garth Ennis – Eroi del Cielo

Se le vicende belliche a fumetti raccontate ne Le Storie di Guerra di Garth Ennis vi hanno appassionato, il 26 agosto è in arrivo un volume che prosegue e arricchisce la serie principale. Grazie a saldaPress che pubblica in Italia la serie, Le Storie di Guerra di Garth Ennis – Eroi del Cielo sbarcherà a breve in fumetteria e in libreria, anche se forse sarebbe meglio dire che “atterrerà”. Garth Ennis si concentra qui infatti sulle battaglie combattute tra i cieli europei insieme all’illustratore Keith Burns, riprendendo le vicende di un personaggio di cui avevamo già fatto la conoscenza nei volumi precedenti, oltre ai tanto amati velivoli protagonisti di numerose avventure belliche. Un volume che giunge gradito e di cui vi parliamo qui in anteprima, nella nostra recensione.

Le Storie di Guerra di Garth Ennis – Eroi del Cielo

Bobby Shaftoe’s gone to sea

Il nono volume de Le Storie di Guerra di Garth Ennis è il palcoscenico dei racconti ambientati negli anni della Seconda Guerra Mondiale che vede muoversi sulla scena il tenente Jamie MacKenzie, talentuoso aviatore della RAF. Dopo aver combattuto tra i cieli della Russia finendo per vivere una brutta avventura a bordo del suo aereo, MacKenzie si ripropone di raggiungere la donna amata, rimasta in attesa di rivederlo, una volta uscito vivo dalla sua spiacevole situazione. Nonostante il racconto si concluda lasciandoci all’oscuro sulle sorti di questo amore, il nuovo volume Le Storie di Guerra di Garth Ennis – Eroi del Cielo afferra nuovamente il filo della storia del tenente e ci porta nella sua nuova vita a fianco dell’amata Beth.

Le Storie di Guerra di Garth Ennis – Eroi del Cielo

La sua carriera militare prosegue e MacKenzie continua a combattere la flotta aerea nazista a bordo di un Mosquito, ma le cose non sono più semplici per il pilota, nemmeno adesso che può contare sul grado di tenente. Appena giunto alla nuova base aerea a bordo del suo Mossie, si trova coinvolto infatti in un “piccolo” incidente che gli fa guadagnare fin da subito le antipatie del comandante Broome, il quale inizia così a prenderlo di mira e a riservargli un trattamento discriminatorio. Affiancato al navigatore aereo più emarginato della base poiché indiano e assegnato al velivolo più inaffidabile della flotta, chiamato T come Stronzo, il pilota dovrà combattere una guerra nella guerra: quella contro Broome, che lo tormenta, e quella contro i nemici nazisti, che seguitano nelle loro incursioni nonostante il conflitto scivoli via via verso la sua conclusione.

Tra amore e guerra

Gli emozionanti racconti di guerra scritti da Garth Ennis, come abbiamo visto nei volumi precedenti della serie a fumetti, rappresentano uno tra i più riusciti sposalizi tra accuratezza storica e fiction. Le Storie di Guerra di Garth Ennis portano nel mondo del fumetto gli anni della Seconda Guerra Mondiale e alcuni tra i più sconvolgenti fatti reali che l’hanno caratterizzata, vissuti da personaggi creati ad hoc dall’autore irlandese. Essi tuttavia fanno parte in genere di quei gruppi militari davvero esistiti in quel periodo e non è un mistero che uno tra questi a essere favorito da Ennis sia quello della RAF, ovvero la Royal Air Force inglese. Protagonista così di diversi racconti all’interno della serie Le Storie di Guerra di Garth Ennis, la RAF torna con le sue prodezze in Eroi del Cielo, in una mescolanza di narrazione storica del contributo che la forza armata aeronautica ha fornito durante il conflitto e vicende romanzate di ciò che i suoi aviatori probabilmente hanno vissuto durante il servizio.

