sonno

10 prodotti per migliorare la qualità del sonno e combattere l’insonnia

Archiviato il difficile momento di lockdown causato dall’emergenza COVID-19, possiamo finalmente tirare un sospiro di sollievo, lasciandoci andare (ma con intelligenza) all’allentamento delle misure stringenti che ci hanno aiutato a combattere la malattia che ha imperversato in tutto il nostro paese. Abbiamo vissuto un momento difficile, fonte di uno stress che, purtroppo, è diventato un fattore determinante nelle vite di molte persone specie di chi, vittima della reclusione e della precaria situazione economica, ha vissuto o sta vivendo questi mesi in preda ad una devastante incertezza.

Insomma, l’emergenza sanitaria ha influito sulla vita di tutti, lasciandoci addosso non solo il dolore di un male difficile da gestire e da curare – con tutte le tristi conseguenze del caso – ma anche una sorta di stanchezza o, se vogliamo, una pesantezza, che ha creato gravi situazioni di disagio con cui, specie se si vive soli, è davvero molto difficile confrontarsi.

Gli effetti collaterali, insomma, sono stati tanti e tra questi pare che uno dei principali (o almeno a leggere i media internazionali) sia stato (e per molti è ancora) quello causato dall’insonnia. L’insonnia da stress non è uno scherzo ed anzi, si tratta di un problema che affligge moltissime persone e che si presenza a cicli più o meno irregolari. Si tratta di un disturbo del sonno che impedisce di dormire adeguatamente, che crea bruschi risvegli notturni e che, alla lunga, mina in modo notevole la salute psicofisica poiché, non serviamo noi per dirlo, il sonno è una parte fondamentale della nostra vita ed esso deve essere sano, profondo e soprattutto regolare. Combattere l’insonnia, però, non è semplice e chi non ne ha mai sofferto potrebbe spaventarsi constatando quanto poco e male si stia dormendo in questo periodo. Dal canto nostro, oltre ad invitarvi a mantenere la calma, consigliandovi di rilassarvi il più possibile (a proposito, qui qualche consiglio), abbiamo pensato di setacciare il nostro ampio catalogo di conoscenze tech per offrirvi qualche acquisto squisitamente pensato per combattere i disturbi del sonno.

Si tratta di una lista di 10 apparecchi, più o meno tecnologici, sviluppati e messi in commercio per combattere i disturbi del sonno. 10 prodotti funzionali e testati, consigliatici direttamente dai membri del nostro team che, alla ricerca del sonno perfetto, si sono lanciati alla ricerca della soluzione ideale, ovviamente a base di tecnologia!

Prodotti per combattere l’insonnia


Un cuscino in memory foam

cuscino memory foam
Troppo, troppo spesso si sottovaluta l’impatto di un buon cuscino sul sonno. Troppe volte, infatti, si stende a tenere lo stesso cuscino per anni, abbandonandosi a quello che è un abbraccio spesso non così comodo e non così morbido. Il cuscino non è solo uno strumento sul quale poggiamo la testa ogni notte, ma è quel dispositivo che regola la posizione della nostra testa e, soprattutto, lo sforzo che imprimiamo sui muscoli della zona cervicale, ovvero quella corrispondente alle 7 vertebre vicine alla base del cranio. Una posizione scorretta o, peggio, una leggera infiammazione (quella che normalmente si definisce “cervicale” ma che più propriamente si chiama “cervicalgia”) può influire sul sonno e sulla salute. La soluzione è semplice: buttate il vecchio cuscino ed acquistate uno nuovo che per forma, materiale e altezza distribuisca al meglio il peso della vostra testa in posizione supina. Un buon consiglio può essere quello di optare per un cuscino in memory foam, materiale morbido, duttile e anche anallergico. Forma, dimensione e costo dipendono solo dalla vostra fantasia… e dalle vostre tasche. 

