Tom's Hardware Italia
Android

Google I/O 2019: intelligenza artificiale all’ennesima potenza

Tante novità dal palco della conferenza d'apertura della Google I/O 2019. Intelligenza artificiale assoluta protagonista.

La conferenza d’apertura della Google I/O 2019 ha visto l’intelligenza artificiale assoluta protagonista. L’azienda di Mountain View ha ulteriormente migliorato i propri algoritmi, operazione che le ha consentito di introdurre tutta una serie di novità nei suoi servizi: da Assistant a Duplex, passando per Maps e Ricerca, fino ad arrivare a Lens. Tutti con un minimo comunque denominatore, ovvero l’AI, destinata a essere sempre più al centro dell’elettronica di consumo.

Ricerca Google

Attraverso i nuovi algoritmi di intelligenza artificiale a servizio della realtà aumentata, gli utenti potranno visualizzare e interagire con oggetti 3D direttamente dal motore di ricerca. Questi potranno essere anche posizionati nello spazio circostante e mostrati in scala servendosi della fotocamera degli smartphone. Al fine di rendere l’idea, sul palco della conferenza è stata mostrata questa funzionalità con uno squalo di ben 5 metri, che ha scatenato un’autentica ovazione dal pubblico presente in sala.

Al fine di diffondere il più possibile la creazione di questi contenuti 3D nel motore di ricerca, Google ha stretto accordi con partner d’eccezione, come Samsung, New Balance e persino la Nasa (solo per citarne alcuni). In questo modo l’azienda di Mountain View si è garantita un enorme supporto lato software, coinvolgendo anche le aziende che, di fatto, producono i dispositivi mobili e quelli indossabili. Una mossa non da poco.

Google Lens

Google Lens sarà sempre più al centro dell’esperienza utente immaginata dall’azienda di Mountain View su Android. Sempre attraverso i nuovi algoritmi di intelligenza artificiale, sarà possibile effettuare una traduzione simultanea di un’immagine dal vivo, posizionando il testo direttamente sopra le parole originali. Non solo, ma sarà anche possibile inquadrare il menù di un ristorante e consultare al volo i piatti più diffusi di quel luogo, visualizzarne le recensioni e le fotografie caricate dai clienti  e dalle guide locali di Maps.

Le potenzialità offerte dal potenziamento dell’intelligenza artificiale, applicato a Google Lens, sono davvero infinite. Del resto, si tratta di un’applicazione che, sulla carta, potrebbe davvero essere installata su qualsiasi smartphone, avendo dunque a disposizione una base d’utenza smisurata, che andrebbe ulteriormente a rinfoltire il database di dati a disposizione di Big G.

Duplex

Presentato ufficialmente lo scorso anno, Duplex si evolve. Sarà possibile dunque utilizzare le funzionalità di questo servizio Google anche sulle pagine web. Come ricorderete, la tecnologia sviluppata dall’azienda di Mountain View consente di riconoscere i campi interattivi di un testo, e questo può essere sfruttato dall’utente per prenotare un ristorante, chiamare un taxi o acquistare un biglietto aereo semplicemente attraverso la voce.

Ciò che ha stupito sul palco della conferenza è la naturalezza del linguaggio con cui è possibile interagire con Duplex. Anche da questo punto di vista, il miglioramento degli algoritmi di intelligenza artificiale gioca un ruolo chiave, a ulteriore conferma di quanto Google stia puntando su quest’ambito.

Google Assistant

Discorso analogo per Assistant. La grande novità riguarda proprio la naturalezza dell’interazione con l’utente, visto che non sarà più necessario pronunciare di volta in volta “Ok, Google”, almeno sugli smartphone Pixel. La demo mostrata sul palco della conferenza è stata per certi versi impressionante, e siamo davvero curiosi di poter provare la nuova incarnazione dell’assistente vocale di Big G nella quotidianità.

Tra l’altro è stata introdotta anche la nuova modalità Driving, che mette a disposizione dell’utente una serie di comandi contestuali e l’accesso a tutte le funzionalità principali attraverso la voce, al fine di garantire la massima sicurezza alla guida. Si tratta comunque di novità che arriveranno nel corso dell’estate, presumibilmente con il rilascio della versione definitiva di Android Q.

I top di gamma Pixel 3 XL e Pixel 3 sono disponibili sullo store ufficiale. Li trovate a questo link.