Tom's Hardware Italia
Memorie

Memoria RAM: 8, 16 o 32 GB?

In questo articolo vi diamo alcuni consigli per capire effettivamente di quanta RAM avete bisogno, soprattutto in base all'uso che fate del computer.

I prezzi delle RAM stanno calando vertiginosamente. Una situazione del genere non si registrava dal 2011 (come vi abbiamo raccontato qui) e il merito è tutto di una domanda sempre più bassa, che porta ad avere maggiori scorte da smaltire.

Un esempio pratico è questo kit da 16 GB Corsair Vengeance LPX DDR4-3000, passato dai 237 euro di circa un anno fa ai 105 attuali. È possibile poi trovare kit da 32 GB anche a 200 euro, contro gli oltre 400 di qualche tempo fa.

Con dei prezzi così favorevoli è un ottimo momento per ampliare la quantità di memoria presente nel proprio PC, ma qui sorge una domanda fondamentale: quanta RAM serve davvero? Bastano 8 GB o è meglio averne 16, se non addirittura 32?

Col passare del tempo il quantitativo di RAM necessario è aumentato, non solo in ambito videoludico: anche programmi e siti web utilizzano più memoria rispetto a qualche anno fa.

Ecco che quindi gli 8 GB del vostro PC, più che sufficienti quando lo avete acquistato o assemblato, potrebbero non bastare più, in quanto vengono facilmente riempiti da un unico gioco in esecuzione, da un pesante programma di rendering o perfino da un browser con molte schede aperte.

Solitamente quando la RAM è satura il computer ricorre al file di paging, ma anche se utilizzate un SSD il sistema risulta essere esponenzialmente più lento. Per questo motivo è sempre meglio aumentare la quantità di memoria RAM a disposizione.

Ampliare troppo la memoria è però solamente spreco di denaro. Qui vi daremo alcuni consigli per capire quanta RAM vi serve effettivamente e poter quindi risparmiare dei soldi da reinvestire in altri componenti del vostro PC.

8GB: il minimo indispensabile

Innanzitutto, meglio dimenticarsi dei 4 GB. A meno che non stiate “riesumando” un vecchio computer oppure non stiate acquistando un Chromebook, il minimo indispensabile per un computer moderno sono 8 GB di RAM. Oggi infatti un computer con solamente 4 GB di memoria è relegato ad utilizzi come navigazione web, gestione email e gaming estremamente leggero.

Per avere dei numeri su cui lavorare abbiamo testato sei diversi titoli (F1 2018, Apex Legends, Battlefield V, PUBG, The Division 2 e Shadow of the Tomb Raider), per capire di quanta RAM avessero bisogno.

Senza avviare nessun programma, Windows occupa circa 2,7 GB di memoria. I giochi utilizzano tra i 6,6 GB e gli 11,3 GB di RAM (rispettivamente F1 2018 e The Division 2), quindi 8 GB sono sufficienti in alcuni casi ma non in tutti: se volete un PC per giocare, il nostro consiglio è di optare sempre per 16 GB di memoria RAM.

8 GB sono sufficienti per chi fa un uso base del computer, incentrato principalmente sulla produttività e sull’utilizzo della suite Office. Anche in questo caso però se utilizzate più programmi contemporaneamente potreste arrivare al punto di saturare tutti gli 8 GB.

16GB: il giusto compromesso

Ad oggi, 16 GB di RAM sono il giusto compromesso tra prezzo e capacità per la maggior parte dei videogiocatori e degli appassionati: permettono di utilizzare più programmi contemporaneamente, senza preoccuparsi di doverne chiudere alcuni per liberare memoria.

Per fare un esempio, tenendo aperti Word e un browser con 14 schede mentre giocavamo a The Division 2 ed eseguivamo uno streaming su Twitch abbiamo utilizzato circa 14 GB di RAM.

Ci siamo avvicinati ai 16 GB totali, è vero, ma quanto spesso vi capiterà una situazione in cui tenete tutti i vostri programmi in background mentre state giocando?

Qui abbiamo una piattaforma con 32 GB di memoria installati, ma utilizzando giochi, suite Office, programmi di fotoritocco e browser con una dozzina di schede aperte raramente ci siamo ritrovati con più di 16 GB occupati.

A meno che non siate professionisti o creatori di contenuti che renderizzano file di grosse dimensioni e sfruttano a dovere grossi quantitativi di RAM, non c’è davvero motivo – ad oggi – di superare i 16 GB.

32GB: esagerati?

Avere 32 GB di RAM permette di lasciare in esecuzione programmi e browser con diverse schede aperte senza porsi troppi problemi. Anche per quanto riguarda i giochi, nessuno di quelli testati si è avvicinato a occupare 16 GB, quindi con 32 GB dormirete sonni tranquilli.

Come detto, se vi serve una macchina per la produttività, maneggiate file di grosse dimensioni e magari ne gestite più di uno alla volta, fareste bene a considerare un sistema con 32 GB (o più) di RAM.

Conclusioni

Concludendo, la risposta alle domande “8 GB bastano?” e “32 GB sono necessari?” è semplicemente “no”, quantomeno nella maggior parte dei casi.

Come vi abbiamo raccontato, per alcuni utenti 8 GB potrebbero essere sufficienti, ma se si vuole giocare a titoli moderni oppure si utilizzano programmi di produttività che hanno bisogno di più risorse è meglio optare per 16 GB.

Con questo quantitativo di RAM è possibile utilizzare diversi programmi contemporaneamente e anche lasciarne un paio in background mentre si gioca, magari per riprendere il lavoro una volta terminato lo svago.

32 GB non sono quasi mai necessari, se non per chi fa editing di immagini RAW o di video ad altissima risoluzione e, in generale, utilizza programmi che hanno bisogno di grossi quantitativi di RAM. Gli altri utenti (compresi quelli enthusiast) difficilmente riusciranno a riempire anche solo la metà di quei 32 GB.

Se il vostro attuale sistema non si avvicina ai 16 GB nemmeno a pieno carico, non ha nessun senso ampliare la memoria e passare a 32 GB. Se al contrario vi ritrovate spesso con tutta la RAM occupata, questo è un buon momento per saltare sul carro dei 32 GB, dal momento che i prezzi dei kit sono i più bassi degli ultimi anni.

Visto l’andamento del mercato, se avete una scheda madre ATX con almeno quattro slot DIMM, utilizzate un kit 2×8 GB e volete passare a 32 GB, secondo noi dovreste aspettare che i prezzi calino ancora e abbinare un altro kit da 16 GB a quello che già avete, pagandolo il meno possibile.