» Clicca qui per acquistare un cuscino in memory foam


I tappi per le orecchie tech

Flare Audio Sleeep Pro
Restando in tema di soluzioni basilari: i tappi per le orecchie. Per molte persone l’insonnia è causata, semplicemente, dall’incapacità di escludere i rumori circostanti sicché, concentrandosi involontariamente su essi, si finisce per perdere la voglia di dormire. Si tratta di un problema molto comune che, ad esempio, affligge di frequente le persone in viaggio. La soluzione, vecchia come la notte, è quella dei (poco) pratici tappi per le orecchie, generalmente in materiali morbidi e che non richiedono altro che essere infilati nell’orecchio per tentare di isolare i suoni circostanti. Ora, i classici tappi usa e getta costano poco, ma va detto che spesso non sono comodissimi. Per quanto cerchino di adattarsi all’orecchio finiscono spesso per cadere, e non è raro che ci si svegli al mattino con i tappi finiti chissà dove. Ebbene, c’è chi ha risolto brillantemente il problema e quest’azienda è la Flare Audio, specializzata in tappi per le orecchie e che ha sviluppato, già da qualche tempo, i suoi incredibili Sleep Pro. Si tratta di tappi in memory foam intercambiabile con, nel mezzo, un’anima di titanio che permette non solo un migliore inserimento ma anche una maggiore stabilità. Il risultato è che i tappi non cadono, calzano alla perfezione e isolano in modo sorprendente. Silenzio garantito per meno di 25 euro.

» Clicca qui per acquistare i tappi Flare Sleep Pro


La maschera Sound Oasis

Maschera per dormire smart
Sempre parlando di prodotti basilari, molti di voi potrebbero aver optato per l’acquisto di una maschera da sonno, ovvero una di quelle mascherine di stoffa, generalmente nere, che servono ad isolare al massimo gli occhi, calandoci in uno stato di totale buio. Una soluzione pratica e semplice che, purtroppo, non sempre funziona. A questo punto vi starete domandando se, per caso, esista una soluzione “smart” anche in questo senso e, senza troppa sorpresa, la risposta è un netto sì! Le maschere da sonno smart non sono un prodotto comune, anche perché risulta difficile immaginarsi cosa possano fare in più rispetto a delle mascherine comuni, ma per fortuna c’è chi ci ha pensato su: Sound Oasis è una azienda specializzata nel sonno che, basandosi su alcune pratiche di addestramento NASA, ha escogitato un dispositivo stravagante ma sorprendente. La NASA, infatti, per aiutare gli astronauti a mantenere un ciclo di sonno regolare sulla ISS ha sviluppato un sistema che, basandosi sui colori, aiuta il cervello a rilassarsi e dormire. Usando l’alternanza di rosso (per dormire) e blu (per svegliarsi), la NASA addestra i suoi astronauti a rispondere ai colori per comunicare al cervello quando dormire e svegliarsi. La maschera per il sonno GTS-2000 Deluxe Sound Oasis si basa sullo stesso principio cromatico, proiettando una luce soffusa e pulsante rossa o blu per accompagnarci nel sonno e nel relativo risveglio. Non ci crederete, ma funziona davvero a meraviglia!

» Clicca qui per acquistare la maschera GTS-2000 Deluxe Soud Oasis


Lo speaker per il rumore bianco

speaker rumore bianco
Un prodotto che abbiamo già consigliato nella la nostra lista a base di “prodotti rilassanti”, lo speaker per il rumore bianco è, sostanzialmente, una sorta di cassa bluetooth che oltre alle tipiche funzioni di riproduzione musicale e simili, permette l’ascolto del cosiddetto “rumore bianco”, che non va però confuso con il rumore bianco generato, ad esempio, dal rumore che può emettere un apparecchio radio quando non si riesce a collegarsi alla giusta frequenza. Sostanzialmente si tratta di quello spettro di rumori come le onde del mare, il suono della pioggia o il canto delle balene che, a quanto pare, avrebbe la capacità di aiutare il cervello a rilassarsi, escludendo dalla percezione dell’ambiente circostante tutti quei rumori molesti che ci impedirebbero di rilassarci e dormire. Per quanto noi di Tom’s ci si consideri dotti, non abbiamo la pretesa di dichiarare alcuna valenza scientifica dietro queste parole, ma sta di fatto che ascoltare questa tipologia di suoni prima di andare a dormire – premessa una certa predisposizione – può davvero favorire un sonno rilassato e privo di risvegli. Dunque perché non provare? Noi vi suggeriamo lo speaker Lectrofan, dall’ottimo rapporto qualità prezzo, ma di apparecchi simili ne esistono ormai a bizzeffe!

