Software

Recuperare file cancellati in Windows 10? Microsoft rilascia un tool ufficiale

Microsoft ha pubblicato sul suo negozio ufficiale di app per Windows 10 un tool per il recupero dei file cancellati. Esistono molte soluzioni diverse, alcune gratuite e altre a pagamento, per il recupero dei file eliminati: da oggi Windows 10 possiede uno strumento ufficiale che permette di ripristinare questi file, scaricabile gratuitamente dal Microsoft Store.

Windows File Recovery, questo il nome dello strumento di Microsoft per il ripristino dei file eliminati, permetterà di recuperare da hard disk, SSD, memorie USB e persino schede SD tutti quei file che sono stati cancellati (volutamente o per errore) e che non sono ancora stati sovrascritti. L’utility permette anche di ripristinare anche i file corrotti, fornendo agli utenti una nuova ancora di salvezza in momenti di assoluta disperazione (se non avete mai perso o corrotto dei file importanti non potete capire, N.d.R.).

file

Il tool Microsoft può lavorare impostando come target di ricerca il nome, una parola chiave, un percorso o una particolare estensione di file da ripristinare. Sono supportati i formati di file JPEG, PDF, PNG, MPEG, MP3, MP4, ZIP, i file Office e molti altri ancora, mentre i file system supportati sono NTFS, FAT, exFAT e ReFS. Per utilizzare il tool è necessario disporre di Windows 10 19041.0 o versioni successive e le piattaforme hardware supportate sono ARM, ARM64, x64 e x86.

L’applicazione supporta tre modalità di ripristino: la modalità default, la modalità segment e la modalità signature. I file cancellati accidentalmente da un’unità USB possono essere recuperati utilizzando la modalità signature, che può spingersi oltre la classica modalità di recupero NTFS per lavorare con i dispositivi di memorizzazione esterni. La modalità signature richiede solo la presenza dei dati e ricerca specifici tipi di file, ma non funziona per i file di piccole dimensioni. La modalità default utilizza la Master File Table (MFT) per individuare i file andati persi. La modalità segment non richiede MFT, ma richiede la presenza di segmenti sull’unità da cui recuperare i dati.

Purtroppo, a differenza di altri programmi simili disponibili online, Windows File Recovery va utilizzato tramite riga di comando (CMD) ed è quindi adatta ad un gruppo di utenti più esperti. La guida ufficiale all’utilizzo di questo utilissimo strumento è visualizzabile sul sito di supporto Microsoft, mentre è possibile scaricare Windows File Recovery dal Microsoft Store.

Vi siete mai trovati in condizione di dover recuperare dei file eliminati? Cosa ne pensate di questo tool di Microsoft?

Questa chiavetta contenente l’installazione di Windows 10 Home 32/64 bit e dotata della licenza per un dispositivo può tornarvi utile per rimettere in sesto il vostro PC: disponibile su Amazon.