CPU

Intel impegna altri 50 milioni di dollari nello sviluppo tecnologico per la lotta al coronavirus su tutti i fronti

Intel annuncia tramite la propria newsroom di aver investito ulteriori 50 milioni di dollari per combattere il coronavirus e i disagi che questo causa, sfruttando la tecnologia. L’investimento servirà ad alimentare la ricerca scientifica che prima o poi porterà a un vaccino o a una cura, ma saranno impiegati anche per consentire l’accesso alla didattica online per gli studenti.

Quaranta di questi cinquanta milioni finanzieranno due specifiche iniziative: “Intel COVID-19 Response and Readiness” e “Intel Online Learning”.

Intel logo bandiera

Il primo è un progetto volto allo sviluppo di una diagnosi precoce per la malattia in oggetto, una cura e un vaccino. Verranno impiegate tecnologie come l’intelligenza artificiale, il calcolo computazionale ad alte prestazioni e l’erogazione di servizi edge-to-cloud. Inoltre Intel supporterà la creazione di alleanze tra aziende, per rispondere in modo più efficace a questa ed eventuali pandemie future.

Intel Online Learning è invece un’iniziativa che supporterà l’educazione online, tramite la fornitura di adeguati strumenti agli studenti che dovessero necessitarne. Tutto ciò avverrà grazie alla collaborazione con organizzazioni no-profit, partner dell’azienda e scuole pubbliche. Il progetto partirà da subito negli Stati Uniti per poi espandersi a livello globale.

I restanti 10 milioni di dollari verranno usati per un fondo che supporta le richieste di partner esterni e per i progetti di soccorso guidati direttamente dai dipendenti Intel e preposti all’aiuto delle loro comunità.

Donazione Intel 50M

Questa iniziativa posa le sue fondamenta sulla precedente donazione di 10 milioni di dollari in favore delle comunità locali in difficoltà. Sono infatti già stati donati da parte dell’azienda leader nel settore dei microprocessori un milione di guanti, mascherine e altra attrezzatura utile al personale sanitario: quattro milioni di dollari direttamente da Intel (e dalle sue filiali in tutto il mondo) e sei milioni di dollari da parte di Intel Foundation.

Vi lasciamo con le parole di Robert Swan, CEO di Intel:

“Il mondo deve affrontare un’enorme sfida nella lotta contro il COVID-19. Intel si impegna ad accelerare l’accesso alla tecnologia in grado di combattere l’attuale pandemia e che consente lo sviluppo di nuove tecnologie e scoperte scientifiche che migliorano la preparazione della società per crisi future. Speriamo che condividendo la nostra esperienza, le nostre risorse e la nostra tecnologia, possiamo aiutare ad accelerare il lavoro che salva vite ed espande l’accesso ai servizi critici in tutto il mondo, durante questi tempi duri.”

Di questi tempi per poter studiare e seguire le lezioni è necessario un PC, preferibilmente portatile. HP 14s-dq1006nl ha tutte le carte in regola per assolvere a questo compito. Lo trovate, attualmente in offerta, su Amazon.