Schede Grafiche

Asus RTX 3060 Ti TUF Gaming | Recensione

Pagina 1: Asus RTX 3060 Ti TUF Gaming | Recensione

La nuova GeForce RTX 3060 Ti è la proposta di Nvidia per la fascia medio-alta del mercato, dedicata a tutti coloro che vogliono una scheda grafica performante ma che non costi troppo, magari 400 euro o poco più. Vi abbiamo raccontato le nostre impressioni e le novità principali nella recensione dedicata al modello Founders Edition, quindi vi rimandiamo lì per maggiori dettagli; in questa recensioni parleremo invece di un modello custom prodotto da Asus, la RTX 3060 Ti TUF Gaming. 

Design e specifiche tecniche

Le specifiche tecniche non differiscono molto da quelle della RTX 3060 Ti Founders Edition di Nvidia: abbiamo ancora 8GB di memoria GDDR6 a 14Gbps4864 Cuda Core e un BUS 256-bit. Quello che cambia sono le frequenze, che con il BIOS OC raggiungono i 1785MHz in boost, le uscite video a cui si aggiunge un’altra HDMI, portano la dotazione porte a due HDMI 2.1 e tre DisplayPort 1.4a e il connettore d’alimentazione: sulla nuova Asus RTX 3060 Ti TUF Gaming abbiamo un singolo 8 pin, non il 12 pin inserito da Nvidia sulle nuove Founders Edition.

Le dimensioni sono invece decisamente più generose di quelle della Founders Edition, con la Asus RTX 3060 Ti TUF Gaming che occupa 2,7 slot. La “colpa”, se così vogliamo dire, è tutta del sistema di raffreddamento, profondamente diverso da quello visto sulla variante di Nvidia.

Scheda video RTX 3060 Ti FE RTX 3060 Ti TUF Gaming
GPU GA104 GA104
Processo produttivo Samsung 8nm Samsung 8nm
Transistor (miliardi) 17.4 17.4
Dimensioni del die (mm^2) 392.5 392.5
Cuda core 4864 4864
Streaming Multiprocessor 38 38
Tensor Core 152 (terza gen.) 152 (terza gen.)
RT Core 38 (seconda gen.) 38 (seconda gen.)
Frequenza base (MHz) 1410 1410
Frequenza boost (MHz) 1665 1755 (Gaming mode) / 1785 (OC mode)
Velocità memoria (Gbps) 14 14
Quantità memoria (GB) 8 8
Bus 256 256
Bandwidth (GB/s) 448 448
TDP (watt) 200 200
Dimensioni 242 x 112 x 38 mm 301 x 143 x 44 mm

La scheda si presenta con il classico raffreddamento a tripla ventola, con la copertura posta a nascondere il dissipatore con design MaxContact, che massimizza la superficie di contatto tra il die e la piastra. Le tre ventole sfruttando il design Axial-Tech di nuova generazione, inoltre la ventola centrale ruota in senso opposto rispetto alle altre, così da ridurre al minimo la turbolenza e la rumorosità. Le tre ventole sono anche leggermente diverse tra loro: mentre tutte hanno una velocità massima di 3600RPM, le due laterali muovono 44,16CFM d’aria e generano una pressione statica di 2,27mmH2O, mentre la ventola centrale arriva a muovere 46,03CFM d’aria e genera una pressione statica di 2,6mmH2O.

La Asus RTX 3060 Ti TUF Gaming è dotata di doppio BIOS, che permette di scegliere tra maggior silenziosità o prestazioni, a seconda delle necessità. Il tastino per passare da un BIOS all’altro si trova sul retro e può essere facilmente identificato grazie alla scritta presente sul backplate. Proprio il backplate è un altro elemento di spicco della scheda di Asus: in metallo, integra nella parte finale un’apertura, che consente all’aria di passare e raffreddare in maniera più efficace le heatpipe, così da tenere sotto controllo la temperatura più facilmente. L’idea che c’è dietro è la stessa vista sui modelli Founders Edition, anche se in questo caso l’apertura in questione è più piccola.

Come ogni prodotto della gamma TUF, anche la nuova RTX 3060 Ti TUF Gaming è costruita con componenti di alto livello: a partire da induttanze, condensatori e MOSFET, ogni parte di una scheda Asus TUF soddisfa dei precisi standard militari, così da garantire agli utenti la massima affidabilità. Asus inoltre sfrutta il proprio sistema Auto-Extreme per saldare ognuno di questi componenti sul PCB ed esegue dei test per 144 ore, in modo da garantire la qualità di ogni scheda prodotta.

La RTX 3060 Ti TUF Gaming ovviamente porta con sé anche tutte le novità di cui vi abbiamo parlato più volte, come Nvidia Broadcast, Reflex, e IO. Se volete maggiori dettagli su queste tecnologie e su tutte le novità di Ampere vi rimandiamo alla nostra recensione della RTX 3080, dove le spieghiamo più nel dettaglio.