» Clicca qui per acquistare lo speaker per il rumore bianco


Una smart band

Mi Band 4 e Honor Band 5
L’insonnia può derivare da diversi fattori e, certamente, uno dei più importanti è quello che dipende da un corretto ciclo del sonno. Sostanzialmente, se non si abitua il corpo al sonno per un certo numero di ore, ed a partire da un certo orario serale, diventa difficile per il nostro orologio biologico calibrarsi in modo da lasciarci dormire serenamente. Capire quante ore si dorme è semplice… basta un’orologio. Monitorare, invece, la profondità del sonno e gli eventuali risvegli notturni può essere un po’ più complesso. Per nostra fortuna, tra le varie implementazioni dei moderni dispositivi smart non mancano rilevatori di battito cardiaco che, grazie ad un controllo costante delle pulsazioni, nelle ore di sonno sono in grado di definire in modo chiaro lo stato della nostra attività notturna. Uno smart watch potrebbe fare al caso vostro ma c’è chi non ha voglia di spendere anche solo 100 euro per un dispositivo simile, molto meglio optare quindi per una smart band che, pur contando su di una serie di applicazioni certamente minore rispetto ad un orologio smart, può comunque monitorare più che bene il nostro stato fisico, aiutandoci non solo nelle attività sportive, ma anche nel controllo dei nostri cicli del sonno. Il meglior rapporto qualità/prezzo? Con una Xiaomi Band 4 avrete tutte le funzioni che vi occorrono al prezzo di circa 30 euro (o anche meno, grazie ai frequentissimi cali di prezzo!).

» Clicca qui per acquistare la Xiaomi Band 4
» Clicca qui per acquistare una smart band


Il sensore per il sonno

sleepace
Abbiamo parlato di monitorare il sonno tramite smart band, ma come si fa se si ha una scarsa inclinazione a indossare bracciali e simili? Sembra un problema da poco, ma per molte persone indossare un orologio o un bracciale è un fastidio non da poco. In una situazione come quella dell’insomma, in cui il prendere sonno può essere disturbato anche dal minimo fastidio, è plausibile che molti non vogliano indossare una smart band, pur volendo tenere conto delle proprie ore di sonno. La soluzione? Che ci crediate o meno esistono dei comodi sensori del sonno che possono essere inseriti direttamente nel cuscino, e che sono capace di tenere conto non solo delle ore di sonno, ma anche dei movimenti notturni. Il più noto, nonché il migliore in commercio, è – a nostro giudizio – lo Sleep Dot prodotto da Sleepace, sostanzialmente un apparecchio smart a forma di disco che, in accoppiata con uno smartphone, può monitorare diverse variabili del vostro riposo. Non solo, essendo munito di casse, lo Sleep Dot può servire anche come piccolo diffusore per il rumore bianco o, volendo, per un po’ di musica rilassante. Il prezzo? Circa 50 euro. 

» Clicca qui per acquistare il sensore Sleep Dot


Dodow

dodow
Forse l’articolo più noto, diffuso e acquistato della nostra selezione: Dodow non è altro che un metronomo luminoso, ovvero un apparecchio che, emettendo una serie di luci sul soffitto, aiuta il cervello a rilassarsi ed a regolare la fase di addormentamento. Sembra fantascienza, ma è dimostrato che il giusto gioco di luci e, soprattutto, un certo tipo di illuminazione, possono favorire di molto il sonno naturale. Arrivato sul mercato da qualche anno, certifica un miglioramento del sonno pari a 100 ore addizionali all’anno, abbassando il tempo di addormentamento da 1 ore ad appena 25 minuti. Un manuale e una app dedicate al monitoraggio del sonno e ad alcuni esercizi di respirazione completano un pacchetto che, per soli 49 euro, può seriamente cambiarvi la vita!