Ennis tendenzialmente fa il duro, ci mostra i lati più cattivi della vita e dei suoi attori, ma sappiamo che in fondo è un inguaribile romantico. Così, nonostante ogni racconto della serie a fumetti sia autoconclusivo e ci lasci solo con l’intuizione di quello che possa essere stato il destino di ogni protagonista, sembra che l’autore irlandese allenti la presa e ci mostra qui il prosieguo della storia di Jamie MacKenzie, già personaggio principale del racconto intitolato Arcangelo nel volume 2. Senza tradire i propositi storiografici che hanno definito tutta la serie, in Le Storie di Guerra di Garth Ennis – Eroi del Cielo vediamo “come vanno a finire” le vicende dello sfortunato protagonista di Arcangelo e leggere una storia interamente dedicata a esso fa molto piacere. In primo luogo, perché come detto in precedenza ne scopriamo le sorti dopo i fatti russi e, in secondo luogo, perché lo vediamo finalmente legato alla donna che nei momenti più folli e disperati della guerra ha rappresentato per lui un’ancora di speranza.

Le Storie di Guerra di Garth Ennis – Eroi del Cielo

Garth Ennis racconta la vita oltre la distruzione e le miserie della guerra; anche in Eroi del Cielo ci parla di incursioni, spari, bombardamenti, esplosioni, ma accanto agli aspetti più spaventosi del conflitto inserisce anche i legami, l’amore per una donna che spinge un uomo ad attraversare un intero continente segnato dalla guerra per raggiungerla, oltre alla fiducia e il rispetto in grado di valicare pregiudizi e intolleranze. Le Storie di Guerra di Garth Ennis – Eroi del Cielo ci emoziona ancora una volta e non una di troppo, concentrandosi su ciò che c’è al di là del servizio sul fronte, portandoci nelle vite di persone che nonostante tutto non erano semplicemente “carne da cannone”, ma individui vivi legati ad altri individui, con esistenze ricche di sogni e speranze in grado di superare persino la paura della guerra.

Tra guerra e cameratismo

Non abbassate però troppo la guardia, perché non è di certo tutto rosa e fiori. Perché Eroi del Cielo è così coinvolgente? Non solo perché il protagonista ha finalmente “una gioia” nella vita, ma anche per l’esatto contrario. MacKenzie viene tormentato dal comandante Broome, che ventila persino la possibilità di soffiargli via la moglie da sotto al naso; il velivolo che viene affidato al pilota funziona a pieno regime una volta sì ed una no; e il comandante crede sia un’ottima punizione per il tenente condividere le sue sorti con Joseph Ranjaram, navigatore di Calcutta allontanato più o meno da tutti per la sua carnagione scura. Le Storie di Guerra di Garth Ennis – Eroi del Cielo diventa così anche un racconto di rivalsa, di quella determinazione in grado di affiorare anche nelle situazioni più avverse.

Le Storie di Guerra di Garth Ennis – Eroi del Cielo

Le situazioni in cui il protagonista viene cacciato sono al limite del fantozziano, in un misto tra ironia e dramma che ci fa empatizzare con MacKenzie e ci fa detestare tutto ciò che gli accade. Ma la rivincita è sempre dietro l’angolo e sfogliare le pagine di questo volume significa appassionarsi alla ricerca del buono nella montagna di “sterco” che ogni conflitto bellico porta con sè: non solo morte e distruzione, Ennis ci mostra come la guerra sia capace talvolta di tirare fuori il peggio dalle persone che dovrebbero essere invece solidali le une con le altre. Eroi del Cielo racconta perciò anche dell’amicizia e del rispetto che “il peggio” può far nascere; di quella grinta che nasce anche negli individui più sottomessi; del cameratismo con i colleghi più sfortunati che hanno perso molto di sè lungo la strada della guerra; e del coraggio che anche le persone apparentemente più becere possono dimostrare in momenti inaspettati.

