Case e PC Completi

MSI Trident A recensione: Core i5 e RTX 2060 per un PC compatto e potente

Nei giorni scorsi abbiamo provato un PC completo. Abituati ad assemblarcelo da soli, era da un po’ che non provavamo la sensazione del “plug and play”, collega e gioca, che ci ha restituito questo MSI Trident A, un PC dall’aspetto piacevole e dalle dimensioni compatte.

Come potete vedere dalle foto, il computer si sviluppa in verticale e non è molto alto, quindi potete inserirlo anche dietro al monitor se avete spazio, o in generale dove più vi aggrada. MSI Trident A è profondo 38,2 centimetri, largo 12,9 centimetri e ha un’altezza di 39,6 centimetri. Il peso non è eccessivo e potete spostarlo tranquillamente.

La parte frontale s’illumina di diversi colori, e a sinistra c’è una paratia con due grate: da quella superiore è possibile vedere scheda video, nel nostro caso una RTX 2060 Ventus OC, mentre quella inferiore espelle l’aria calda prodotta dall’alimentatore. La paratia di destra consente invece, sempre tramite una grata, la fuoriuscita dell’aria calda prodotta dal processore.

L’aria calda prodotta dalla GPU, a ogni modo, viene espulsa principalmente dalla parte superiore del Trident, tramite apposite feritoie – quelle posteriori della scheda video fanno poco in tal senso dato il design aperto del dissipatore.

Il tasto di accensione è posizionato nella parte superiore, mentre dietro troviamo il connettore per l’alimentatore e ovviamente le uscite della scheda video, nel caso specifico tre DisplayPort e una HDMI. Al di sotto di queste ci sono i connettori della scheda madre, nel caso specifico una mini-ITX (17×17 cm) chiamata B360I Gaming Pro AC.

La motherboard offre una porta combo PS/2 per mouse e tastiere di vecchia concezione, una porta LAN, i connettori Audio HD, DVI-D, DisplayPort, porte USB 2.0, USB 3.1 Gen1 e USB 3.1 Gen2. Frontalmente invece ci sono una USB 2.0, una USB 3.0 e USB 3.1 tipo C, oltre ai jack per cuffia e microfono.

A bordo abbiamo due moduli di memoria Samsung DDR4-2666 da 8 GB, ma è possibile montarne un totale di 32 GB, un solo PCIe 3.0 x16 a cui è collegata una riser card per installare la RTX 2060 in verticale, un SSD M.2 Samsung PM981 e un hard disk Hitachi da 1 TB in formato da 2,5 pollici – potete montarne un secondo (o un SSD) come visibile dalle immagini, nel vano sopra quello della motherboard. L’alimentatore è un FSP da 450 watt.

La CPU è un Core i5-9400 di Intel, un Coffee Lake Refresh con 6 core / 6 thread a 2,9 / 4,1 GHz e un TDP di 65 watt. Si tratta in particolare di un modello F, che non offre una GPU integrata attiva. Nessun software infatti la rileva e il Trident collegato all’uscita video della scheda madre non mostra alcuna immagine sul monitor.

Abbiamo cercato di entrare nel BIOS ma inutilmente, qualsiasi tentativo è stato vano. Dobbiamo però sottolineare che il PC in nostro possesso è un engineering sample, in uscita tra alcuni mesi, quindi non vogliamo parlare di questo intoppo come un problema, ma illustrarlo è il miglior modo che abbiamo per suggerire a MSI d’intervenire prima del debutto.

Come avrete già intuito, questo MSI Trident A, si tratta di un computer perfetto per giocare. La RTX 2060 ormai l’abbiamo provata più volte, quindi abbiamo visto che permette di giocare fino al 1440p a tutti i giochi con dettagli elevati e in Full HD a buoni dettagli anche in ray tracing.

Scalda? Com’è assemblato?

Le dimensioni compatte di questo MSI Trident A sono il suo punto di forza e davvero non possiamo lamentarci perché calore e rumorosità non rappresentano un problema. L’alimentatore ha una modalità 0dB, quindi se usate il computer per operazioni quotidiane non esigenti, come navigare o scrivere su Word, non avrete il rumore di quel componente a darvi fastidio. Ciò non significa che diventi rumoroso in funzione, anzi, anche in quel caso non è per nulla chiassoso.

