Giochi PC

Among Us diventa un cortometraggio live action: è più inquietante del gioco

Among Us, in termini puramente ludici, è fondamentalmente una versione sci-fi di giochi in scatola com Lupus in Tabula. In termini cinematografici, prende invece ispirazione da opere come Alien e, soprattutto La cosa. Non stupisce quindi che qualcuno abbia realizzato un cortometraggio live action. Badate bene, però, non si tratta di un colorato e allegro viaggio nello spazio, come nel gioco, ma di qualcosa di molto più vicino alle ispirazioni cinematografiche.

Il video, che potete vedere qui sotto, è stato prodotto da “Jay & Arya”. Le fonti di ispirazione sono visibilmente quelle suddette, in particolar modo il film di John Carpenter. Il filmato riesce a ben rappresentare in circa un quarto d’ora tutta la tensione che ci ritroviamo a provare durante le fasi di “Emergency meeting”.

Yellow, nell’apertura, viene pugnalato dall’impostore e i restanti membri della ciurma si radunano per discutere dell’accaduto. Pur se con un tono molto più drammatico, l’emergency meeting si svolge con lo stesso stile del gioco. Jay & Arya non perdono nemmeno l’occasione di citare le varie aree della mappa più nota del gioco, in particolar modo la terrificante “elettrical”, e di sfruttare il tipico linguaggio dei giocatori di Among Us.

Una grande differenza tra il cortometraggio e Among Us è che l’impostore ha un’origine differente: nel filmato si parla di un “virus che cambia la personalità delle persone e le trasforma in assassini”, mentre nel gioco l’impostore è un astronauta infettato e posseduto da un parassita alieno. Si tratta di una libera interpretazione della “lore” del gioco, ma probabilmente è stata una scelta obbligatoria per evitare di dover lavorare eccessivamente sugli effetti speciali dell’alieno.

Among Us

Il cortometraggio è ben realizzato e, anche se comprendere chi è l’impostore non è troppo difficile (almeno per noi), vale certamente 13 minuti del vostro tempo.

Diteci, cosa ne pensate? Vi è piaciuto questo video? Oggigiorno molti giochi famosi trovano sbocco anche in altri media: sarà così anche per Among Us?