CPU

Intel farà chip per altre aziende, l’industria mormora

Intel potrebbe trasformarsi in un produttore di chip per altre aziende. Dopo aver annunciato che la start-up con Achronix Semicondutor (Noleggiare la produzione Intel a 22 nm? Ora si può) realizzerà FPGA a 22 nanometri negli impianti Intel, alcune indiscrezioni riportano che la casa di Santa Clara avrebbe formato silenziosamente un team che si occuperà di invitare altri clienti a sfruttare le proprie linee di produzione.

“L’azienda ha formato una piccola divisione che opera sotto traccia ed è sempre alla ricerca di clienti. Intel ha iniziato a farlo da qualche tempo ma senza dirlo o almeno pubblicizzarlo”, ha confidato una fonte anonima al sito EETimes. Le motivazioni della mossa di Intel non sono ancora chiare. “Non penso che i soldi siano la ragione principale dell’interesse di Intel nella produzione. Probabilmente stanno cercando di avere un altro tipo di ritorno, ad esempio conoscere una nuova tecnologia o mettere piede in un mercato emergente”, ha affermato la fonte.

Che cosa dice Intel? Per ora rimane in silenzio, sono gli analisti e i giornalisti a parlare. “Penso che Intel entrerà nel mercato delle fonderie (quello in cui operano ad esempio TSMC, Globalfoundries, NdR). Penso che i giorni della produzione solo per se stessi siano finiti. Se sei un produttore di chip hai bisogno di fare volumi e c’è una grande quantità di aziende fabless (senza impianti, NdR) che potrebbero acquistare un pezzo della vostra capacità produttiva. Samsung è scesa in campo e adesso Intel si sta avvicinando. L’azienda di Santa Clara non sarà mai un player puro come TSMC, ma sarà un produttore come IBM, Samsung e altri”.

Dean Freeman, analista di Gartner Inc., ha dichiarato: “Intel diventerà una grande fonderia? Dal lato wireless o FPGA ha il potenziale. Intel ha il capitale e la capacità produttiva per stare nel settore delle fonderie? Sì. La questione è vedere se possono competere agli stessi costi di TSMC, UMC e GlobalFoundries”.

Mark LaPedus, redattore di EETimes per i semiconduttori, non crede che Intel realizzerà chip per avversari come AMD, Broadcom, Nvidia, Qualcomm e altri, ma probabilmente si concentrerà su start-up e aziende che non siano dei propri avversari.