Cultura Pop

Stranger Things 4: Finn Wolfhard rivela quando uscirà la serie

La quarta stagione di Stranger Things è sicuramente tra le serie più attese tra quelle in uscita sul catalogo Netflix. Nonostante le riprese abbiano ripreso il via dopo un lungo stop dovuto all’emergenza sanitaria mondiale, l’uscita della nuova serie sembra essere purtroppo ancora molto lontana, visto che a quanto pare salterà a piè pari il 2021. Finn Wolfhard, giovane attore che nella serie interpreta il personaggio di Mike Wheeler, tramite il sito Fammio ha risposto a un fan che chiedeva lumi sull’uscita della nuova stagione. Poco sotto, il tweet con il breve video in questione.

Stranger Things

Stranger things 3

Finn spiega infatti che secondo il suo punto di vista Stranger Things 4 dovrebbe uscire il prossimo anno, facendo crollare quindi le speranze di chi desiderava vedere il nuovo ciclo di episodi già a partire dalla seconda metà del 2021 (qui la notizia originale). Vero anche che ormai sono già trascorsi due anni dall’annuncio ufficiale della quarta serie, sebbene lo stop dovuto alla pandemia abbia senza dubbio allungato i lavori più del previsto. Quindi, a rigor di logica, non c’è da stupirsi troppo se l’uscita della quarta stagione di Stranger Things sia in effetti più lontana del previsto.

Le riprese di Stranger Things 4 hanno in ogni caso ripreso il via durante le ultime settimane del 2020, ragion per cui la produzione dello show è ora sicuramente a buon punto. Nulla esclude quindi che Netflix possa presto smentire le parole di Wolfhard, anticipando di fatto l’uscita del nuovo ciclo di episodi entro e non oltre la fine del 2021.

Il finale della terza stagione di Stranger Things aveva lasciato gli spettatori con un gran numero di misteri e dubbi ancora tutti da risolvere: Joyce (Winona Ryder), Will (Noah Schnapp) e Jonathan (Charlie Heaton) hanno infatti deciso di lasciare per sempre Hawkins e trasferirsi in un’altra città assieme a Undici (Millie Bobby Brown), il tutto dopo la presunta scomparsa di Hopper (interpretato da David Harbour).