» Clicca qui per acquistare Dodow


La Lumie Bodyclock Luxe

Lumie Bodyclock Luxe 750Dab
La luce, dunque, può essere un rimedio naturale per la corretta regolazione del nostro sonno ed ecco perché potrebbe aver senso (e ne ha) affidarsi ad essa anche per un più dolce e sereno risveglio. Una sveglia, infatti, per quanto efficace finisce per spezzare il sonno troppo bruscamente, causando un risveglio “doloroso” che può rovinare le prime ore della mattinata, e oltre. Lumie, azienda specializzata in illuminazione, ha quindi pensato di modificare il concetto di sveglia, creando una sveglia luminosa che, similmente al succitato Dodow, permetta anche di addormentarsi grazie ad una luce soffusa e rilassante. La Lumie Bodyclock Luxe è dunque una vera e propria sveglia con incorporato un vistoso ed efficiente sistema di illuminazione, pensato per accompagnarci nel sonno e risvegliarci senza traumi. Certo, non manca la possibilità di impostare una sveglia sonora, ma anche in questo caso i suoni proposti sono leggeri e per nulla traumatici. Dotata di app smart, la Lumie Bodyclock Luxe simula la luce naturale del ciclo diurno, proponendo colori che richiamano anche alba e tramonto. Bellissima, ma non proprio alla portata di tutti. 

» Clicca qui per acquistare la Lumie Bodyclock Luxe


La Philips Somneo

Philips Somneo
Più o meno simile ma più economica è la proposta Philips, che con la sua Somneo propone una sveglia luminosa davvero bellissima da vedere, dotata di una luce LED dimmerabile che la rende perfetta anche per la lettura. Perché optare per la Somneo e non per la Lumie Bodyclock Luxe, e quali sono le differenze? Fondamentalmente poche, e vanno tutte ricercate in design e nelle funzionalità audio. La Somneo è più essenziale ma più bella da vedere ed emette solo le tonalità tipiche di alba e tramonto, mentre la Lumie è dotata di una gamma di colori maggiore, compreso il blu, e di funzioni audio che vi permetteranno, ad esempio, di ascoltare anche la musica. Al netto di questo, la Philips Somneo è un oggetto molto bello e davvero funzionale, capace di donare all’ambiente un tocco caldo e avvolgente, accompagnandovi anch’essa, con delicatezza, tra le braccia di Morfeo e risvegliandovi al mattino con una luce leggera e dalla colorazione del tutto simile a quella di un’alba naturale.

» Clicca qui per acquistare la Philips Somneo


La sveglia olfattiva

sveglia olfattiva
Concludiamo il nostro articolo, ma anche il nostro giro dedicato alle sveglie, con un’idea semplice ma molto affascinante. La Sensorwake è una sveglia prodotta dall’azienda omonima che, oltre alle funzioni tipiche di una qualunque sveglia retroilluminata, offre anche un sistema incorporato di diffusione di aromi profumati, la cui emissione comincia in concomitanza del momento del risveglio. La cosa è possibile grazie a delle apposite cartucce che vanno inserite nella sveglia, con una singola cartuccia che dovrebbe garantire circa un mese di risvegli. Non è un prodotto economico, e serve un po’ per abituarsi a questo tipo di risveglio (come imprinting, essendo abituati alle sveglie tradizionali, alcuni potrebbero non svegliarsi affatto), ma una volta presa l’abitudine scoprirete un modo nuovo e piacevole di concludere la vostra nottata di sonno. 

» Clicca qui per acquistare la sveglia olfattiva Sensorwake