Schede madre

Software e firmware

Pagina 2: Software e firmware

L’Asus AI Suite 3 contiene la maggior parte delle applicazioni della Maximus XI Hero: Dual Intelligent Processors 5 integra la modalità TPU per un overclock stabile e automatico e quella EPU, pensata per il risparmio energetico. Fan Xpert 4 (utile per il controllo delle ventole), Digi+ Power Control, Turbo App, PC Cleaner, EZ Update e una pagina di informazioni sul sistema completano la gamma di software disponibili. È presente anche una versione di USB BIOS Flashback per Windows con cui aggiornare il firmware.

Cliccando sull’icona AI Optimization si dà il via a un processo automatico di overclock e test di stabilità. L’algoritmo ci ha permesso di arrivare a 5,1 GHz con un massimo di tre core attivi e a 5 GHz con più di tre. Con i carichi small-FFT di Prime95 la tensione è arrivata a circa 1,3 V sul singolo thread e a 1,28 V con 8 thread usati. Non ci è stato possibile fare ulteriori test di questo tipo in quanto aggiungere altri thread causa un crash del sistema.

È possibile anche modificare le varie impostazioni manualmente, compresa la calibrazione della linea di carico della CPU tramite l’utility Digi+ Power Control.

Gli altri programmi presenti sono meno interessanti, soprattutto dopo aver scoperto che il tool USB BIOS Flashback è solamente un modo per mettere il firmware su una chiavetta e riavviare il sistema in modalità flash per installarlo. È la stessa cosa che facciamo manualmente, e usare il software non accelera il processo.

Asus Aura RGB include una modalità di sincronizzazione che imposta su tutti i dispositivi la stessa illuminazione. Non imposta però gli stessi timing, e per le nostre memorie RGB questa è una limitazione. Data la fama del software di essere ampiamente compatibile con diversi dispositivi, in queste immagini vi mostriamo la maggior parte delle impostazioni disponibili.

Firmware

Il firmware della Maximus XI Hero si avvia di default sull’interfaccia avanzata, in cui il menu Extreme Tweaker include controlli basilari per l’overclock e alcuni sottomenu con impostazioni più avanzate. La modalità automatica è riuscita a portare il nostro i9-9900K fino a 4,95 GHz  1,3 V a pieno carico e le memorie DDR4-2933 fino a 3867 MHz con una tensione di 1,35 V. Durante i test abbiamo portato le correnti della CPU ai limiti del firmware per evitare il throttling.

Abbiamo impostato la vCore a 1,28 V e la DRAM a 1,34 V, vi spiegheremo poi perché. Abbiamo scoperto che la tensione media degli slot DIMM è più alta di 13mV rispetto alle nostre impostazioni, ma nel firmware l’eccedenza risulta solamente di 3mV. Come sempre abbiamo mantenuto come nostro limite una tensione massima per le memorie di 1,355 V, in modo da non avvantaggiare nessuna scheda durante i test.

Il primo sottomenu di Extreme Tweaker è dedicato ai preset per l’overclock. ci sono sette profili diversi preimpostati da Asus: il “Gamer’s OC” imposta la frequenza 8C/16T a 4,8 GHz, lascia i 5 GHz per i carichi leggeri sul singolo thread e segnala un overclock del 38% nella splash screen che appare al riavvio. Il profilo “CPU 5G OC” porta i core a 5 GHz e 1,3 V, ma Prime95 causa un blocco del sistema. Per quanto riguarda la differenza nella percentuale di overclock (il profilo Gamer’s OC fa un overclock effettivo del 2%), Asus si riferisce alla frequenza base del processore, quando Intel Turbo Boost è disabilitato.

Il sottomenu relativo al controllo dei timing delle DRAM include praticamente tutti i timing possibili e aggiunge un ulteriore sottomenu contenente alcuni preset con diversi overclock relativi a diverse configurazioni della DRAM. Sono presenti anche altri sottomenu come Skew Control, RTL IOL Control e Memory Training.

L’impostazione più importante per l’overclock della CPU si trova nel sottomenu External Digi+ Control, alla voce “CPU Current Capability”. Le impostazioni di fabbrica della scheda madre causano il throttling del nostro i9-9900K già alle impostazioni di default, nel tentativo di rimanere nei 95 W di TDP, quindi abbiamo deciso di impostare al massimo questa voce. Nel frattempo abbiamo anche scoperto che il livello 7 della calibrazione della linea di carico della CPU fa salire la vCore di circa 23 mV oltre il valore impostato quando tutti i core sono carichi. Dal momento che il livello 6 permette alla vCore di scendere sotto 1,3 V, abbiamo combinato una linea di base di 1,28 V con i 23 mV “extra” del livello 7 per raggiungere gli 1,3 V necessari per mantenere la CPU a 4,95 GHz durante tutti gli stress test.

Gli altri sottomenu includono l’Internal CPU Power Management, dove abbiamo nuovamente impostato i limiti il più alti possibili, Tweaker’s Paradise, dove troviamo controlli avanzati per clock e tensioni, e AI Features, dove abbiamo alzato la temperatura del package per farla combaciare con i limiti dei core e DRAM REF Voltage Control.

Apportare cambiamenti solamente alle voci del menu Extreme Tweaker significa imbattersi quasi sicuramente nel throttling termico, qualsiasi impostazione di overclock si usi: Intel ha alzato il limite dell’i9-9900K a 115 °C, ma la Maximus XI Hero mantiene i 100 °C dei processori precedenti. Con le stesse impostazioni usate sulle altre schede testate, Il nostro processore ha raggiunto i 103/104 °C massimi. È possibile modificare il limite di 100 °C andando nel menù avanzato e selezionando il sottomenu CPU Configuration.

Le impostazioni delle ventole si trovano alla fine del menu “Monitor”. È possibile scegliere tra diverse curve di temperatura/RPM, utilizzare l’algoritmo integrato per creare una curva personalizzata oppure crearla manualmente usando le percentuali. Tutti gli otto connettori possono essere impostati sulla tensione o sulla regolazione PWM.

Il menù “Tool” integra una scorciatoia verso l’interfaccia EZ Flash, l’utility Secure Erase per gli SSD, le impostazioni di configurazione di Asus ROG OC Panel, le letture SPD delle DIMM, un’impostazione per disabilitare l’Asus Armoury Crate Downloader e una schermata di informazioni sulla scheda video. È possibile anche registrare, salvare e caricare su una chiavetta USB fino a otto profili contenenti le impostazioni del firmware.

È possibile anche usare i tasti funzione per accedere più velocemente ad alcune impostazioni. Con F11 viene richiamata la guida automatica per l’overclock, con F6 una mappa di controllo delle ventole, con F9 una funzione di ricerca delle impostazioni e con F7 l’interfaccia EZ Mode.