Le Storie di Guerra di Garth Ennis – Eroi del Cielo: il comparto grafico

Attraverso la serie pubblicata da saldaPress, in volumi che raccolgono per la prima volta in Italia tutti i racconti in ordine cronologico, abbiamo fatto la conoscenza dell’Ennis “storiografo” che ha dimostrato una vasta conoscenza dell’argomento bellico, scrivendo spesso di vicende reali di cui talvolta non si parla sui libri di storia. Dalle sue storie emerge però anche un’altra passione: quella per i velivoli militari, che nei fumetti di questa appassionante serie sono stati più e più volte i protagonisti, disegnati di volta in volta da diversi illustratori.

Le Storie di Guerra di Garth Ennis – Eroi del Cielo

Ne Le Storie di Guerra di Garth Ennis – Eroi del Cielo tocca a Keith Burns maneggiare la materia e probabilmente la serie a fumetti tocca grazie a lui il momento più alto nella raffigurazione dei velivoli. Burns è infatti un illustratore specializzato nel disegno di aeroplani e basta sfogliare poche pagine del volume per averne la conferma: sin dalle prime battute è chiaro come la cura e il dettaglio che l’autore impiega nella sua realizzazione rendano realistici gli aerei, capaci quasi di staccarsi dalla pagina per volare via in un rombo di motori. Se Garth Ennis sa il fatto suo per ciò che riguarda la storia, Keith Burns è un esperto in materia di forme, movimenti e colori di quelle “creature alate” che nella Seconda Guerra Mondiale hanno solcato i cieli del mondo e guardare le sue illustrazioni è praticamente quasi ipnotico.

Le Storie di Guerra di Garth Ennis – Eroi del Cielo

Per Ennis è stata secondo noi una scelta azzeccata quella di affidarsi a Burns nella realizzazione della parte grafica del fumetto: in generale, ogni pagina sembra essere disegnata con una grande attenzione per il dettaglio nonostante il tratto rapido e anche nei combattimenti aerei, dove il rischio più grande è quello di cadere nella confusione degli spari e dei velivoli che vanno in fumo nelle esplosioni, ogni immagine è chiara e perfettamente fruibile. Keith Burns è inoltre membro della Guild of Aviation Artists e al termine del volume, troviamo una raccolta di sue tele realizzate per il RAF Club di Londra, dove gli aeroplani sono tratteggiati ancora una volta con grande maestria e cura per la fedeltà realistica, che dimostrano come Eroi del Cielo non poteva avere forse disegnatore migliore.

Le Storie di Guerra di Garth Ennis – Eroi del Cielo


Dopo averne seguito le vicende in Arcangelo, il secondo volume della serie, ritroviamo qui il pilota della RAF Jamie MacKenzie che finalmente è riuscito a sposare la donna amata in attesa di riabbracciarlo. Garth Ennis dedica il nono volume della sua fortunata serie bellica al racconto di uno dei suoi personaggi, lasciandoci scoprire così le sue sorti dopo la conclusione di quel primo, breve racconto di cui era protagonista. Le Storie di Guerra di Garth Ennis – Eroi del Cielo ci porta nella vita degli individui oltre la guerra, nell'amore oltre la paura, nel coraggio e nell'amicizia oltre le avversità. Un volume emozionante in cui è impossibile non empatizzare con il protagonista, determinato pilota capace di grandi prodezze tra i cieli, dove i velivoli disegnati da Keith Burns sono uno spettacolo d'illustrazione realistica e dettagliata. Una conferma e una pubblicazione che giunge gradita e attesa.

Pro

  • Finalmente il prosieguo delle vicende di uno dei protagonisti de Le Storie di Guerra di Garth Ennis;
  • Un racconto che amplia il focus su amore e speranza oltre la devastazione della guerra;
  • Coinvolgente nelle situazioni più avverse per il protagonista, in un misto tra ironia e dramma;
  • Illustrazioni realistiche dei velivoli, ricche di dettagli e movimento;
  • Combattimenti aerei mai confusionari ma chiari e fruibili

Contro

  • Nessuna nota da segnalare