La scheda video non ha una modalità 0dB, ma quando non è sotto carico non produce molto rumore e lo stesso possiamo dire del dissipatore del processore, uno stock Intel a cui è stata cambiata la ventola.

Ci abbiamo lavorato e giocato per diversi giorni, senza doverci mai lamentare dalla rumorosità. Quanto alle temperature raggiunte, la CPU ha raggiunto in idle circa 42 °C, mentre sotto carico con Prime95, quindi uno scenario limite, abbiamo toccato 80 °C. Per quanto riguarda la temperatura della GPU, Metro e Furmark l’hanno portata 72/73 °C. In idle abbiamo rilevato 33 °C.

Sul fronte dell’assemblaggio MSI ha fatto un buon lavoro per confezionare un prodotto compatto e potente. La parte superiore è a vantaggio della scheda video e la RTX 2060 ci sta ampiamente. Potete montarci una scheda video più lunga, c’è un vano che permette d’inserire schede dual-slot fino a 31 cm. Fate attenzione però, dall’alimentatore parte un solo cavo PCIe a 8 pin, quindi la selezione di schede installabili è limitata.

Non c’è molto margine di manovra sulla CPU, perché l’alimentatore è da 450 watt. Non è detto comunque che non possiate installarci una futura CPU da 65 watt di Intel, compatibile ovviamente con il socket e il chipset B360. A ogni modo il Core i5 installato vi soddisferà per molti anni.

Prestazioni MSI Trident A

Trattandosi di un PC che si rivolge ai giocatori, l’abbiamo provato in Full HD e WQHD con Metro Exodus, uno dei giochi più esigenti del momento. Ecco i risultati ottenuti:

MSI Trident A test giochi
MSI Trident A test giochi

Come potete vedere, è possibile giocare a Metro Exodus decentemente in Full HD e anche in WQHD, ovviamente senza RTX attivo. Con il DLSS attivo è possibile usare RTX in Full HD.

MSI Trident A test giochi
MSI Trident A test giochi
MSI Trident A test giochi

In Tomb Raider non ci sono problemi anche a giocare in WQHD, e con l’ultima patch uscita che aggiunge ray tracing e DLSS, è possibile giocare lo stesso a tale risoluzione, ma con DLSS attivo se volete la massima fluidità.

Abbiamo a che fare con una RTX 2060, quindi se volete ulteriori test, potete leggere una delle nostre recensioni.

Conclusioni

Tiriamo le somme. Come avrete capito, questo MSI Trident A ci ha convinto, è un buon computer che fa ciò per cui è stato progettato, ovvero assicurarvi prestazioni sufficienti per giocare bene in Full HD e WQHD, e sostenere eventuali altri compiti in modo egregio.

Il suo punto di forza è l’ingombro ridotto, infatti si sviluppa in verticale e quindi può stare benissimo sulla scrivania o dietro un monitor. Nonostante le dimensioni compatte, MSI Trident A non fa molto rumore nemmeno sotto carico, quindi si inserisce bene in qualsiasi ambiente.

Se in futuro vorrete aggiornarlo, potrete farlo. Memoria, SSD, hard disk, scheda video e processore possono essere sostituiti, ovviamente tenendo conto del fatto che lo spazio è comunque ridotto e quindi bisogna selezionare i componenti in modo attento.

Arriviamo quindi al punto importante, il prezzo. MSI ci ha detto questa versione del computer sarà disponibile da fine giugno a 1499 euro, in vendita da Mediaworld.

Facendo due rapidi calcoli in base al tipo di hardware installato, riteniamo si tratti di un prezzo più che onesto: MSI a occhio e croce si tiene un margine di circa 200 euro sul prezzo dei componenti, che comprende chiaramente i costi di assemblaggio, test, marketing e altre spese varie. Inoltre c’è Windows 10 installato di default, e la licenza ha un costo.

Se quindi volete un PC potente, del buon design, silenzioso e poco ingombrante, ma non avete intenzione di spendere tempo ed energie nella selezione dei componenti e nel conseguente assemblaggio, riteniamo sia una buona scelta. Vi basta estrarlo dalla scatola, collegarlo e in 5 minuti sarete già in gaming. L’unico neo è che per metterci le mani sopra dovrete aspettare qualche mese.